23 Luglio 2018 / 18:56
Bancassurance, le sfide per crescere ancora
Sviluppo del Ramo Danni, prodotti assicurativi specifici per la protezione delle PMI, soluzioni per garantire il welfare di una popolazione sempre più anziana. Sono queste, secondo Matteo Carbone (Bain), le principali aree di business su cui dovranno puntare le banche per replicare il successo ottenuto negli ultimi anni nel Ramo Vita. Ma è necessario un approccio innovativo. Se ne parlerà a Roma il 7 e 8 ottobre al Forum Bancassicurazione
Sarà il Ramo Danni la prossima frontiera della Bancassicurazione? Le banche ci credono, ma per replicare il successo ottenuto del Ramo Vita e sviluppare un mercato che si stima dai volumi estremamente interessanti è necessario innovare i prodotti assicurativi e il modello di servizio, ripensandoli sulla base delle nuove esigenze della domanda e delle caratteristiche della rete distributiva bancaria. Ne abbiamo parlato con Matteo Carbone , manager di Bain & Company, anticipando alcuni dei temi al centro del primo Forum BANCASSICURAZIONE , che ABIEventi ha organizzato a Roma il 7 e 8 ottobre.

Qual è la più importante sfida che devono affrontare le banche nel campo della Bancassurance per continuare a sviluppare il volume dei premi?

Replicare anche nel Ramo Danni il successo ottenuto con i prodotti Vita. E’ un obiettivo concreto, a cui le banche stanno già lavorando.Ma se l’obiettivo è chiaro, è ancora aperta la discussione su quale sia la strategia migliore per arrivarci. L’unica certezza è che l’innovazione svolgerà un ruolo centrale.

Matteo Carbone, manager di Bain & Company
Su quali elementi può essere più determinante l’innovazione?

Le banche devono intervenire su diversi ambiti. Innanzitutto sul prodotto, perché allo sportello non possono essere vendute le stesse polizze Danni che vengono offerte dalle agenzie assicurative. E’ necessario, quindi, proporre prodotti specifici pensati proprio per essere distribuiti attraverso questo canale e che rispondano alle esigenze di protezione più avvertite in questo momento. Mi riferisco, ad esempio, al welfare delle famiglie e alle coperture assicurative per le piccole e medie imprese.

Perché le banche possono riuscire ad innovare in questo settore meglio delle agenzie delle assicurazioni?

Perché sono più libere di sperimentare un approccio nuovo, sia lato prodotto sia lato modello di servizio, rispetto ad agenti e broker. I canali tradizionali fanno più fatica perché hanno già un’esperienza consolidata, una stratificazione di soluzioni e un’organizzazione strutturata che li condiziona frenando il cambiamento.

Qual è la quota di mercato a cui possono puntare le banche?

Se prendiamo a riferimento quanto fatto nel settore Vita, negli ultimi vent’anni le banche sono riuscite a conquistare l’80% dei premi, ribaltando così la suddivisione delle quote iniziali rispetto ai canali tradizionali delle compagnie assicurative. E hanno raggiunto questo traguardo senza cannibalizzare la rete delle agenzie, il cui business è rimasto sostanzialmente stabile, ma creando un nuovo mercato. Nel business assicurativo retail sicuramente le banche possono raggiungere quote rilevanti sfruttando la relazione e la conoscenza della propria base clienti.

C’è un potenziale così ampio anche nel Ramo Danni?

Difficile quantificare la quota di mercato a cui può ambire il canale, anche perché nel breve periodo la contingenza economica sicuramente inflenza la possibilità di incrementare in modo significativo la spesa in polizze assicurative. Se pensiamo al medio periodo sicuramente c’è uno spazio importante: oggi in Italia, se non consideriamo il comparto auto, c’è una sensibile sottopenetrazione delle coperture assicurative Danni rispetto agli altri Paesi, si pensi alle polizze salute o alle coperture per le PMI. Le banche hanno capacità e competenze e possono certamente fornire un forte contributo per colmare questo gap. Ricordiamo che non partono da zero: è dal 2010 che hanno superato il miliardo di euro di premi nel comparto protezione. Ma finora sono stati colti i frutti solo dei rami più bassi, nel senso che sono stati proposti i prodotti più vicini all’offerta bancaria, come ad esempio quelli per la Casa. Ora è necessario fare un passo ulteriore. Negli ultimi due anni moltissime banche hanno cominciato a distribuire il prodotto Auto, e questo è sicuramente la testimonianza di un processo evolutivo in atto. Ora serve probabilmente accelerare questo percorso, creando discontinuità attraverso l’innovazione, ripensando radicalmente l’approccio.

La bancassicurazione vita ha ancora margini di sviluppo interessanti?

Certo, ma per mantenere questo livello di premi non basta replicare quanto fatto finora, anche se ha avuto molto successo. E’ necessario identificare anche qui un nuovo modello con cui operare, serve un’offerta che risponda alle attuali esigenze complessive di protezione della famiglia e di tutela del patrimonio considerando che la popolazione italiana sta invecchiando.

La rete capillare di sportelli che le banche hanno sul territorio è un punto di forza determinante per il successo in questo settore?

Per questa tipologia di prodotti assicurativi, sia lato Danni sia lato Vita, i clienti preferiscono un processo di vendita che preveda un contatto personale. Con l’eccezione settore Auto e del mercato Uk, dove il canale diretto ha un tasso di prenotazione molto elevato, abitualmente chi acquista una copertura vuole avere un professionista di fronte con cui dialogare. In particolare nel Vita, dove c’è una forte componente di advisory. Quindi la presenza capillare sul territorio svolge un ruolo determinante per la vendita, anche se deve essere opportunamente utilizzata e integrata in un’ottica omnichannel, indirizzandola verso l’offerta di un servizio.
Forum BANCASSICURAZIONE
Sono 32 i relatori che animeranno le 5 sessioni e la tavola rotonda in agenda al Forum BANCASSICURAZIONE, primo appuntamento che ABIEventi dedica al mercato assicurativo (leggi qui il programma completo delle due giornate). Obiettivo del convegno è analizzare le principali opportunità e gli approcci che possono consentire al canale bancario di giocare un ruolo chiave nell’innovazione sostanziale del mercato. Si parlerà di innovazione di prodotto e di processo, di sanità integrativa e assicurazione salute, di coperture assicurative per le PMI, del futuro dell'offerta nel comparto Vita e della prospettiva del patrimonio intergenerazionale.
Bancaforte, media partner dell'evento, sarà presente al convegno e realizzerà uno Speciale raccogliendo notizie e opinioni durante le due giornate di lavori. In particolare, nella sezione Video potrete trovare le videointerviste ai principali relatori del Forum.
CONTENUTI CORRELATI

La salute si trova in banca

La diffusione di device tecnologici e una nuova cultura del prodotto assicurativo che punta alla semplicità dell’accesso alle cure ma anche al...

Gestione patrimoniale: le soft skills battono i robot

La relazione con il cliente e la sensibilità rispetto ai suoi bisogni (non dichiarati) costituiscono un patrimonio ancora unico dei professionisti,...

L'Insurtech sa tutto di noi

I comportamenti alla guida dell'auto, lo stato di salute, quando apriamo il frigorifero e quanto usiamo la doccia. In un mondo sempre più complesso,...

Un futuro assicurato

Le ampie potenzialità ancora inespresse del mercato assicurativo italiano, l'approccio nativamente multicanale, un'offerta completa basata su...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...