16 Luglio 2018 / 14:54
"C-Card prima payment institution italiana"

 
Pagamenti

“C-Card prima payment institution italiana”

di Flavio Padovan - 2 Novembre 2010
Intervista a Fabio De Ferrari, AD di C-Card e DG di Cedacri
In Italia l’uso del “denaro di plastica”, pur in continua crescita, è ancora lontano dagli standard dei paesi europei. Quali ulteriori interventi dovrebbero attuare i principali attori (governo, banche, PA, aziende, ecc.) per favorire il passaggio dal contante alle carte di pagamento? Lo Stato può svolgere un ruolo determinante attraverso l’introduzione di misure antiriciclaggio sempre più stringenti. Parallelamente sarebbero auspicabili interventi per aumentare la penetrazione di dispositivi POS in segmenti di mercato ancora poco sviluppati, ad esempio introducendo la possibilità di effettuare pagamenti elettronici negli uffici della PA centrale e locale e nelle società di servizi. Molte amministrazioni, infatti, non accettano ancora la moneta elettronica e questo rappresenta un forte freno alla sua diffusione, anche dal punto di vista culturale. Gli operatori possono, invece, incentivare l’utilizzo delle carte in vari modi: prevedendo condizioni economiche più vantaggiose, offrendo soluzioni più funzionali o rispondenti a nuove esigenze come ad esempio le c-less, e sviluppando campagne di comunicazione e marketing per fare emergere i vantaggi dei pagamenti elettronici rispetto al contante, tra cui senza dubbio la maggiore sicurezza.
Come è cambiato finora il mercato italiano delle carte e, più in generale, dei pagamenti elettronici dopo PSD e SEPA? Quali sono i principali cambiamenti attesi e quando inizieranno a modificare realmente la domanda e l'offerta? Sicuramente c’è stato un rinnovamento delle carte e del parco ATM e POS, con la migrazione al chip che entro il 2010 dovrà essere completata. Le banche hanno anche sviluppato i prodotti domestici, facendoli evolvere verso standard paneuropei e arricchendoli di funzionalità. SEPA e PSD hanno poi contribuito a elevare il livello di attenzione e tutela dei clienti, e hanno creato le condizioni per una forte e utile competizione sul mercato dei pagamenti consentendo la nascita delle Payment Institutions.
Quale strategia ha attuato la sua azienda per competere nel nuovo scenario? Quali sono i servizi/prodotti/soluzioni di punta che proponete al mercato italiano? Cedacri si è mossa per tempo creando una società, C-Card, che ha da poco ricevuto – prima in Italia – l’autorizzazione ad operare in qualità di istituto di pagamento non bancario. Un traguardo importante che le permette di completare l’offerta nella monetica: ai servizi di emissione di carte di credito si affiancherà l’attività di acquiring per esplorare in seguito i nuovi servizi di pagamento. Abbiamo già ottenuto la licenza Mastercard e a breve otterremo quella Visa. Per l’emissione delle carte abbiamo raggiunto un accordo con Total System, uno dei principali operatori del mercato che possiede una piattaforma estremamente innovativa, il che ci permetterà di emettere in tempi rapidissimi prodotti con funzionalità e caratteristiche molto vantaggiose per la clientela. Tra i principali target, annoveriamo sicuramente banche, società di telecomunicazione, utility e GDO.
CONTENUTI CORRELATI

TSYS, una nuova strategia per crescere in Italia e in Europa

Punta su servizi innovativi a valore aggiunto che aiutano le banche a rispondere alle nuove esigenze dei clienti digitali la strategia di sviluppo del...

Alipay sbarca nei negozi italiani con Verifone

La piattaforma di pagamento cinese è utilizzata da 450 milioni di utenti. Nel mirino degli esercenti oltre 1,5 milioni di turisti. Ne parliamo con...

Carte e contante: una sfida a tutto campo

Sono tanti i temi interessanti che emergono dall’indagine ABI-Ipsos: crescita costante dei pagamenti digitali, comportamenti, ritrosie ed ottimismi...

Roma capitale dei pagamenti innovativi

Per due giorni, il 5 e il 6 novembre, il mondo dei pagamenti si riunisce a CARTE, la Conference&Expo organizzata dall'ABI per fare il punto sulle...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...