20 Luglio 2018 / 01:26
Il telefono gratis, a Microsoft, potrebbe costare caro

 
Fintech

Il telefono gratis, a Microsoft, potrebbe costare caro

di Mattia Schieppati - 4 Ottobre 2011
C'è abuso di posizione dominante nell'acquisizione di Skype da parte del colosso americano? L'Authority antitrust europea si pronuncerà a giorni
Settimana caldissima quella che si apre oggi a Bruxelles, ai piani alti della Commissione Ue, dove ha sede l'Authority antitrust europea guidata da Joaquín Almunia. In ballo c'è un business da (almeno) 8,5 miliardi di dollari: tanto vale l'acquisizione di Skype, il leader delle chiamate voip, da parte di Microsoft. Sette giorni di incontri, trattative, audizioni e lobbying a tappeto in vista della decisione che l'organismo dovrà prendere entro lunedì 7: concedere il via libera oppure stoppare il “matrimonio” che consentirebbe a Microsoft di aggiungere Skype al proprio pacchetto Office (e nelle Xbox).
Matrimonio che è stato messo in mora da un don Rodrigo italiano, la piccola Messagenet fondata da Marco Fiorentino e Andrea Misa Galli, 15 dipendenti, società che offre servizi di chiamate voip a 400 mila utenti (contro i 140 milioni di utenti Skype). L'accusa? Abuso di posizione dominate.
«Abbiamo chiesto che l'acquisizione venga bloccata oppure che Skype diventi un sistema aperto, come il nostro, permettendo l'interoperabilità», dicono da Messagenet. Un ricorso, quello italiano, che si affianca ad altre obiezioni analoghe presentate alla Commissione Ue da altri piccoli e medi operatori voip europei, che vedono nel merger del gigante di Redmond sul più celebre e utilizzato servizio di telefonia web la fine del proprio business.
La portavoce dell'Authority ancora lo scorso venerdì smentiva che l'ente avesse maturato un orientamento di qualche tipo, limitandosi a dire che «come accade per qualsiasi caso relativo a temi di antitrust, l'Authority è tenuta a prendere in considerazione tutti i ricorsi dei competitor». Nessuno si sbilancia. «La richiesta di acquisizione sta seguendo il suo iter regolare, e stiamo lavorando a stretto contatto con le Agenzie europee preposte alla questione», si è limitato a dichiarare Jesse Verstraete, legale e portavoce di Microsoft a Bruxelles. «Che ci siano ricorsi di questo tipo da parte di aziende concorrenti è la norma», dice Denis Waelbroeck, lobbysta e legale specializzato in antitrust a Bruxelles. «La Commissione analizza sempre scrupolosamente queste questioni, ma alla fine credo che l'affare andrà in porto».
Un matrimonio travagliato quello tra Microsoft e Skype: anche per ottenere il via libera della U.S. Federal Trade Commission, l'ente omologo dell'Authority antitrust europea, ci sono voluti mesi di ricorsi e carte bollate. Alla fine (lo scorso 17 giugno) al di là dell'Atlantico la commissione aveva dato l'ok all'acquisizione osservando che essendo attivi sul mercato altri due giganti delle telefonate via web come Google Talk e Apple FaceTime, quella di Microsoft non si poteva considerare “posizione dominante”. Una sentenza che però non può essere presa a modello qui nel Vecchio Continente, dove Google e Apple non hanno ancora lanciato in tutti i paesi Ue i loro servizi di telefonia internet.
Ma soprattutto perché, mormorano gli americani a denti stretti per non indispettire eccessivamente i giudici europei, gli organi regolatori europei tendono a dare un po' troppo ascolto ai ricorsi dei piccoli attori del mondo web: brucia ancora lo stop che proprio la Microsoft ha subito appunto dall'Antitrust europeo nel 2009, quando per evitare un'identica accusa di monopolio sollevata dalla piccola browser-house norvegese Opera fu costretta a inserire nel pacchetto base di Windows, oltre a Internet Explorer, il browser della casa, altri 12 browser alternativi, cosicché l'utente potesse liberamente scegliere attraverso quale canale navigare. Morale: in quell'anno Internet Explorer passò dal 55,7% del mercato al 46,3%. Microsoft, questa volta, vorrebbe evitare sorprese.
CONTENUTI CORRELATI

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

Banche, social e web: il dialogo è interattivo

Informazioni sui prodotti e servizi, assistenza ai clienti, promozione di eventi e iniziative locali, tecnologia, arte, cultura e spettacoli, i temi...

Le 50 password più usate nel mondo

Con l'Internet of Things crescono esponenzialmente i device connessi, ma resta bassa la consapevolezza degli utenti sui criteri minimi di sicurezza...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...