18 Gennaio 2019 / 23:00
Cabel, linee evolutive per gli istituti di pagamento
Notizie dalle aziende - Salone dei Pagamenti 2018

 
Pagamenti

Cabel, linee evolutive per gli istituti di pagamento

5 Novembre 2018
Una nuova offerta di servizi di pagamento in linea con le mutate esigenze delle banche e della clientela e con i nuovi trend di mercato della digital economy …
L’ avvento di nuovi attori sul mercato dei pagamenti, unitamente ad un progressivo e rapido mutamento delle esigenze dei clienti, impongono agli istituti di pagamento un ripensamento del proprio posizionamento e modello di business. In questo scenario competitivo è possibile cogliere opportunità legate allo sviluppo di nuovi ruoli nel mercato e di servizi innovativi a valore aggiunto da offrire alla clientela, con speciale riferimento a quegli istituti di pagamento che rivolgono la propria offerta direttamente alle banche o, in generale, a clientela corporate, come Cabel IP, quale istituto di pagamento del network Cabel.
I prerequisiti per abilitare un nuovo posizionamento degli istituti di pagamento fanno riferimento a fattori culturali, organizzativi e tecnologici che intervengono sinergicamente nello scenario attuale e devono essere considerati nella declinazione dei razionali evolutivi.
In una recente indagine condotta da Cabel con il supporto di Pwc, tra le principali esigenze manifestate dalle banche clienti che si appoggiano a provider esterni per i servizi di pagamento sono emerse:
1. indipendenza e autonomia rispetto a provider di servizi leader di mercato che esercitano un bargaining power sfavorevole per le banche;
2. necessità di una maggiore customizzazione e flessibilità di prodotti e servizi forniti dai provider;
3. disponibilità di un’offerta di servizi che possa abilitare un posizionamento sul mercato, sostenibile anche per banche di medie dimensioni.
L’evoluzione quindi passa per l’adozione di un modello operativo snello capace di superare gli attuali vincoli dettati da provider che offrono soluzioni standard e con bassa possibilità di customizzazione. La tecnologica rappresenta un ulteriore driver del cambiamento, le soluzioni di mercato custom diffuse in Italia dagli anni 80 e stratificate su diversi layer di applicativi rappresentano uno dei maggiori vincoli all’adozione del nuovo modello. In tal senso, la recente introduzione sul mercato italiano dello standard internazionale Flexcube, realizzato mediante la partership Oracle Cabel, rappresenta un fattore abilitante al cambiamento. Il cambiamento va però supportato anche dal punto di vista di un cultural change, necessario per rafforzare la sostenibilità del business e per sviluppare una forte innovazione in prodotti e servizi, capace di abilitare le banche clienti degli IP a posizionarsi come innovatori con servizi distintivi per la clientela.
L’entrata in vigore della Psd2, contestualmente all’apertura ai Tpp, rappresenta un’opportunità di business da valutare attraverso l’offerta di nuovi prodotti e servizi da proporre alle banche clienti in linea con i ruoli abilitati dalla normativa. Se si considerano gli schemi di business abilitati dalla Psd2, in sinergia con gli schemi abilitati dal nuovo sistema di istant payment, si identificano facilmente nuove soluzioni di pagamento veloci, sicure e di facile fruizione. Tali aspetti rappresentano i principali driver su cui si stanno focalizzando i player tecnologici nello sviluppo di servizi di pagamento.
In tale scenario Cabel vuole rappresentare un abilitatore al cambiamento, accreditandosi come focal point nel processo di innovazione digitale legata al mondo dei pagamenti per le banche clienti, sviluppando la nuova offerta di servizi di pagamento in linea con le mutate esigenze delle banche e secondo i nuovi trend di mercato della digital economy, sfruttando al massimo le potenzialità dell’infrastruttura tecnologica messe a disposizione da Flexcube localizzato per il mercato italiano.
(Contenuto a cura dell'azienda)
CONTENUTI CORRELATI

Deloitte, i punti aperti della Psd2

L'analisi sulle principali novità introdotte dalla Direttiva sui servizi di pagamento e le questioni ancora da definire, legate soprattutto alla...

Salone dei Pagamenti, il bilancio 2018

Oltre 10 mila presenze, decine di novità in anteprima, tanti giovani startupper e giovanissimi studenti. Il Salone si conferma una realtà di...

Epiphany, nuovo approccio per il settore bancario

Soluzioni e servizi, insieme a know how ed esperienza, per la nuova era dell’open banking ...

Per Auriga è il momento della #NextGenBank

Affiancare le banche nel processo di trasformazione digitale, offrendo una piattaforma modulare, con strumenti in grado di modellare il business sulle...
ALTRI ARTICOLI

 
Fintech

"Finanza e Tecnologia? Come somma danno semplicità e vantaggi"

Intervista a Marta Ghiglioni, 25 anni, Dg di ItaliaFintech, la rete delle start-up del Fintech italiano. "Il mondo bancario e finanziario ha capito...

 
Fintech

Al Ces di Las Vegas le start-up italiane hanno fatto squadra

Risultati positivi per la missione “Made in Italy, The Art of Technology” promossa da Tilt al Consumer Electronic Show che si è appena concluso...

 
Banca

Ancora in crescita la spesa IT delle banche

Aumentano gli investimenti in tecnologie da parte delle banche italiane. Negli ultimi due anni la spesa IT è cresciuta del 5,7% nel 2017 e dello 0,3%...
Inizia con una grande novità il 2019 di Pitagora: il lancio di TidoCredito.com, nuovo marchio dedicato alla...
Costruire un ecosistema italiano del digitale, etico e sostenibile. E, contemporaneamente, creare un contesto...