20 Luglio 2018 / 14:18
Certificazione IdenTrust per PKSuite

 
Sicurezza

Certificazione IdenTrust per PKSuite

di Ruggero Vota - 3 Giugno 2011
Prima al mondo, l'italiana Intesi Group ottiene la conformità per il sistema di firma remota
Intesi Group, azienda italiana specializzata in prodotti e servizi di firma digitale e application & service management, ha ottenuto, prima e unica azienda al mondo, la certificazione di conformità IdenTrust per il proprio sistema di firma remota. In particolare, il riconoscimento è andato alle soluzioni PKBox e PKNet appartenenti alla piattaforma PKSuite.
IdenTrust, fondata negli anni '90 da alcuni dei principali operatori finanziari mondiali (tra cui Citigroup e Abn Amro, solo per citarne alcuni) e che negli anni ha aggregato altri protagonisti di rilevanza del mondo del credito (tra cui l'associazione delle banche statunitensi, oggi è uno dei principali fornitori di soluzioni di gestione dell'autenticazione delle identità non solo in ambito bancario e le sue attestazioni sono riconosciute da altre istituzioni finanziarie, enti statali e aziende di diversi settori in tutto il mondo.
Nello specifico i prodotti certificati da IdenTrust rappresentano due tasselli fondamentali per tutti i processi aziendali che in futuro integreranno i meccanismi di firma digitale, consentendo una maggiore automazione degli stessi. PKBox è infatti un server di sicurezza ideato per gestire le operazioni di firma digitale massiva a norma di legge e per il supporto alle applicazioni che debbano occuparsi della sicurezza logica dei dati, mentre PkNet è uno strumento di sviluppo che permette a qualsiasi software house di inserire funzionalità di sicurezza logica nelle loro applicazioni client.
Le soluzioni di firma digitale sono la risposta ideale al bisogno di realtà piccole e di grandi organizzazioni, pubbliche e private, che vogliono semplificare le operazioni di firma, razionalizzare i costi di gestione e, soprattutto, essere certi del non disconoscimento delle sottoscrizioni effettuate. Banche, mondo universitario, pubbliche amministrazioni locali e centrali, sanità e ogni altra organizzazione possono supportare le operazioni di firma digitale da remoto e in tutta sicurezza senza imporre all’utente l’utilizzo di determinati dispositivi di firma hardware. La piattaforma PkSuite, infatti, rende possibile l'autenticazione degli utenti mediante OTP - generatore di password temporanee – interfacciandosi in modo trasparente con le soluzioni proprietarie dei principali vendor o sviluppate in ambito open source e basate su standard Hotp, anche su sistemi mobile.
Oltre al capitolo firma, declinato nelle accezioni digitale, remota, elettronica, Intesi Group opera anche negli ambiti: sicurezza logica e tecnologie PKI, sistemi di sicurezza per pagamenti e monetica, integrazione e interoperabilità applicativa, elaborazione distribuita e servizi internet, sistemi e applicazioni in ambito telco, change management, release management e application management. Nel corso di quest'anno l'azienda ha avviato la procedura per ottenere la certificazione ISO 9001:2008.
Intesi Group, che nel 2010 ha conseguito ricavi per circa otto milioni di euro, annovera tra clienti e partner realtà quali Intesa Sanpaolo, UniCredit, Deutsche Bank, Consip, Sia, Cedacri e InfoCert.
CONTENUTI CORRELATI

L'Internet of Things è una bomba a orologeria?

Secondo Mr. Kaspersky, fondatore del noto antivirus, il rischio esiste. Una ricerca presentata in Italia su web, privacy e sicurezza spiega che...

Identità da proteggere

È operativo il sistema pubblico di prevenzione delle frodi nel settore del credito, istituito dal MEF. Quali sono le modalità di funzionamento e di...

Banche, funziona la strategia antirapina

Marco Iaconis anticipa a Bancaforte alcuni risultati dell'analisi annuale di OSSIF sulla sicurezza nel settore finanziario che sarà presentata a...

La sicurezza informatica diventa questione di Stato

Un decreto del Governo Monti istituisce un'architettura istituzionale per la difesa dello spazio cibernetico. Una prima risposta alla richiesta Ue di...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...