13 Novembre 2018 / 03:33
Carte e sicurezza: meno pregiudizi più evidenze
Carte e sicurezza: meno pregiudizi più evidenze
Tra le barriere che frenano gli esercenti nell’utilizzo dei pagamenti elettronici c’è il rischio truffa. Ma le esperienze reali ci dicono che in 3 casi su 4 chi dichiara di aver subito truffe le ha subite in contanti. E solo 1 caso su 4 ha subito truffe con strumenti diversi dai contanti (al primo posto troviamo l’assegno). Da una ricerca Ipsos …
"L'unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa”,con queste parole Roosevelt spronò nel 1933 gli americani a reagire: e diverse preoccupazioni sembrano bloccare la più ampia diffusione del pagamento elettronico. Da varie parti si avvertono ritrosie verso le carte di pagamento, da parte di alcuni individui e di alcuni esercenti, specie tra gli autonomi e i professionisti. Le barriere che inibiscono gli esercenti sono molteplici , e su tutte la preoccupazione che costi e commissioni siano eccessivi; rispetto a tale indicazione però emerge che la conoscenza precisa di tali costi è molto bassa, solitamente sovrastimata, e al contempo sono spesso ignorati i costi impliciti ed espliciti del contante.
Le motivazioni della ridotta propensione ai pagamenti elettronici
La seconda barriera – che accomuna esercenti e consumatori – riguarda il rischio truffe , sentita in particolare tra professionisti e autonomi. Anche in questo caso le esperienze reali dovrebbero far riflettere: in 3 casi su 4 chi dichiara di aver subito truffe le ha subite in contanti, e solo 1 caso su 4 ha subito truffe con strumenti diversi dai contanti (al primo posto troviamo l’assegno). Inoltre meno della metà di coloro che hanno subito truffe in contanti sono riusciti a recuperare in tutto o in parte il maltolto, mentre questa percentuale di recupero sale a più del 60% tra chi ha subito truffe non in contati. Inoltre, ragionando in generale, è opinione comune che l’ acquirente sia più tutelato quando paga tramite strumenti elettronici .
Denaro e truffe/furti dichiarati dagli esercenti
La terza barriera riguarda la percezione dei tempi di realizzazione delle transazioni di pagamento . In generale è diffusa l’idea che il pagamento con carta richieda più tempo di quello effettuato con denaro contante, poiché mentre nel primo caso si parla di veri e propri "tempi di attesa” nel secondo caso i pagatori hanno un ruolo più attivo in quanto impegnati a dare i soldi o controllare il resto. In aggiunta il pagamento con carta viene spesso ritenuto scomodo , caratteristica che può essere ricondotta alla ridotta propensione a cambiare i terminali in modo programmato: 2 esercenti su 3 li cambia solo quando si rompono. Inoltre anche il pagamento contactless, che rende il processo molto più rapido, ha ancora una penetrazione effettiva assai ridotta: 1 esercente su 4 non lo conosce, 2 su 4 lo conoscono ma non l’hanno installato, e tra quelli che l’hanno installato (1 su 4), solo il 63% lo usa effettivamente. Quindi molti esercenti vivono ancora i pagamenti elettronici con una certa diffidenza, anche perché non hanno percezione del valore specifico per loro stessi; d’altra parte, nemmeno l’acquirente ha l’idea che il pagamento elettronico possa generare vantaggi per l’esercente e per se stesso.
Ma riaffermare il valore del pagamento elettronico - in termini di comodità, sicurezza, monitoraggio spesa, lotta all’evasione , ecc. - su tutti i soggetti coinvolti, utilizzatori ed esercenti, è fondamentale per accelerarne la diffusione.
Andrea Alemanno – Group Director Ipsos Public Affairs

Il 7, 8 e 9 novembre 2018 al MiCo torna Il Salone dei Pagamenti – Payvolution, il più importante evento italiano sull'innovazione e i pagamenti promosso dall'Associazione Bancaria Italiana per favorire lo sviluppo, diffondere la conoscenza e dare spazio alle persone che lavorano per rendere il futuro alla portata di tutti.
Tre giorni di presentazioni, incontri e opportunità per presentare a professionisti e cittadini le tendenze, gli strumenti e le nuove tecnologie dei pagamenti grazie al contributo di esperti del mondo delle Istituzioni, della Pubblica Amministrazione, dell'Accademia e di imprese bancarie e non.
Il futuro passa ancora una volta da qui ed è sempre più sicuro, semplice e trasparente. Ti aspettiamo, la partecipazione è gratuita. Per registrarti clicca qui

#salonepagamenti2018 #payvolution

CONTENUTI CORRELATI

Nuovi talenti per un mondo che cambia

Quali sono le figure professionali più ricercate oggi dal settore dei pagamenti digitali? E quanto è difficile in questo nuovo scenario individuare,...

Educare i cittadini al digitale

Senza formazione una larga fetta dei cittadini rischia di essere esclusa dalla trasformazione della società abilitata dalle tecnologie e dai...

Le norme da sole non creano innovazione

Crescono le transazioni su PagoPa, ma solo il 12% dele amministrazioni lo ha messo a disposizione dei cittadini. In affanno soprattutto i piccoli...

3C Payment al Salone dei Pagamenti

La società presenterà le ultime novità in tema di soluzioni di pagamento integrate alla manifestazione promossa dall'ABI che si terrà a Milano dal...
ALTRI ARTICOLI

 
Pagamenti

IBM Open Banking

Supportare il gap tra i sistemi attuali e il nuovo modello Api, aiutando le banche a rispondere alle nuove normative, come la Psd2 ...

 

IBM Open Banking

Supportare il gap tra i sistemi attuali e il nuovo modello Api, aiutando le banche a rispondere alle nuove normative, come la Psd2 ...

 
Pagamenti

Ingenico, il futuro dei Pos è smart

Le nuove piattaforme faranno diventare il Pos intelligente come uno smartphone e pratico come un tablet, offrendo un grande potenziale per...
Oggi è importante "concettualizzare" l'innovazione e ragionare sulle nuove architetture della relazione che ne...
Lotta al contante per Bancomat Spa, che taglia i costi per le transazioni fino a 15 euro effettuate con...