16 Luglio 2018 / 06:48
Italia tra i paesi più sicuri dove pagare con carta

 
Pagamenti

Italia tra i paesi più sicuri dove pagare con carta

di Flavio Padovan - 8 Settembre 2014
Il tasso di frode nel 2013 è stato dello 0,019%, molto inferiore a quello di Uk, Francia e Australia, oltre che alla media dell'area SEPA. Secondo i dati UCAMP del Dipartimento del Tesoro, a fronte di una netta diminuzione delle clonazioni, crescono le transazioni non riconosciute su internet
Serve una maggiore attenzione su Internet, ma complessivamente l'Italia resta uno dei paesi più sicuri dove pagare con Bancomat, carte di credito e prepagate. E' questo, in sintesi, quanto emerge dall'annuale “Rapporto statistico sulle frodi con le carte di pagamento” elaborato dall'Ufficio centrale antifrode mezzi di pagamento (UCAMP) del Dipartimento del Tesoro.
Nel 2013 il tasso di frode, cioè il valore del frodato sul totale del valore delle transazioni effettuate, risulta pari a 0,019%. Un dato che, seppure in leggero aumento rispetto allo 0,017% del 2012, resta molto inferiore all'analogo valore di UK (0,074%), Francia (0,069%) e Australia (0,048%). In valore assoluto, vuol dire che ogni 10 mila euro spesi con carta, quasi 2 euro “non sono riconosciuti” .
Oltre al valore in euro è utile considerare anche l'incidenza delle frodi sul numero delle transazioni: nel 2013 è stata pari allo 0,0118% (cioè quasi 1,2 operazioni ogni 10 mila non vengono riconosciute ) ed è in aumento di circa il 28% rispetto al 0,0092% del 2012, soprattutto per l'andamento del primo semestre dove si sono concentrati più attacchi della criminalità.
Diminuisce il valore medio delle transazioni non riconosciute, scendendo sotto i 200 euro per transazione (-14% rispetto al 2012).
Complessivamente nel 2013 sono state registrate 365.806 transazioni non riconosciute per un valore di quasi 65 milioni di euro, contro le 266.073 registrate nell'anno precedente, corrispondenti a circa 55 milioni di euro di valore.
Internet e POS nel mirino dei criminali
Rispetto ai canali utilizzati la ricerca dell'UCAMP rivela una crescita del tasso di frode su Internet e POS, mentre continua a diminuire quello relativo al canale Prelievi su ATM. Il valore delle frodi effettuate su Internet ha raggiunto quello sul canale POS e abbondantemente superato quello sul canale ATM. Poiché questi ultimi due canali sono ancora i più utilizzati, l'incidenza del tasso di frode del canale Internet è di conseguenza più elevata.
Il tasso di frode su Internet aumenta sia in Italia sia all'estero, soprattutto in relazione alla categoria merceologica General Retail and Wholesale con una forte crescita nelle sotto-categorie Electronic stores e Mens/Womens clothing stores, in termini sia di numero sia di valore.
Circa le modalità attraverso le quali la frode viene perpetrata, il Rapporto mostra una prevalenza dell'utilizzo della carta in Internet, che ha ormai superato la modalità carta contraffatta. Da sottolineare che la contraffazione legata all'utilizzo fraudolento del codice della carta emessa è in crescita e ha raggiunto un livello che, unito all'uso su Internet, rappresenta più del 50% del totale, avvicinandosi sempre più ai livelli degli altri Paesi dove i pagamenti online su Internet sono più diffusi e la modalità di frode più comune è già collegata a questo mezzo.
Appuntamento a CARTE 2014
Dell'andamento delle frodi e dei trend in atto negli attacchi della criminalità, così come delle misure per contrastarle e garantire massimi livelli di sicurezza alle transazioni elettroniche si parlerà a Carte 2014, la XV edizione della Conference&Expo che quest'anno si terrà il 18 e 19 novembre a Roma presso il Salone delle Fontane dell'EUR. Organizzata in collaborazione con il Consorzio BANCOMAT, Carte è l'appuntamento annuale dedicato alle carte di pagamento, ai pagamenti mobile, all'e-commerce e agli altri sistemi e servizi di pagamento elettronici, anche quelli più innovativi.
CONTENUTI CORRELATI

Tutte le novità di Banche e Sicurezza 2018

Per affrontare il nuovo scenario caratterizzato da confini sempre più labili tra sicurezza fisica e digitale, le aziende propongono nuove soluzioni...

Branch Transformation e sicurezza fisica

L’evoluzione della sicurezza fisica nelle banche italiane sotto la spinta del digitale e le nuove misure per il contenimento dei rischi, come il...

Lo zen e l’arte della sicurezza

Nell’ambito del progetto Events in Art di ABIServizi, finalizzato a unire il mondo finanziario con quello artistico, i temi di Banche e Sicurezza...

La sicurezza in 7 passi

Gli account privilegiati sono un obiettivo prioritario della criminalità cyber. Andrea Argentin di CyberArk spiega cosa devono fare le banche per...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...