18 Marzo 2019 / 19:11
Chi sono e quanto sono pagati i professionisti del digital

 
Fintech

Chi sono e quanto sono pagati i professionisti del digital

di Mattia Schieppati - 16 Giugno 2016
Dal social media manager all'influencer, dall'esperto di Seo al web designer. Negli ultimi 5 anni è nata una serie di nuovi mestieri di cui le aziende hanno disperato bisogno. Spesso senza saper valutare l'appropriatezza degli skill. Un'infografica riassume i volti di questa nuova generazione di professionisti
Illusione o realtà? Il tema delle ricadute reali della rivoluzione digitale in atto - in termini di posti di lavoro, ma anche di tutele per chi questi lavori svolge - è uno dei nodi del dibattito attuale, sia a livello economico che sociale. A quasi cinque anni ormai dall'avvio delle prime politiche pubbliche a sostegno delle startup innovative, e quindi dell'impegno anche di diversi soggetti privati nell'individuare, sostenere e far crescere le giovani aziende che si lanciano in nuovi settori del tech e del digital, sembra essere ancora complicato conteggiare quanto tutto questo mondo, che ha grande visibilità a livello di media ed è «trendy» soprattutto tra giovani e giovanissimi, produca in concreto sul fronte dell'occupazione.

In Italia 5.500 imprese innovative

Qualche cifra di riferimento l'ha data, in proposito, Marco Gay, presidente dei giovani imprenditori di Confindustria, che il 27 e 28 maggio ha partecipato a due iniziative importanti nel settore dell'innovazione come Supernova, Festival dell’innovazione e della creatività che si è tenuto a Torino, e poi al Wired Next Fest di Milano, la due giorni di «riflessioni sul futuro » promossa dalla rivista Wired. Come ha dichiarato Gay, «le imprese innovative in Italia sono oggi circa 5.500 e danno impiego a oltre 23 mila persone». Numeri non enormi, ma si tratta secondo Gay di «imprese che vanno sostenute in tutti i modi possibili, perché non sono altro che nuova imprenditorialità che valorizza il capitale umano. Non c’è niente di male a dire che i nostri ragazzi, in quanto a creatività, sono bravi. Secondo i dati Censis del 2015, l’Italia è leader europeo nella propensione a fare impresa per gli under 35». Quel che manca, secondo Gay, non è insomma l'intelligenza dei giovani desiderosi di fare impresa, e nemmeno il coraggio di lanciarsi. Il problema è la bassissima propensione all'investimento del capitale di rischio, ovvero quella benzina che dovrebbe sostenere il boom delle imprese nascenti. «Oggi bisogna investire in capitale di rischio per farle passare dalla fase di start alla fase di up», dice Gay.

Il digital non riguarda solo le start-up

Vero è che per calcolare quanto il digitale "produce" quotidianamente a livello di occupazione non ci si può limitare ai numeri delle tanto declamate start-up. Il cambiamento di paradigma in atto infatti riguarda in maniera pesante tutti i settori della old economy, che hanno dovuto - e in gran fretta - implementare nuove funzioni e nuove figure professionali nei propri processi per poter affrontare e compiere le nuove sfide che il mercato pone. Nell'ultimo quinquennio si è aperto un enorme mercato di possibilità per i professionisti del digital che, senza ambire a lanciare la propria start-up, sono andati a portare le proprie competenze all'interno di aziende già esistenti o a offrire servizi nuovi e innovativi di cui il mercato ha un enorme bisogno.

L'infografica di Saxoprint

Professioni del tutto nuove, che fino a 5 anni fa non esistevano e hanno preso in qualche modo in contropiede le stesse aziende, costrette a lanciarsi molto rapidamente alla ricerca di nuovi professionisti con gli skill adatti (spesso senza nemmeno avere, per altro, i parametri per misurare la bontà o fondatezza di questi skill).
A costruire una mappatura di questa nuova galassia professionale, e a quantificarne il valore indicando gli stipendi medi ruolo per ruolo, è stata Saxoprint, tipografia e studio di digital design che ha scandagliato questo mondo riassumendolo in un'efficace infografica (vedi sotto), che inquadra nuove professioni, competenze necessarie e retribuzioni medie.
Ecco le nuove professioni digitali:
  • social media manager,
  • web designer, sviluppatori ,
  • esperti di Seo e Sem,
  • social media specialist,
  • e-commerce manager,
  • influencers.

Il professionista perfetto

«Le aziende che non vogliono scomparire o che vogliono acquisire nuovi clienti, devono necessariamente rivolgere il loro sguardo verso il digital e il web marketing», dicono da Saxoprint. «Le possibilità lavorative in questo settore, dunque, sono moltissime, e gli stipendi sono più che dignitosi, si parte da 19 mila euro per uno junior ad oltre 75 mila euro di retribuzione annua per un senior, a seconda della professione». Soldi facili? Anche se tutti ormai, bene o male, trascorriamo diverse ore a gestire il nostro profilo Facebook, gestire questi canali a livello professionale è un altro paio di maniche. «Per riuscire ad entrare nel reparto web di un’azienda, però, non basta saper usare un computer o avere un profilo Facebook e Twitter. Il mondo che ruota intorno al digital e all'internet marketing è estremamente complesso e, soprattutto, in continua evoluzione. Per questo sono richieste elevate competenze tecniche (hard skills), ma anche la capacità di sapersi districare nel flusso di informazioni inarrestabile proprio del web: nuovi algoritmi, nuove applicazioni, nuovi tool sono all’ordine del giorno, a cui si aggiunge la frequentazione assidua di community e blog specializzati, che devono diventare il vero pane quotidiano per la formazione personale e la crescita delle relazioni. Tuttavia, ancora non basta. Concludono la ricetta della figura digitale perfetta anche la capacità di saper ragionare a lungo termine, doti analitiche e creative».
Sul sito di Saxoprint l'infografica sui nuovi professional del digitale
CONTENUTI CORRELATI

Voce e realtà immersive, il futuro passa da qui

Smart speaker che fanno da assistenti vocali nelle azioni quotidiane e che possono essere usati anche dalle aziende per tenere viva la relazione con...

Emozioni e nuova fiducia, le banche e il digital marketing

Nella relazione con il cliente il futuro si giocherà sull’intelligenza artificiale, tra chatbot, IoT, mobile, realtà virtuale, strumenti di...

Open Banking: 5 opportunità da cogliere

Anticipare i bisogni del cliente, offrire ecosistemi di servizi, misurare in maniera ottimizzata i feedback. Puntando al valore della fiducia nella...

Al Ces di Las Vegas le start-up italiane hanno fatto squadra

Risultati positivi per la missione “Made in Italy, The Art of Technology” promossa da Tilt al Consumer Electronic Show che si è appena concluso...
ALTRI ARTICOLI

 

Intelligenze. Anche artificiali

Intelligenza artificiale in primo piano. Siamo i primi a farci i conti, in privato e negli studi sperimentali. Ma l’intelligenza può essere di...

 

Blockchain trainata dal settore finanziario

Nel 2018 il 48% dei progetti è stato promosso dalle banche e dall'industria finanziaria. Italia terzo Paese a livello europeo per numero di...

 

Voce e realtà immersive, il futuro passa da qui

Smart speaker che fanno da assistenti vocali nelle azioni quotidiane e che possono essere usati anche dalle aziende per tenere viva la relazione con...
Le fintech hanno bisogno delle banche per sviluppare il proprio business. Lo sottolinea in questa intervista...
Tra i player innovativi e le grandi imprese è più vantaggioso instaurare una relazione collaborativa...