Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Banca

Banca
Invia Stampa
Crescono le mezze stagioni

Crescono le mezze stagioni

Aumentano le fasce d’età e le classi sociali. Emergono nuovi percorsi di cui occorre tenere conto per chi, come la banca, non può fare a meno del dato sociologico. Perché accendere un mutuo a un giovane sessantenne di belle speranze è ben diverso dal fare affari con un anziano di cinquant’anni fa
Ildegarda Ferraro
E siamo a nove. Parliamo delle età dell’uomo. Va bene per bambini, adolescenti e giovani, ma poi ci sono i giovani-adulti, gli adulti e i tardo adulti. Seguono i giovani anziani, gli anziani e i grandi anziani. Altro che indovinello della Sfinge. Lei si limitava a chiedere al povero malcapitato quale sia quell’essere che al mattino va a quattro zampe, a mezzogiorno due e poi la sera a tre pur restando unico. Complicato, certo, ma in fondo una passeggiata per Edipo, che sapeva che l’uomo da piccolo si muove con le mani e i piedi, da adulto cammina normalmente e da vecchio con il bastone, che diventa la terza gamba. E comunque sempre meno difficile che definire oggi un sessantenne, che in fondo tutto è tranne che un anziano.
Si diventa giovani prima e lo si resta più a lungo. La speranza di vita negli anni ’50 era di 60 anni per gli uomini e di 65 per le donne, mentre oggi per gli uomini si attesta su 80 anni e per le donne su 85. Si è bambini fino ai 10 anni, adolescenti dagli 11 ai 20, giovani dai 21 ai 25. Vengono poi altre 3 fasce, giovani adulti dai 26 ai 34, adulti dai 35 ai 54 e tardo adulti dai 55 ai 64. Seguono i giovani anziani dai 65 ai 75, gli anziani dai 76 agli 84 e i grandi anziani oltre gli 85 anni.
Una lunga vita di cui tutti si occupano (vedi articolo su Corriere.it ), con particolare attenzione a questa prolungata maturità tutta da inventare. E così appaiono libri, come quello di Marc Freedman The Big Shift: Navigating the New Stage Beyond Midlif e e servizi sul tema dei giovani anziani ( clicca qui ).
E aumentano le fasce sociali. Non ci sono solo i ricchi e i poveri. In Gran Bretagna la vecchia immagine delle tre classi, upper, middle e working class, è stata superata da ben sette categorie: élite, classe media tradizionale, classe media tecnica, lavoratori tradizionali, terziario emergente, nuovi lavoratori benestanti e proletariato precario. The Great British Class Survey è una grande inchiesta della Bbc, che fotografa il fenomeno sulla base di un’approfondita analisi della London School of Economics e dell’Università di Manchester. E naturalmente è anche possibile sottoporsi al test per definire di che classe si fa parte.
Insomma, la società si arricchisce e sperimenta nuovi percorsi, che non vuol dire negare il disagio e la polarizzazione di ricchezza e povertà in momenti di crisi. Ma insieme al bicchiere mezzo vuoto c’è quello mezzo pieno, con anziani giovani e poveri ricchi.
E per le banche questo conta. Perché chi lavora con i risparmi dei consumatori, raccogliendo denaro e impiegandolo, non può dimenticare il dato antropologico e sociale. E così un mutuo o un prestito a un sessantenne di belle speranze assume una fisionomia diversa rispetto a fare affari con un anziano tout court. I cinquantenni, ma anche i sessantenni, sono più attivi che mai, impegnati a ridisegnare il proprio futuro.
E poi ci sono le aspirazioni, per immaginare il Paese che vorremmo. Forse sono solo sogni, ma in Italia si spera in una realtà rispettosa dell’ambiente, innovatrice, che si internazionalizzi, sicura e solidale, intraprendente, tollerante, multietnica e che mantenga il legame con le identità locali (vai all'articolo sulla Stampa.it ). Saranno solo speranze, ma certo è una mappa di valori ricca di possibili conseguenze.
24 Giugno 2013

Articoli correlati

 

Nuovo Contratto bancari

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

Forum Bancassicurazione 2017

Forum Bancassicurazione 2017

Roma, 28 e 29 settembre 2017