21 Luglio 2018 / 01:56
La "Costituzione" di Internet si scrive online

 
Fintech

La "Costituzione" di Internet si scrive online

di Mattia Schieppati - 27 Settembre 2012
Il ministro Profumo lancia una consultazione online per stendere il documento che rappresenterà l'Italia all'Internet Governance Forum dell'Onu
A una settimana esatta dall'exploit 2.0 del ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera che ha lanciato il documento Restart, Italia e ha aperto il dibattito sulle start-up tecnologiche (vedi articolo), ecco che un altro esponente di primo piano del governo Monti, il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo raddoppia. In vista dell'Internet Governance Forum con cui l'Onu riunirà a Baku in Azerbaijan (6-9 novembre) i rappresentati di tutti i Paesi a confrontarsi sul tema Internet Governance for Sustainable Human, Economic and Social Development, Profumo ha infatti lanciato una consultazione aperta a tutti i cittadini italiani chiamati a contribuire alla stesura di una ideale "Carta dei principi fondamentali" della Rete.
Un documento realizzato in modalità "crowd" che presenti al mondo quelli che, secondo l'Italia, dovrebbero essere i principi fondamentali con cui l'utilizzo di Internet dovrebbe rispondere da qui in avanti. Un'apposita sezione del sito del Miur, all'indirizzo discussionepubblica.ideascale.com, permette a chiunque, cittadini, organizzazioni private, società civile organizzata o istituzioni pubbliche, di confrontarsi fino al 1° novembre con un documento-base elaborato dal ministero e mandare le proprie osservazioni, proposte, aggiunte. "I dati e le proposte inviate", spiega la homepage del sito, "verranno raccolti e analizzati al fine di individuare i temi emersi con maggiore frequenza e le indicazioni più rilevanti. Questi verranno utilizzati per integrare i documenti ufficiali, successivamente pubblicati".
Cinque le tematiche, ciascuna suddivisa in relativi sottocapitoli, su cui i cittadini sono chiamati a dare il loro contributo:
  • Principi generali
  • Cittadinanza in rete
  • Consumatori e utenti della rete
  • Produzione e circolazione dei contenuti in rete (che comprende lo spinoso capitolo della "Proprietà intellettuale in ambiente digitale)
  • Sicurezza in rete.
Tutti gli interventi e le proposte sono visibili sul sito e vengono giudicate ("sono d'accordo"/"non sono d'accordo") dagli utenti, che possono su ogni singola proposta o osservazione aprire un dibattito online. Le idee più votate salgono di posizione e campeggiano in cima alla lista di proposte che si allunga via via giorno dopo giorno. Si tratta di un esperimento assolutamente pionieristico in Italia di "apertura" da parte di un organo governativo alla collaborazione dei cittadini, che già coglie in modo interessante la principale novità portata dalla diffusione del web negli ultimi vent'anni: la partecipazione.
La speciale "consultazione" lanciata dal Governo è l'immediata messa in pratica dei principi fondanti messi a preambolo del documento: "Internet è un luogo fondamentale di produzione e scambio di conoscenza e, in quanto tale, è un’inestimabile risorsa per l’educazione, l’informazione, la ricerca, e lo sviluppo dei popoli. [...] In qualità di spazio di interazione ed aggregazione duttile, flessibile e in continua evoluzione, Internet si sta progressivamente configurando come “il più grande spazio pubblico che l'umanità abbia conosciuto" (Rodotà, 2006). In tal senso, Internet offre strumenti sempre nuovi per facilitare la partecipazione diretta dei cittadini alla vita culturale e politica del proprio Paese e, più in generale, del mondo come villaggio globale. Per tutte queste ragioni, Internet può fungere da veicolo di emancipazione e promozione delle libertà fondamentali, e può stimolare processi di democratizzazione, contribuendo in tal modo a creare una società più giusta". Il primo passo è stato fatto.
CONTENUTI CORRELATI

Banche, social e web: il dialogo è interattivo

Informazioni sui prodotti e servizi, assistenza ai clienti, promozione di eventi e iniziative locali, tecnologia, arte, cultura e spettacoli, i temi...

Le 50 password più usate nel mondo

Con l'Internet of Things crescono esponenzialmente i device connessi, ma resta bassa la consapevolezza degli utenti sui criteri minimi di sicurezza...

L'era digitale? Un mare di opportunità

"Oggi Internet ti permette di lavorare su un'idea, di creare un'iniziativa imprenditoriale che ti appassiona, anche se sei ‘diversamente’ giovane....

Imprese italiane ancora lontane dal web. Ma il trend ...

Per l'87% delle imprese l'indagine Istat mostra un livello “basso” o “molto basso” di adozione dell'Ict. Mancano le professionalità...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...