22 Luglio 2018 / 20:36
Agli italiani piace il web da cellulare: 800 milioni spesi nel 2011

 
Fintech

Agli italiani piace il web da cellulare: 800 milioni spesi nel 2011

di Franco Volpi - 13 Giugno 2012
In forte crescita il mobile internet e il download di app e contenuti. Secondo una ricerca...
Saranno anche di gran tendenza i tablet, saranno pure sempre più sottili e performanti i laptop, ma non c'è niente da fare: gli italiani sono un popolo di innamorati del cellulare. Uno strumento che, evoluto nella forma e nella tecnologia dello smartphone – ormai lo possiedono in 21,8 milioni - costituisce lo strumento privilegiato per la navigazione in mobilità: nel 2011 gli italiani hanno speso 800 milioni di euro per la navigazione sul web dal proprio smartphone (+ 52% rispetto alla spesa effettuata nel 2010). Ma non solo: il mercato delle App e dei contenuti a pagamento scaricati da mobile ha toccato b en 530 milioni di euro con un aumento del +4% rispetto al 2010 (di cui 75 milioni solo per il download di App e 56 milioni per mobile advertising) .
Sono, a livello economico, i due dati più significativi che emergono dalla Ricerca 2012 effettuata dall’Osservatorio Mobile Internet, Content & Apps promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con l' ICT Institute e il MEF - Associazione Internazionale Contenuti e Commercio Mobile. Cifre importanti, tanto che Andrea Rangone, responsabile scientifico degli Osservatori, ha parlato dello sviluppo in Italia «di un nuovo incredibile ecosistema di business che ci piace chiamare Mobile Economy». Un'economia alimentata soprattutto dall'intrattenimento : i contenuti più scaricati sui dispositivi mobili sono infatti i giochi (+44% rispetto al 2010) , seguiti dai brani musicali (+39%) e quindi dai video (+30%) .
Poco business e tanto svago, insomma, consumato in mobilità senza troppi pensieri legati al costo della navigazione e del download. Ad aver messo le ali a questo crescente utilizzo dello smartphone è stata, secondo i ricercatori del Politecnico, la diffusione di tariffe flat attivate dalle quattro principali compagnie telefoniche italiane (Tim, Vodafone, 3 e Wind) per tutte le fasce di utenza, che consente una navigazione spesso senza limiti. E, sempre per quanto riguarda i carrier telefonici, la diffusione di smartphone che coprono tutte le fasce di prezzo, proposti sempre più spesso in comodato d'uso : il telefonino di ultima generazione, insomma, non è più un bene di lusso.
Oltre a questi motivi "economici" c'è poi un altro elemento fondamentale: tutti i provider che operano sul territorio italiano hanno potenziato le proprie infrastrutture e la propria capacità di banda, garantendo copertura e velocità elevate di connessione, spesso superiori alla qualità di connessione di cui si può usufruire con il laptop via chiavetta.
Costa poco, è rapido e comodo: chi, dati questi tre elementi, non sceglierebbe di navigare e accedere alle funzionalità del web da telefonino? C'è telefonino e telefonino, però. Anzi, c'è sistema operativo e sistema operativo: la ricerca del Politecnico è andata infatti a scavare nell'eterna competizione tra Android e Apple, i sistemi operativi per mobile che si stanno contendendo un enorme business mondiale. I risultati sono interessanti: «Nonostante Android abbia superato Apple nel 2011 a livello di diffusione dei terminali», ha osservato Marta Valsecchi, responsabile della ricerca Mobile Internet, Content and Apps, «si registrano ancora significative differenze sul livello di utilizzo e sulla capacità di monetizzazione da parte degli utenti delle applicazioni presenti sui due marketplace. Questo soprattutto perché manca ancora un sistema di pagamento consolidato nel mondo Android».
Un dato interessante è quello che indica il numero di applicazioni scaricate dagli italiani: il 31% degli utenti che hanno effettuato il download di applicazioni ne ha meno di 5 installate sul proprio smartphone, il 34% ne ha tra 6 e 20 e il 35% oltre 21 . Ci piace lo smartphone, insomma, ma lo utilizziamo ancora con un certo equilibrio...
CONTENUTI CORRELATI

Banche, social e web: il dialogo è interattivo

Informazioni sui prodotti e servizi, assistenza ai clienti, promozione di eventi e iniziative locali, tecnologia, arte, cultura e spettacoli, i temi...

Le 50 password più usate nel mondo

Con l'Internet of Things crescono esponenzialmente i device connessi, ma resta bassa la consapevolezza degli utenti sui criteri minimi di sicurezza...

L'era digitale? Un mare di opportunità

"Oggi Internet ti permette di lavorare su un'idea, di creare un'iniziativa imprenditoriale che ti appassiona, anche se sei ‘diversamente’ giovane....

Imprese italiane ancora lontane dal web. Ma il trend ...

Per l'87% delle imprese l'indagine Istat mostra un livello “basso” o “molto basso” di adozione dell'Ict. Mancano le professionalità...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...