17 Luglio 2018 / 07:57
I wearable nel futuro dei pagamenti
I wearable nel futuro dei pagamenti
Braccialetti, capi di abbigliamento, ora anche un anello: crescono le integrazioni tra indossabili e sistema Nfc, che consentono di effettuare transazioni senza più nemmeno bisogno dello smartphone. Novità che saranno discusse al Salone dei Pagamenti e che rappresentano un mercato che nel 2020 sarà di 500 miliardi di dollari ...
Non passeranno molti anni (mesi?), e probabilmente il fatto di pagare semplicemente accostando il proprio smartphone al Pos sembrerà già un qualcosa di scomodo e antiquato. La tecnologia Nfc, infatti, sta facendo rapidissimi passi in avanti, nella direzione di una sempre più esasperata miniaturizzazione dei device in grado di supportare chip e sensori, a tutto vantaggio della praticità dell'utente. La riprova di questo processo è data dalla crescente diffusione di sistemi di wearables payment: escludendo i digital watch (Apple Watch, Samsung Gear, ecc.), a macinare progressi e diffusione sono soprattutto i braccialetti digitali , che hanno iniziato a stabilirsi al polso di decine di milioni appassionate di fitness, come rilevatori di parametri fisici e quindi hanno via via implementato funzioni sempre più raffinate, compresa quella dei pagamenti Nfc. Ma oggi si affacciano anche i primi modelli di payment rings , anelli da dito che rappresentano il massimo della miniaturizzazione e della comodità nel pagamento .
Secondo una ricerca svolta dal magazine specializzato Business Insider , entro il 2020 il 62% dei device indossabili venduti nel mondo sarà abilitato per svolgere funzioni di pagamento ed entro la stessa data le transazioni effettuate attraverso questi sistemi si aggireranno intorno ai 500 miliardi di dollari. Un mercato su cui conviene investire, insomma, anche perché i costi di questi oggettini riescono a essere tutto sommato contenuti ( oggi, tra i 30 e i 50 dollari ).
E non si tratta di strumenti per geek maniaci di tecnologia elitaria: a dare evidenza mondiale a queste soluzioni è stato un colosso come Visa , che in occasione delle ultime Olimpiadi di Rio de Janeiro ha dotato una cinquantina di atleti dell' Nfc Ring , prototipo sperimentale di anello abilitato a funzioni di pagamento che prevede l’implementazione di due antenne Nfc e un chip prodotto da Gemalto per la memorizzazione dei dati. Il dispositivo wereable integra due antenne ed è in grado di compiere altre funzioni rispetto ai soli pagamenti, come ad esempio la possibilità di scambiarsi dati (come fosse un biglietto da visita) o per aprire le porte. Il tutto previa configurazione dell'anello con il proprio smartphone attraverso un'apposita app, ma con un vantaggio: l'anello opera in maniera autonoma, ovvero una volta configurato non è necessario avere lo smartphone con sé per consentirgli il funzionamento. Questo rappresenta un decisivo passo avanti rispetto, per esempio, allo smartwatch, che comunque per molte delle sue funzioni dipende dal telefono. Dopo il successo olimpico, l'anello dovrebbe arrivare sul mercato entro dicembre (prezzo previsto al pubblico, 39,90 euro), e promette di essere il regalo più caldo del prossimo Natale.
Ma se il Ring di Visa costituisce la punta più avanzata di questo mondo, sono diverse (e spesso ingegnose) le soluzioni che stanno portando a una misura sempre più ridotta e indossabile lo strumento di pagamento. Eccone alcune.

FitBit

Con circa 30 milioni di braccialetti digitali venduti ogni anno, FitBit è il, leader nel mercato dei wearables. L'intenzione dell'azienda di portare sul braccialetto anche un sistema completo di pagamenti è testimoniata dall'acquisizione, lo scorso maggio, della startup Coin, ideatrice di una piattaforma di pagamento tramite una smart card Nfc.

Jawbone UP4

Più avanti nella competizione è Jawbone, diretto concorrente di FitBit nei wearables per il fitness, che ha già implementato il chip di pagamento nel nuovo modello UP4 (costa 149 dollari), e attraverso un accordo con American Express può essere già utilizzato per effettuare pagamenti in alcuni negozi e catene convenzionate negli USA.

Microsoft Band 2

Nonostante la potenza della "casa" Microsoft, il braccialetto digitale Band2 (200 dollari) equipaggiato con tecnologia Nfc ha ancora un campo di azione limitato: l'unico accordo per il suo utilizzo come strumento di pagamento è quello stipulato con Starbucks negli Usa. La tecnologia insomma c'è e funziona, ora bisogna costruire un mercato...

Lyle & Scott bPay jacket

È una soluzione, interessante, per chi non ama avere braccialetti al polso, e tanto meno anelli al dito. La collezione di giacche e impermeabili del brand Lyle & Scott ha inserito il microchip che abilita al pagamento Nfc all'interno delle finiture del polso dei propri capi, il che consente di pagare con un semplice passaggio del polso in prossimità del Pos (i capi a partire da 150 sterline). La soluzione è stata sviluppata in partnership con Barclays, e la rete di negozi convenzionati prevede già migliaia di punti vendita (vedi immagine in alto).
CONTENUTI CORRELATI

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

Pagamenti online strategici per i merchant

La scelta della soluzione di pagamento può favorire il successo commerciale. Il 12 luglio un webinar spiegherà, anche attraverso testimonianze e...

Pagamenti digitali, tutta questione di "esperienza"

Sotto la spinta normativa e dei Millennials, inizia a farsi strada anche in Italia il modello di open banking, l'ecosistema digitale che vede al...

L'Internet of Things entra in banca

Pagare con il proprio smartwatch o con altri indossabili, o addirittura pagare senza accorgersi di farlo, non è più fantascienza. È la realtà che...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...