17 Luglio 2018 / 06:17
Banche, i Millennials vi vogliono così

 
Fintech

Banche, i Millennials vi vogliono così

di Mattia Schieppati - 20 Marzo 2015
Una ricerca ha analizzato negli Stati Uniti l'approccio ai servizi bancari della generazione nata con il digitale. Emerge un gap di comunicazione e una preferenza dell’uso del sito della banca rispetto alle app. Ma l'industry bancaria deve correre sul fronte dei sistemi di pagamento …
Nel tanto parlare che si fa di quanto e come le nuove tecnologie digitali stanno cambiando o potrebbero cambiare i vari comparti economici, e tra questi anche l'industry bancaria (a livello di processi, servizi, rapporto con il cliente, ecc.), si rischia di perdere di vista un pezzo importante di questo discorso: coloro che all'interno di questo rivoluzione tecnologica in atto ci sono nati e stanno crescendo. Ovvero i cosiddetti Millennials, i ragazzi nati tra il 1980 e il 1994, poco prima del cambio di millennio, appunto, e che entrano proprio in questo giro di anni in una fascia d'età interessante per le banche. Ed è, e sarà sempre di più, per loro che le banche dovranno ideare e modulare i propri prodotti e servizi, coniugandoli con i linguaggi e gli strumenti che sono una naturale abitudine per questa generazione nata con lo smartphone in tasca.

Ma chi sono questi Millennials? Che cosa vogliono da una banca, come la usano e perché?

A porsi queste domande è una stimolante ricerca svolta dalla Fico (Fair Isaac Corporation), multinazionale americana che si occupa dell'analisi di big data e di consulenza alle imprese, dal titolo Millennial Banking Insights and Opportunities (scarica la ricerca completa), che ha scavato tra le preferenze dei Millennials statunitensi e ha messo a confronto le loro preferenze rispetto all'approccio e all'utilizzo delle banche (sia tradizionali che online) rispetto alle abitudini della generazione precedente, quella cosiddetta dei Baby Boomers. «Quel che emerge è una conferma», dice David Vonk, responsabile per il Nordamerica di Fico: «è iniziato un periodo molto eccitante per l'industry bancaria, ricco di straordinarie opportunità per chi le saprà cogliere e non si limiterà a giocare in difesa. Stiamo assistendo a una convergenza senza precedenti tra nuove tecnologie, ampliamento dei servizi e attenzione dei clienti. I sistemi finanziari alternativi alle banche sono ancora in una fase embrionale ma hanno le potenzialità per crescere rapidamente».

Dal Report 5 segnali interessanti per le banche

Fonte: Fico Report “Millennial Banking Insights and Opportunities”
1. Il 52% dei Millennials utilizza o intende utilizzare entro i prossimi 12 mesi sistemi di pagamento alternativi rispetto ai tradizionali canali bancari. Il motivo? Sono canali che hanno una rapidità e una migliore facilità di utilizzo. «Le banche devono essere rapide nel mettere a disposizione sistemi semplici per il trasferimento di denaro attraverso i propri canali digitali, online e app, anche tra utenti che non siano clienti diretti della banca», suggeriscono i ricercatori.
2. I sistemi di mobile payment alternativi (Apple Pay, Google Wallet, ...) sono ancora minoritari (sono utilizzati dal 32% dei Millennials) ma promettono una crescita esponenziale. È lo strumento che fa segnalare il gap più grande tra generazioni. Solo l'8% dei baby boomers intervistati si è affidato almeno una volta a questi sistemi solo.
Fonte: Fico
3. La comunicazione banca-cliente non risponde appieno alle aspettative. Analizzando le attività di direct mailing messe in campo dalle banche, qualcosa non funziona. Il 40% dei Millennials esprime delusione perché la propria banca non invia offerte personalizzate; il 46% lamenta il fatto che la propria banca non invii proposte e comunicazioni adatte a quelli che sono i possibili investimenti delle proprie risorse.
4. Il 43% dei Millennials osserva che la banca non comunica con loro attraverso i loro canali di comunicazione preferiti/più utilizzati. Nell'ordine, i canali preferiti sono: e-mail, sms, informazioni sul sito della banca, mobile app.
5. A sorpresa le app per la gestione dei conti e delle proprie movimentazioni bancarie non hanno sfondato nella generazione dei Millennials. Solo il 28% consulta il proprio conto via app (contro il 59% che lo fa attraverso il sito); il 24% usa le app per giroconti e trasferimenti interni di denaro (50% via web site); solo il 19% utilizza le app per trasferimenti esterni (bonifici e altri), contro un 39% che lo fa dal sito.
Fonte: Fico
CONTENUTI CORRELATI

Internet e mobile banking ancora in crescita in Italia

Nell'ultimo biennio altri 2,3 milioni di italiani hanno iniziato ad utilizzare i canali digitali delle banche. E crescono rapidamente anche i...

Mobile payment e mobile wallet tra banche e Fintech

Dall’analisi dell’Osservatorio Fintech & Digital Finance del Politecnico di Milano emerge un rapporto tra Fintech e banche sempre più...

La banca è mobile

Continua a crescere l’utilizzo del mobile banking in Italia, con 5,6 milioni di clienti attivi nel 2016. Nel Rapporto ABI Lab il punto sullo...

Mobile payments, nel 2017 il vero salto di qualità

Da tecnologia esordiente a parte di un ecosistema digitale intelligente: per i pagamenti da smartphone inizia l'anno della grande svolta. Con quattro ...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...