20 Luglio 2018 / 06:51
Facebook in ufficio? Nelle banche italiane.......

 
Fintech

Facebook in ufficio? Nelle banche italiane.......

di Monica Pellegrino - 1 Aprile 2011
L’Osservatorio Intranet Banche di ABI Lab ha esamito la policy sull'utilizzo in banca dei social network. Nel 68% dei casi analizzati i dipendenti non vi possono accedere
La diffusione di Internet e, in generale, dei social media sta cambiando rapidamente il modo con cui gli utenti si informano su prodotti o servizi, si incontrano e si scambiano suggerimenti e commenti, di fatto influenzando l’opinione e l’immagine di una certa azienda o di uno specifico prodotto.
In questo contesto, le nuove tecnologie del web 2.0 possono offrire nuove e interessanti opportunità per le aziende, come la possibilità di migliorare la conoscenza della propria clientela attraverso il potenziamento della capacità di ascolto su fonti aperte: l’utilizzo di strumenti web esterni all’impresa, con particolare riferimento ai Social Network, si lega quindi strettamente al tema della Web Reputation, ovvero alla reputazione di una certa azienda ottenuta basandosi su quello che di lei viene detto sul web. Se da un lato le potenzialità di utilizzo in azienda, e dunque anche in banca, di tali strumenti sono molteplici, dall’altro tuttavia vi è la percezione del rischio che vengano diffuse informazioni riservate o che in qualche modo possano recare svantaggi competitivi all’impresa stessa.

Regole restrittive

Allo scopo di capire come le banche si stanno orientando rispetto a questi particolari temi, nel corso del 2010 il team di ricerca dell’Osservatorio Intranet Banche, tavolo di lavoro coordinato da ABI Lab in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano, ha voluto realizzare, in parallelo alla consueta analisi sulla diffusione di strumenti Enterprise 2.0 in banca, un focus sulle policy di utilizzo degli strumenti di Social Network, esterni all’organizzazione, accessibili in banca via web. I risultati dell’approfondimento .
Ciò che emerge dall’analisi è come le banche del campione, nella maggior parte dei casi, abbiano un atteggiamento restrittivo nei confronti dell’utilizzo dei Social Network accessibili via web: nel 68% delle realtà analizzate, infatti, è già stato esplicitato un divieto di utilizzo di particolari strumenti, mentre nel 4% dei casi questo è in via di introduzione. Altrettanto diffusa è la tendenza a definire delle regole restrittive di utilizzo, pratica adottata nel 68% dei rispondenti. Poco diffuse sono, invece, le policy più soft che hanno il solo obiettivo di definire delle regole di comportamento dell’utente, implementate nel 48% delle banche del campione e, nella maggior parte dei casi, in aggiunta alle politiche restrittive già citate.
Le policy di incoraggiamento all’utilizzo degli strumenti sono attualmente assenti e solo il 4% delle banche le introdurrà nell’immediato futuro.
Questi risultati esprimono una grossa diffidenza verso gli strumenti Enterprise 2.0 non gestiti internamente: tale atteggiamento è, il più delle volte, giustificato dal timore degli impatti che la pubblicazione di informazioni sul web da parte dei dipendenti possa avere sulla banca; in altri casi, invece, deriva dalla considerazione che l’utilizzo di tali strumenti non possa contribuire a supportare l’operatività della banca.
CONTENUTI CORRELATI

Banche, social e web: il dialogo è interattivo

Informazioni sui prodotti e servizi, assistenza ai clienti, promozione di eventi e iniziative locali, tecnologia, arte, cultura e spettacoli, i temi...

Le 50 password più usate nel mondo

Con l'Internet of Things crescono esponenzialmente i device connessi, ma resta bassa la consapevolezza degli utenti sui criteri minimi di sicurezza...

L'era digitale? Un mare di opportunità

"Oggi Internet ti permette di lavorare su un'idea, di creare un'iniziativa imprenditoriale che ti appassiona, anche se sei ‘diversamente’ giovane....

Facebook non è roba per ragazzini

Nel bene e nel male i social network più conosciuti sono ormai per un pubblico adulto. I più giovani trovano altre strade e piattaforme diverse....
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...