24 Giugno 2018 / 20:21
Carte e sicurezza: meno pregiudizi più evidenze
Carte e sicurezza: meno pregiudizi più evidenze
Tra le barriere che frenano gli esercenti nell’utilizzo dei pagamenti elettronici c’è il rischio truffa. Ma le esperienze reali ci dicono che in 3 casi su 4 chi dichiara di aver subito truffe le ha subite in contanti. E solo 1 caso su 4 ha subito truffe con strumenti diversi dai contanti (al primo posto troviamo l’assegno). Da una ricerca Ipsos …
"L'unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa”,con queste parole Roosevelt spronò nel 1933 gli americani a reagire: e diverse preoccupazioni sembrano bloccare la più ampia diffusione del pagamento elettronico. Da varie parti si avvertono ritrosie verso le carte di pagamento, da parte di alcuni individui e di alcuni esercenti, specie tra gli autonomi e i professionisti. Le barriere che inibiscono gli esercenti sono molteplici , e su tutte la preoccupazione che costi e commissioni siano eccessivi; rispetto a tale indicazione però emerge che la conoscenza precisa di tali costi è molto bassa, solitamente sovrastimata, e al contempo sono spesso ignorati i costi impliciti ed espliciti del contante.
Le motivazioni della ridotta propensione ai pagamenti elettronici
La seconda barriera – che accomuna esercenti e consumatori – riguarda il rischio truffe , sentita in particolare tra professionisti e autonomi. Anche in questo caso le esperienze reali dovrebbero far riflettere: in 3 casi su 4 chi dichiara di aver subito truffe le ha subite in contanti, e solo 1 caso su 4 ha subito truffe con strumenti diversi dai contanti (al primo posto troviamo l’assegno). Inoltre meno della metà di coloro che hanno subito truffe in contanti sono riusciti a recuperare in tutto o in parte il maltolto, mentre questa percentuale di recupero sale a più del 60% tra chi ha subito truffe non in contati. Inoltre, ragionando in generale, è opinione comune che l’ acquirente sia più tutelato quando paga tramite strumenti elettronici .
Denaro e truffe/furti dichiarati dagli esercenti
La terza barriera riguarda la percezione dei tempi di realizzazione delle transazioni di pagamento . In generale è diffusa l’idea che il pagamento con carta richieda più tempo di quello effettuato con denaro contante, poiché mentre nel primo caso si parla di veri e propri "tempi di attesa” nel secondo caso i pagatori hanno un ruolo più attivo in quanto impegnati a dare i soldi o controllare il resto. In aggiunta il pagamento con carta viene spesso ritenuto scomodo , caratteristica che può essere ricondotta alla ridotta propensione a cambiare i terminali in modo programmato: 2 esercenti su 3 li cambia solo quando si rompono. Inoltre anche il pagamento contactless, che rende il processo molto più rapido, ha ancora una penetrazione effettiva assai ridotta: 1 esercente su 4 non lo conosce, 2 su 4 lo conoscono ma non l’hanno installato, e tra quelli che l’hanno installato (1 su 4), solo il 63% lo usa effettivamente. Quindi molti esercenti vivono ancora i pagamenti elettronici con una certa diffidenza, anche perché non hanno percezione del valore specifico per loro stessi; d’altra parte, nemmeno l’acquirente ha l’idea che il pagamento elettronico possa generare vantaggi per l’esercente e per se stesso.
Ma riaffermare il valore del pagamento elettronico - in termini di comodità, sicurezza, monitoraggio spesa, lotta all’evasione , ecc. - su tutti i soggetti coinvolti, utilizzatori ed esercenti, è fondamentale per accelerarne la diffusione.
Andrea Alemanno – Group Director Ipsos Public Affairs
CONTENUTI CORRELATI

Pagamenti digitali, tutta questione di "esperienza"

Sotto la spinta normativa e dei Millennials, inizia a farsi strada anche in Italia il modello di open banking, l'ecosistema digitale che vede al...

Tutte le novità di Banche e Sicurezza 2018

Per affrontare il nuovo scenario caratterizzato da confini sempre più labili tra sicurezza fisica e digitale, le aziende propongono nuove soluzioni...

Branch Transformation e sicurezza fisica

L’evoluzione della sicurezza fisica nelle banche italiane sotto la spinta del digitale e le nuove misure per il contenimento dei rischi, come il...

Lo zen e l’arte della sicurezza

Nell’ambito del progetto Events in Art di ABIServizi, finalizzato a unire il mondo finanziario con quello artistico, i temi di Banche e Sicurezza...
ALTRI ARTICOLI

 

Google Trends: così si capisce dove vanno le banche

Un'analisi mirata delle parole che miliardi di utenti cercano ogni giorno sul motore di ricerca, realizzata da The Financial Brand, consente di fare...

 
Banca

Strumenti innovativi per il lavoro

Da una ricerca di Talent Garden e Bearing Point emergono due importanti consapevolezze. Il ruolo crescente del responsabile HR, al fianco...

 
Banca

Events in Art, verso nuovi orizzonti

L'opera scelta per rappresentare il Forum HR, realizzata da Silvia Mauri, è focalizzata sul lavoro di squadra: persone che pedalano sul tandem per...
Bancaforte TV
Per affrontare la sfida digitale le banche devono adottare nuove strategie e nuovi modelli organizzativi....
Bancaforte TV
Elisabetta Gualandri analizza l’evoluzione del Pilastro 2 e le nuove responsabilità del Cda, sempre più...