17 Luglio 2018 / 21:10
Google annuncia: presto si potrà pagare via e-mail

 
Pagamenti

Google annuncia: presto si potrà pagare via e-mail

di Mattia Schieppati - 30 Maggio 2013
L’integrazione tra Google Wallet e Gmail consentirà di trasferire soldi come se fossero un “normale” allegato in posta elettronica. La sperimentazione parte dagli Usa
Era la tre giorni più attesa da tutta la community tecnologica mondiale. E, senza tradire le aspettative, la tre giorni di conferenza pubblica annuale – che come ormai da tradizione lo stato maggiore di Google ha tenuto al Moscone Center di San Francisco – una grossa sorpresa l’ha regalata. E riguarda proprio il mondo dei pagamenti. “Entro i prossimi mesi” (una data esatta non è stata comunicata, ma i rumors dicono fine settembre), a partire dagli utenti Usa per poi estendersi gradualmente in tutto il mondo, il gigante di Mountain View integrerà la piattaforma Google Wallet, il portafoglio elettronico di Google, già utilizzato per effettuare acquisti e pagamenti online, con il servizio di posta elettronica Gmail, sempre di proprietà di Google.
E sarà possibile trasferire denaro via mail con un click. In pratica, accanto ai tasti Reply, Forward, Attach, che costituiscono ormai la “quotidianità” dell’utilizzo mail, ci sarà anche il rivoluzionario tasto “attach money”, rappresentato (e non poteva essere altrimenti) dal simbolino del dollaro.
Come funzionerà il sistema? Lo spiega un video chiaro e semplice, in puro stile Google (lo potete vedere qui). Requisito base per l’utilizzo del servizio è il fatto che sia chi invia sia chi riceve il denaro abbia attivo un proprio account Google Wallet, che poggia sempre su un conto corrente bancario o su una carta di credito/debito. E tra due utenti Google Wallet la transazione sarà completamente gratuita, senza costi aggiuntivi. Ultimo vincolo: entrambi gli utenti devono essere maggiorenni.
Sul fronte della sicurezza della transazione, gli standard di sicurezza sono gli stessi – ovviamente altissimi – che “proteggono” l’intero sistema Google Wallet e le transazioni di pagamento effettuate tramite questo strumento.
Come subito hanno osservato gli analisti di TechCrunch, «Google è ben lontana dall'essere la prima azienda ad affrontare il tema dell’invio di denaro tramite e-mail». Negli Stati Uniti, infatti, già JPMorgan Chase, Bank of America e Wells Fargo hanno implementato e messo a disposizione dei propri clienti un metodo di trasferimento di fondi attraverso posta elettronica o cellulare (il money transfer via mobile è anche uno dei servizi di PayPal), ma appunto per poter accedere al servizio bisogna innanzitutto essere clienti di quelle banche e, seconda cosa, scaricare sul proprio dispositivo, pc o laptop, un applicativo apposito. Un sistema giudicato da TechCrunch «un po’ noioso», o quantomeno di certo non così immediato come mandare una mail dal proprio account Gmail, accessibile da dovunque nel mondo. Con, in aggiunta, il fatto che chi riceve il denaro non deve necessariamente essere un utente Gmail, ma può avere un qualsiasi account di posta elettronica.
Il mercato potenziale per la fase di start-up del sistema, dicono da Google, è di 425 milioni di utenti: tanti sono infatti gli account Gmail registrati negli Usa e proprio la semplicità di utilizzo è il fattore chiave su cui l’azienda punta per rendere il sistema utilizzatissimo e virale.

Il 7, 8 e 9 novembre 2018 al MiCo torna Il Salone dei Pagamenti – Payvolution, il più importante evento italiano sull'innovazione e i pagamenti promosso dall'Associazione Bancaria Italiana per favorire lo sviluppo, diffondere la conoscenza e dare spazio alle persone che lavorano per rendere il futuro alla portata di tutti.
Tre giorni di presentazioni, incontri e opportunità per presentare a professionsiti e cittadini le tendenze, gli strumenti e le nuove tecnologie dei pagamenti grazie al contributo di esperti del mondo delle Istituzioni, della Pubblica Amminitrazione, dell'Accedemia e di imprese bancarie e non.
Il futuro passa ancora una volta da qui ed è sempre più sicuro, semplice e trasparente. Ti aspettiamo, la partecipazione è gratuitia. Per registrarti clicca qui

#salonepagamenti2018 #payvolution

CONTENUTI CORRELATI

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

Pagamenti digitali, tutta questione di "esperienza"

Sotto la spinta normativa e dei Millennials, inizia a farsi strada anche in Italia il modello di open banking, l'ecosistema digitale che vede al...

L'Internet of Things entra in banca

Pagare con il proprio smartwatch o con altri indossabili, o addirittura pagare senza accorgersi di farlo, non è più fantascienza. È la realtà che...

Pagamenti innovativi, le banche diventano piattaforma

Deloitte analizza i possibili sviluppi del rapporto tra banche e Fintech nell'ambito dei sistemi di pagamento e lancia la sfida: entrare nella...
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...