18 Luglio 2018 / 16:50
Con “Progetti Investimenti Italia” 10 miliardi per le Pmi

 
Imprese

Con “Progetti Investimenti Italia” 10 miliardi per le Pmi

di Gianluca Smiriglia - 20 Giugno 2012
Iniziativa straordinaria a sostegno delle nostre imprese per tornare a crescere. Le richieste per il finanziamento possono essere presentate entro il 31 dicembre 2012
In Italia il sistema del credito – nonostante le molte difficoltà del contesto internazionale – ha mostrato efficienza e solidità, funziona bene in relazione all’andamento dell’economia italiana, garantisce e continua a garantire buon credito alle imprese meritevoli, contribuendo alla stabilità del paese. Le banche si stanno facendo carico delle difficoltà delle imprese anche con strumenti straordinari quali le moratorie alle rate dei finanziamenti e gli altri strumenti previsti da numerosi accordi sottoscritti con le associazioni di tutti i settori produttivi.
È una premessa doverosa per sottolineare come il settore bancario sta affrontando la crisi insieme alle imprese in un’ottica di dialogo e collaborazione costanti per tornare a crescere. È il caso di “Progetti Investimenti Italia”, un plafond da 10 miliardi per gli investimenti delle Pmi.
Anche questa iniziativa è prevista dal recente accordo di febbraio sulle nuove misure per il credito alle Pmi – tra l’ABI e le Associazioni che rappresentano il mondo delle imprese – in cui si annunciavano soluzioni per assicurare adeguate risorse finanziarie alla Pmi, che registrano temporanee tensioni di liquidità, di difficoltà nel rispetto delle scadenze di rimborso dei prestiti bancari e di accesso a nuove forme di finanziamento.
L’intervento è stato possibile anche grazie alla liquidità messa a disposizione dalla Bce , tramite operazioni straordinarie di rifinanziamento con durata fino a 3 anni. Liquidità utile per interventi di sostegno finanziario alle Pmi ai tassi originari del finanziamento, nonostante il forte rialzo registrato nelle condizioni di costo della raccolta. A ciò si aggiunge la convenzione tra ABI e Cdp con cui quest’ultima mette a disposizione 10 miliardi di euro per il finanziamento delle Pmi, di cui 8 destinati a operazioni di incremento del capitale circolante e di finanziamento dei progetti di investimento.

Caratteristiche dell'iniziativa

“Progetti Investimenti Italia” è la risultante di plafond individuali costituiti dalle singole banche e intermediari finanziari aderenti all’iniziativa. Tra le sue caratteristiche principali:
  • è rivolto alle Pmi operanti in Italia , così come definite dalla normativa comunitaria, appartenenti a tutti i settori;
  • le richieste per il finanziamento dovranno essere presentate dalle imprese entro il 31 dicembre 2012 e possono ottenere risorse anche gli investimenti avviati nei 6 mesi precedenti al momento di presentazione della domanda;
  • le Pmi, al momento di presentazione della domanda, non devono avere posizioni debitorie classificate dalla banca come sofferenze, partite incagliate, esposizioni ristrutturate o esposizioni scadute/sconfinanti , né avere procedure esecutive in corso;
  • il tasso d’interesse sarà pari al costo della provvista per la banca maggiorato di uno spread funzione della qualità dell’impresa;
  • per finanziamenti uguali o inferiori ai 3 anni il costo della provvista è indicativamente pari al costo effettivo di accesso per la banca alla provvista Bce;
  • per i finanziamenti di durata superiore ai 3 anni il costo della provvista è pari al costo della provvista praticato alla banca dalla Cdp sulla specifica durata,
  • le operazioni di finanziamento saranno impostate su base individuale dalla banche e intermediari finanziari aderenti all’iniziativa senza alcun automatismo nella concessione del credito. Nel corso dell’istruttoria, le banche si attengono al principio di sana e prudente gestione , nel rispetto delle proprie procedure e ferma restando la loro autonoma valutazione;
  • l’accordo ha validità per le operazioni con caratteristiche pari a quelle descritte. Resta fermo che le banche possono comunque offrire condizioni migliorative .
CONTENUTI CORRELATI

Fiori e denaro

Crescono a ritmo sostenuto le esportazioni dei nostri fiori. Un comparto ricco che basa il suo successo anche sulla tecnologia e sull'innovazione e...

Credito e garanzie: accordo ABI-Confindustria

Migliorare il credito alle imprese, liberando risorse per la crescita, con garanzie più flessibile e tempi di recupero più veloci: sono questi gli...

Il finanziamento è verde

Nell’indagine ABI Lab i dati sul green banking 2016: le banche hanno concesso finanziamenti a piccole e grandi imprese a sostegno delle fonti di...

Sviluppo sostenibile come opportunità di crescita

Le banche hanno un ruolo fondamentale nel processo epocale di riconversione sintetizzato negli obiettivi dell'Agenda 2030. Una trasformazione...
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...