17 Luglio 2018 / 08:08
Banche in campo per agevolare l’uso dei fondi europei

 
Banca

Banche in campo per agevolare l’uso dei fondi europei

di Ildegarda Ferraro - 23 Novembre 2012
Ancora a disposizione oltre 40 miliardi per le iniziative presentate entro dicembre 2013. Utilizzato solo un quarto degli oltre 54 miliardi di fondi strutturati 2007-2013 per l’Italia. Al via il progetto ABI Banche 2020 per supportare e favorire le imprese nell’uso delle risorse comunitarie...
Rendere più agevole l’uso dei fondi strutturati europei disponibili, attraverso un supporto operativo concreto. È l’obiettivo del progetto ABI Banche 2020, che entra ora, dopo una fase di studio, in uno stadio operativo. L’iniziativa, alla quale aderiscono nove gruppi bancari - Banca Popolare di Bari, Carige, Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Federcasse, UBI Banca; Banco Popolare, MedioCredito Centrale, Unicredit, Gruppo Intesa San Paolo - è promossa dall’ABI con il supporto di Warrant Group. Il progetto è diretto a mettere a punto un sostegno formativo/informativo per le banche italiane e favorire quindi un maggiore utilizzo delle risorse comunitarie da parte delle stesse banche e delle imprese loro clienti. E ciò soprattutto con riferimento ad alcuni settori della Strategia Europa 2020, come la ricerca e l’innovazione, la competitività e le energie efficienti.

L'attuale quadro dei fondi strutturati

Il primo passaggio per l’effettivo utilizzo dei fondi strutturati è che si conoscano e che vengano forniti strumenti e metodologie efficaci per il loro uso. Secondo i dati forniti dal Ministero per la Coesione Territoriale per il periodo 2007-2013 sono stati stanziati a favore dell’Italia 28 miliardi di euro di fondi europei e a questi si aggiungono 26,4 di cofinanziamento nazionale, per una dotazione complessiva di 54,4 miliardi di euro. Queste disponibilità vanno usate entro dicembre 2015, ma occorre presentare i progetti e partecipare all’assegnazione dei fondi entro il dicembre 2013. Sempre secondo i dati del Ministero, aggiornati al 26 ottobre 2012, l’Italia aveva effettivamente speso soltanto poco più di un quarto della cifra assegnata. Entro il dicembre 2013 è possibile presentare progetti di investimento per gli oltre 40 miliardi ancora disponibili per non perdere questa disponibilità.
È questo il quadro in cui si inserisce il progetto Banche 2020, che è stato presentato a Bruxelles in un incontro al Parlamento europeo insieme a Confindustria. Sono intervenuti Gianni Pittella e Roberta Angelilli, Vice Presidenti del Parlamento Ue, Giovanni Sabatini, direttore generale dell’ABI, e Michele Somma, Presidente di Confindustria Basilicata. La presentazione ha dato l’avvio all’approfondimento e al confronto con le istituzioni e le imprese per delineare il miglior contributo che ciascuna parte economica può offrire a sostegno delle politiche europee e nazionali. L’obiettivo è, oggi, utilizzare i fondi strutturali non ancora spesi nell’attuale programmazione finanziaria 2007-2013, e domani, sostenere e agevolare le imprese nell’uso delle ingenti risorse finanziarie destinate nel bilancio pluriennale 2014-2020 per la crescita e lo sviluppo economico dell’Unione Europea che, nella proposta di budget della Commissione Europea, ammontano a circa 500 miliardi di euro.
L’Unione Europea e Italia sono impegnate in uno sforzo senza precedenti per costruire risposte efficaci alla crisi economica in atto. Il 2013 rappresenta un anno cruciale e strategico rispetto a tre fattori fondamentali:
  • la conclusione dell’attuale programmazione finanziaria dell’UE 2007-2013;
  • la definizione di meccanismi finalizzati al migliore impiego delle risorse europee esistenti e non ancora allocate come risposta efficace alla crisi nei diversi settori economici;
  • l’avvio del percorso istituzionale di definizione delle risorse alla base del nuovo quadro finanziario dell’Unione Europea 2014-2020.

Il progetto ABI Banche 2020

Con questa iniziativa le imprese del credito entrano in campo per sostenere e agevolare l’uso dei fondi strutturati. Il coinvolgimento dell’industria bancaria nel pieno utilizzo delle risorse europee per progetti di ricerca e innovazione, di efficientamento energetico, di sviluppo delle capacità imprenditoriali può aiutare a raggiungere più alti livelli di occupazione, produttività e competitività delle PMI nel prossimo decennio, permettendo un più rapido raggiungimento degli obiettivi di crescita del Paese.
CONTENUTI CORRELATI

Un'Europa digitale entro il 2018

Dal Tallinn Digital Summit un documento in 5 punti che farà dell'Unione Europea un Digital Single Market attrattivo per imprese innovative. Standard...

NPL a livello pre-crisi

Accelerazione del calo delle sofferenze delle imprese nel 2017-2018, con un restringimento dei divari attuali tra dimensioni, settori e aree...

Così l'artigiano diventa start-up

Al via la seconda edizione di Botteghe Digitali, il percorso di coaching promosso da Banca Ifis per portare il valore dell’industria 4.0 alle...

Minibond 2.0: a caccia di nuove quotazioni

Il nuovo report analizza un'industry finanziaria nata solo due anni fa. Le imprese che hanno effettuato emissioni sono 86, di cui 34 Pmi. E ora si...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...