22 Luglio 2018 / 10:47
L'Industrial Internet of Things conquista Davos

 
Fintech

L'Industrial Internet of Things conquista Davos

di Mattia Schieppati - 26 Gennaio 2015
L'IIoT potrebbe generare entro il 2030 uno sviluppo industriale da 14.200 miliardi di dollari, ma ad oggi solo il 7% delle aziende e dei sistemi-paese ha sviluppato una strategia. Al World Economic Forum un report di Accenture lancia la sfida, analizzando i benefici paese per paese. E l'Italia ...
In occasione dell'annuale appuntamento del World Economic Forum che si è tenuto la scorsa settimana a Davos, in Svizzera, Accenture ha presentato un report di approfondimento che dimostra come le applicazioni industriali dell’Internet of Things rappresentino le aree più promettenti per lo sviluppo dell’economia globale, con un potenziale impatto a livello mondiale di 14.200 miliardi di dollari sui settori produttivi entro il 2030. Non più solo gingilli per appassionati di tecnologia o applicazioni per rendere più pratica (e magari divertente) la vita dei singoli: un sistema industriale basato sui nuovi servizi digitali, insieme a modelli aziendali incentrati su dispositivi e macchine intelligenti connesse, potrebbe portare a un incremento importante della produzione mondiale e generare quindi sviluppo economico.
Le aspettative dei Ceo sull'IIoT (Fonte: Accenture)
L'indagine, dal titolo Winning with the Industrial Internet of Things (scarica l'allegato) parte da una domanda dura ma necessaria posta ai diversi Ceo e decision maker presenti al Forum: di fronte a questa opportunità, quanto sono preparate le vostre aziende? Secondo quanto emerge dalle analisi di Accenture, infatti, solo il 7% delle aziende (e dei sistemi Paese) ha sviluppato una strategia completa con i relativi investimenti. Fra gli elementi che costituiscono ancora un ostacolo, a livello globale, c’è la mancanza di adeguate conoscenze digitali e la tendenza a strutturare modelli di business che guardano a questo settore semplicemente come un modo per migliorare la propria efficienza e sottovalutando «il valore che i dati hanno nel creare nuovi mercati e flussi di ricavi», ha detto Paul Daugherty, chief technology officer di Accenture.

Per ogni Paese, una diversa ricetta di costi e benefici

L’indagine evidenzia come gli Usa, se investissero il 50% in più in tecnologie IIoT, potrebbero aumentare il proprio Pil di 7.100 miliardi di dollari arrivando a una crescita del 2,3% superiore rispetto al dato di crescita atteso. Anche la Germania vedrebbe aumentare il proprio Pil di 700 miliardi di dollari con una crescita dell’1,7%, mentre il Regno Unito lo potrebbe aumentare dell’1,8%. E anche per l’Italia, pur in ritardo rispetto ai Paesi più predisposti a cogliere le potenzialità dell’IIoT, se realizzassero investimenti aggiuntivi in questo settore, la crescita aumenterebbe di 197 miliardi di dollari, pari appunto a un +1,1% del Pil. La Cina, poi, sarebbe uno dei Paesi che maggiormente potrebbe trarre vantaggi: investendo nell’IIoT potrebbe ottenere una crescita del Pil dell’1,3% superiore rispetto alle previsioni. .
Accenture analizza anche i diversi sistemi Paese, dando le pagelle: Usa, Svizzera, Scandinavia e Paesi Bassi risultano essere le nazioni più evolute, che mostrano già le condizioni per sostenere una rapida adozione dell’IIoT, mentre Spagna, Italia, Russia, India e Brasile restano i Paesi con le condizioni più limitate.

In cosa investire?

La ricerca ha infine individuato tre aree in cui le aziende dovrebbero investire per aumentare l’adozione dell’IioT:
  • riprogettare le proprie strutture organizzative, partnership e attività. Il report fa l’esempio delle società agrochimiche, che dovranno collaborare con i fornitori di software, di dati climatici e con gli operatori dei satelliti per migliorare la resa dei raccolti in determinate aree e condizioni geografiche;
  • creare ambienti di lavoro decentralizzati in grado di supportare nel modo migliore i processi decisionali dei lavoratori a stretto contatto con la clientela e la collaborazione con le società partner;
  • adottare standard di interoperabilità e sicurezza che supportino la condivisione riservata dei dati tra le società e la crescente fruizione di servizi “pay per use”.
CONTENUTI CORRELATI

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

Design: al cliente piace toccare

È boom a Milano del Salone del Mobile, il più importante evento mondiale nel settore dell'arredo. Uno dei punti di forza del Made in Italy, ma dove...

La banca? Non farà solo la banca …

Ragionare come piattaforma aperta e dialogare con aziende terze per fornire servizi sempre più evoluti al cliente. Come fa l’iPhone grazie alle...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...