Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Pagamenti

Pagamenti
Invia Stampa
Come pagano gli italiani? Il balzo del PagoBancomat

Come pagano gli italiani? Il balzo del PagoBancomat

La Relazione della Banca d’Italia fa il tradizionale punto sull’evoluzione dei mezzi di pagamento in Italia. Nel 2015 i pagamenti con carte sono cresciuti del 12,4%, con 44 operazioni medie per ogni italiano. Con una forte spinta delle carte di debito e delle prepagate
Giovanni Medioli
A doppia cifra: la crescita dell’utilizzo delle carte di pagamento in Italia nel 2015, secondo la Relazione annuale della Banca d’Italia, ha superato questo traguardo. I pagamenti effettuati mediamente da ogni italiano l’anno scorso con carte di credito o di debito sono infatti cresciuti del 12,4% rispetto al 2014. Una crescita vigorosa che può essere confrontata con un incremento del 7,1% annuo nel periodo 2011-2014 nei Paesi dell’area euro e dell’8,5% nell’Unione a 27. Le transazioni regolate con carte in Italia, compresi i prelievi presso gli Atm, hanno visto nel 2014 un controvalore di 335 miliardi di euro, nel 2015 di 362 miliardi di euro con una crescita dell’8%.
Il merito di questa crescita è quasi tutto del Pago Bancomat e delle altre carte di debito, emessi dai circuiti internazionali e da Postamat, che hanno visto un aumento molto rilevante: +16,3% nel numero delle operazioni e +16,8% nel controvalore. Ancora più forte la crescita del segmento più giovane, quello delle carte prepagate, che ha visto un balzo di oltre il 28% sia del numero di operazioni che degli importi globali. In lieve crescita anche i prelievi agli Atm: +2,1% il numero delle operazioni e +4,4% gli importi.
Fonte: Banca d’Italia – Relazione Annuale 2015, Appendice – Tavola a14.17
Fonte: Banca d’Italia – Relazione Annuale 2015, Appendice – Tavola a14.21

I pagamenti con le carte

Certo, questa crescita abbastanza vigorosa ancora non è sufficiente a colmare il gap nell’utilizzo dei sistemi di pagamento evoluti che ha l’Italia rispetto ai paesi del Nord Europa: se ogni italiano nel 2015 ha effettuato mediamente meno di 44 operazioni con la sua carta, la media pro capite nell’Area euro è stata di più di 86 operazioni e nell’intera Unione (che comprende però anche un paese finanziariamente evoluto come il Regno Unito) di oltre 97. A poco vale notare come alcune nazioni possano falsare la statistica con numeri decisamente fuori scala, come il Lussemburgo dove le operazioni medie compiute da ogni cittadino con la sua carta di pagamento sono state 2.933 (più di 8 al giorno per ogni abitante del Granducato, neonati e ottuagenari compresi) ed evidentemente l’uso del contante è ormai passato di moda. Se può essere un (relativo) motivo di soddisfazione l’anno scorso abbiamo superato i tedeschi (che hanno effettuato 41 operazioni con la carta pro capite), ma siamo decisamente indietro rispetto a paesi come la Francia (143 operazioni pro capite), l’Olanda (193), il Belgio (137), il Portogallo (127), ma anche rispetto ad Austria (66) e Spagna (59).
Un’altra buona notizia è che la diffusione delle carte di pagamento, negli ultimi 10 anni è diventata più omogenea fra Nord, Centro e Sud del paese: se nel 2005 solo il 53% delle famiglie del Sud e delle Isole hanno utilizzato una carta di credito o di debito contro una media nazionale del 60%, nel 2015 la percentuale delle famiglie del Sud e delle Isole che la utilizzano è salita al 63% contro una media nazionale del 67%. Il gap si è dunque ridotto da 7 a 4 punti percentuali, mentre a livello nazionale, nei dieci anni (2005-2015) la diffusione delle carte di pagamento è cresciuta complessivamente di 9 punti percentuali.

I pagamenti con assegni e bonifici

Secondo la Banca d’Italia in generale possiamo considerarci, come nazione, in leggero ritardo su tutto il fronte dei pagamenti diversi dal contante, con 87 operazioni pro capite nel 2015 contro una media europea di 202 (la cifra è uguale per l’Area euro). Anche in questo caso stiamo comunque aumentando il passo per uniformarci al resto del continente: nel 2015 l’utilizzo di assegni è calato del 11% sul 2014 con una media di 3,4 assegni emessi per ogni italiano. La media europea è stata di 7,1 assegni emessi, quella dei paesi dell’Eurozona di 8,8 (con un calo del 6,8% sul 2014) ma alcune nazioni hanno già praticamente rinunciato all’utilizzo di questo "vecchio” sistema di pagamento: i Paesi Bassi, la Finlandia, l’Estonia, la Slovenia e la Slovacchia, dove i cittadini non risultano aver emesso nessun assegno nel corso del 2015. In altri paesi (Austria, Belgio, Germania, Grecia, Lussemburgo) lo strumento è in via di estinzione con meno di 0,5 assegni emessi da ogni cittadino, mentre si possono notare maggiori resistenze nei paesi dove pagare con assegno è sempre stata un’abitudine radicata come in Francia, con i suoi quasi 38 assegni emessi pro capite e un relativamente modesto calo dell’impiego dello strumento del 5,9% rispetto al 2014.
Cresce, anche se con maggior lentezza, anche la propensione degli italiani a utilizzare i bonifici: più di 24 a testa nel 2015 con un incremento dell’8% contro una media continentale di 53 a testa ma una crescita che nell’Eurozona si è fermata all’1,8%. Evidentemente in Italia è in corso un recupero rispetto alla maggior diffusione delle pratiche di home banking in Europa, dove ci sono paesi che hanno visto effettuare più di 100 bonifici a testa (Belgio, Finlandia, Lussemburgo, Olanda), 52 per la Francia e 72 per la Germania.
Fonte: Banca d’Italia – Relazione Annuale 2015, Appendice – Tavola a14.19
10 Giugno 2016

Articoli correlati

 

  • Le app? Ora anche i Pos le usano

    In primo piano al Salone dei Pagamenti la linea Carbon, la soluzione più innovativa di Verifone che consente di aggiungere app per arricchire di...

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017