Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Post-Trading & T2S Forum

L’appuntamento dedicato due temi centrali per il mondo finance: post-trading e T2S. Esperti di istituzioni, banche, società finanziarie...

Il Salone dei Pagamenti

I contenuti dela II edizione del grande evento che riunisce a Milano tutte le innovazioni e le tendenze legate al mondo dei pagamenti ...

Credito al Credito

L’evento sul credito alle famiglie e alle imprese. Tra i temi chiave: mutui, NPL, cessione del quinto, assicurazione e distribuzione,...

Forum Bancassicurazione

In primo piano il ruolo delle banche per una rinnovata cultura assicurativa. Ma anche le ampie potenzialità del mercato italiano,...

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Pagamenti

Pagamenti
Invia Stampa
Carte e sicurezza: meno pregiudizi più evidenze
Carte e sicurezza: meno pregiudizi più evidenze
Tra le barriere che frenano gli esercenti nell’utilizzo dei pagamenti elettronici c’è il rischio truffa. Ma le esperienze reali ci dicono che in 3 casi su 4 chi dichiara di aver subito truffe le ha subite in contanti. E solo 1 caso su 4 ha subito truffe con strumenti diversi dai contanti (al primo posto troviamo l’assegno). Da una ricerca Ipsos …
Andrea Alemanno
"L'unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa”,con queste parole Roosevelt spronò nel 1933 gli americani a reagire: e diverse preoccupazioni sembrano bloccare la più ampia diffusione del pagamento elettronico. Da varie parti si avvertono ritrosie verso le carte di pagamento, da parte di alcuni individui e di alcuni esercenti, specie tra gli autonomi e i professionisti. Le barriere che inibiscono gli esercenti sono molteplici , e su tutte la preoccupazione che costi e commissioni siano eccessivi; rispetto a tale indicazione però emerge che la conoscenza precisa di tali costi è molto bassa, solitamente sovrastimata, e al contempo sono spesso ignorati i costi impliciti ed espliciti del contante.
Le motivazioni della ridotta propensione ai pagamenti elettronici
La seconda barriera – che accomuna esercenti e consumatori – riguarda il rischio truffe , sentita in particolare tra professionisti e autonomi. Anche in questo caso le esperienze reali dovrebbero far riflettere: in 3 casi su 4 chi dichiara di aver subito truffe le ha subite in contanti, e solo 1 caso su 4 ha subito truffe con strumenti diversi dai contanti (al primo posto troviamo l’assegno). Inoltre meno della metà di coloro che hanno subito truffe in contanti sono riusciti a recuperare in tutto o in parte il maltolto, mentre questa percentuale di recupero sale a più del 60% tra chi ha subito truffe non in contati. Inoltre, ragionando in generale, è opinione comune che l’ acquirente sia più tutelato quando paga tramite strumenti elettronici .
Denaro e truffe/furti dichiarati dagli esercenti
La terza barriera riguarda la percezione dei tempi di realizzazione delle transazioni di pagamento . In generale è diffusa l’idea che il pagamento con carta richieda più tempo di quello effettuato con denaro contante, poiché mentre nel primo caso si parla di veri e propri "tempi di attesa” nel secondo caso i pagatori hanno un ruolo più attivo in quanto impegnati a dare i soldi o controllare il resto. In aggiunta il pagamento con carta viene spesso ritenuto scomodo , caratteristica che può essere ricondotta alla ridotta propensione a cambiare i terminali in modo programmato: 2 esercenti su 3 li cambia solo quando si rompono. Inoltre anche il pagamento contactless, che rende il processo molto più rapido, ha ancora una penetrazione effettiva assai ridotta: 1 esercente su 4 non lo conosce, 2 su 4 lo conoscono ma non l’hanno installato, e tra quelli che l’hanno installato (1 su 4), solo il 63% lo usa effettivamente. Quindi molti esercenti vivono ancora i pagamenti elettronici con una certa diffidenza, anche perché non hanno percezione del valore specifico per loro stessi; d’altra parte, nemmeno l’acquirente ha l’idea che il pagamento elettronico possa generare vantaggi per l’esercente e per se stesso.
Ma riaffermare il valore del pagamento elettronico - in termini di comodità, sicurezza, monitoraggio spesa, lotta all’evasione , ecc. - su tutti i soggetti coinvolti, utilizzatori ed esercenti, è fondamentale per accelerarne la diffusione.
Andrea Alemanno – Group Director Ipsos Public Affairs
7 Novembre 2016

Articoli correlati

 

  • Semplificare l'esperienza di pagamento

    3C Payment, fintech lussemburghese, ha scelto il Salone dei Pagamenti per presentare al mercato italiano la soluzione host to host che unifica più...

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI