16 Luglio 2018 / 05:08
Entro in banca con l'App

 
Fintech

Entro in banca con l'App

di Gaia Sabino - 10 Settembre 2014
Effettuati in media oltre 7 mila download al giorno di applicazioni per il mobile banking. Nel 2015 oltre il 50% dei clienti che usano l'Internet banking sarà operativo anche su mobile. In crescita gli investimenti sul canale per il 70% del settore ...
Banche sempre più interattive, digitali e a portata di mano. Cresce il numero degli italiani che, nel dialogo quotidiano con la banca, apprezza i vantaggi di comodità e velocità di smartphone e tablet. Ad oggi, infatti, il 96% delle banche mette a disposizione delle App per accedere ai servizi bancari in mobilità (era l’88% nel 2012) e nel corso del 2013 gli italiani hanno effettuato in media oltre settemila download al giorno di applicazioni per il mobile banking. Se a questo si aggiunge che, nello stesso periodo, il 20% degli italiani attivo su Internet banking ha fatto operazioni anche attraverso lo smartphone e che, a questo ritmo, nel 2015 il numero di correntisti operativi anche su questo canale supererà il 50%, è evidente come il mobile banking sia un fenomeno consolidato con ampie prospettive per un’ulteriore crescita. Prospettive confermate anche dai progetti d’investimento delle banche: il 70% del settore, infatti, ha dichiarato di voler incrementare gli investimenti dedicati al mobile banking nel budget del prossimo anno, mentre per il 30% delle banche si parla addirittura di “forte aumento” delle risorse stanziate per il canale. Sono questi alcuni dei principali dati contenuti nel rapporto annuale sul mobile banking messo a punto da ABI Lab, il Consorzio per la Ricerca e l’Innovazione per la banca promosso dall’ABI, in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano.

Chi usa il mobile banking?

L’identikit del cliente

Ma chi è il cliente che opera con la propria banca attraverso il mobile banking? Secondo la ricerca di ABI Lab, a preferire palmare e tablet per operazioni e pagamenti sono soprattutto gli uomini (57% contro il 43% delle donne), di età compresa tra i 45 e i 54 anni (28%). Se confrontiamo i dati del 2014 con quelli dell’anno precedente, la passione per questo canale di accesso a prodotti e servizi bancari è cresciuta soprattutto nelle fasce d’età più avanzata (+7% per gli italiani dai 55 ai 64 anni; +10% per quelli dai 45 ai 54). A testimonianza di come il mobile possa rappresentare anche un volano importante per favorire il superamento del digital divide, contribuendo allo sviluppo e alla diffusione della cultura digitale.

Operazioni in mobilità, quando e dove si fanno

Per quanto riguarda le abitudini e la frequenza di utilizzo del mobile banking, il momento della giornata preferito dagli italiani per fare operazioni e pagamenti attraverso questo canale è la mattina (43% per i tablet; 36% per gli smartphone), seguita dal pomeriggio (rispettivamente, 29% e 36%) e dalla prima serata (29% e 24%). Quanto ai luoghi di utilizzo, se casa e ufficio la fanno ancora da padroni (79% tablet e 67% smartphone), si fanno strada anche le operazioni “in mobilità” (22% e 26%) e quelle fatte “in coda”, ad esempio nel traffico cittadino o mentre si aspetta in fila il proprio turno per fare un certificato o ritirare un esame (17% e 23%).
Se infine si considera la frequenza di utilizzo, dall’analisi dell’Osservatorio di ABI Lab emerge come circa il 50% dei clienti di mobile banking acceda ai servizi bancari in mobilità tutte le settimane. A testimonianza del fatto che chi prova questo canale ne apprezza i vantaggi di comodità, velocità e semplicità di utilizzo e, per questo, è portato a riutilizzarlo.

Servizi più usati

Per quanto riguarda i servizi più utilizzati dai clienti di mobile banking, il 32% preferisce lo smartphone al computer soprattutto per consultare saldo e movimenti di conto corrente o per cercare lo sportello automatico e la filiale della propria banca più vicina. Col tablet invece si fanno soprattutto bonifici e giroconti. La multicanalità e la sempre maggiore integrazione dei canali resta comunque alla base dell’esperienza d’uso dei clienti di mobile banking che in alcune occasioni ricorrono a un “salto di canale” completando un’operazione iniziata su smartphone o tablet via computer (29%), in filiale (20%), allo sportello automatico (18%), attraverso un promotore finanziario o il call center della banca (3%).
CONTENUTI CORRELATI

Mobile payment e mobile wallet tra banche e Fintech

Dall’analisi dell’Osservatorio Fintech & Digital Finance del Politecnico di Milano emerge un rapporto tra Fintech e banche sempre più...

La banca è mobile

Continua a crescere l’utilizzo del mobile banking in Italia, con 5,6 milioni di clienti attivi nel 2016. Nel Rapporto ABI Lab il punto sullo...

Mobile banking su misura del cliente

Il Rapporto ABI Lab fa il punto sullo sviluppo e sulle potenzialità della banca in mobilità e su come gli utenti la percepiscono. Risparmio di...

Quattro parole per il futuro del mobile banking

Le app bancarie legate solo a servizi di pagamento e transazioni sono già il passato. Perché le potenzialità di questi strumenti, nella nuova era...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...