Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Tecnologie

Tecnologie
Invia Stampa
In italiano anche sul web

In italiano anche sul web

Tre domande a Guido Gentili, giornalista e scrittore, sull’uso della nostra lingua. Non solo in inglese, sul web si può scrivere efficacemente anche in italiano. La nostra è una lingua molto adatta a raccontare e va tutelata in ogni sede ...
Ildegarda Ferraro
Il punto sull’italiano con Guido Gentili, giornalista, scrittore, editorialista del Sole 24 Ore, una lunga esperienza nella carta stampata dove tra l’altro è stato direttore del Sole 24 Ore e prima capo della redazione romana del Corriere della sera e direttore de Il Mondo.

L'italiano sul web

Non si è mai scritto tanto come ora. Come si scrive in italiano sui siti che fanno informazione o anche su Facebook oppure su Twitter?

L'Italiano in questi contesti è spesso relativo. Io scrivo su Twitter in italiano e qualche volta in inglese. Credo che anche su Twitter si possa cercare una mediazione tra la forza del messaggio e la precisione della lingua. Si può comunque cercare di essere efficaci con la nostra lingua. Ci sono tweet in italiano che funzionano benissimo, vengono ritweettati, anche da utenti esteri, riescono a tenere il passo.

L’italiano va sostenuto

Tutelare una lingua significa presidiare un aspetto importante della propria identità. Che cosa si può concretamente fare?

Innanzitutto dobbiamo spingere perché l’italiano venga ben insegnato nelle scuole. È un esercizio fondamentale. L’italiano è una lingua molto adatta a raccontare. Dobbiamo difenderla in tutte le sedi, in Europa, nelle istituzioni internazionali. Non è una battaglia di retroguardia. Credo che sia importante conoscere bene le altre lingue, cominciando dall’inglese. Ma credo anche che quella di tutelare nelle sedi ufficiali l’italiano sia una battaglia su cui tener duro. Perché va bene il francese, l’inglese, il tedesco, ma va bene anche l’Italiano.

Mediare tra divulgazione e precisione

In un quotidiano è spesso difficile garantire la precisione per assecondare la divulgazione.

Credo che l’impegno ci debba sempre essere. È certamente un compito complicato nella vita dei giornali, che si trovano spesso a dover fare in fretta, con poco tempo per il linguaggio e il lessico. È un esercizio che andrebbe incentivato, aumentato. Una mediazione va comunque sempre cercata.
Sullo stesso argomento, leggi anche “L’italiano? E' solido ma va sostenuto”
2 Luglio 2015

Articoli correlati

 

  • Le strategie per il canale mobile

    I servizi mobile stanno evolvendo rapidamente sotto la spinta della preferenze di utenti sempre più always on e abituati ad App evolute. Federico...

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017