21 Settembre 2018 / 23:14
La banca entra nelle tabaccherie

 
Banca

La banca entra nelle tabaccherie

di Flavio Padovan - 23 Gennaio 2017
Intesa Sanpaolo ha presentato a Roma la prima banca di prossimità italiana. Un modello di business innovativo che trasformerà la rete capillare delle tabaccherie in punti di offerta di servizi bancari di base. Ma non solo...
Da giugno si potrà andare in tabaccheria per aprire un conto corrente, ottenere una carta prepagata, chiedere un prestito, attivare una polizza assicurativa. Ma non solo. Oltre ad acquistare sigarette, marche da bollo e giocare al Lotto, si potrà ad esempio richiedere un'identità digitale Spid, verificare le ultime offerte immobiliari, ritirare il dispositivo Telepass. Tutto con una grande flessibilità di giorni e orari di apertura e una forte capillarità sul territorio. E' la rivoluzione della banca di prossimità che Intesa Sanpaolo sta realizzando grazie all'acquisizione della totalità del capitale di Banca ITB, avvenuta lo scorso dicembre al prezzo di 153 milioni di euro.
Il via al progetto Banca 5 – questo il marchio della nuova banca “diffusa” - è stato dato ufficialmente a Roma, dove a oltre mille tabaccai sono stati svelati i particolari del nuovo modello di business insieme alle differenti possibilità di adesione.
“Con questa operazione nasce Banca 5, non più un modello di servizio ma una banca a tutti gli effetti”, ha spiegato Stefano Barrese, Responsabile della Divisione Banca dei Territori
di Intesa Sanpaolo. “Grazie alle oltre 22 mila tabaccherie già convenzionate con Banca ITB – ha continuato Barrese - puntiamo a raggiungere quei cittadini meno propensi ad entrare in una filiale, offrendo servizi bancari di base con maggior flessibilità di giorni e orari di apertura in un luogo che frequentano abitualmente: le tabaccherie. Una rete distribuita capillarmente sul territorio che si aggiunge alle 3.500 filiali del gruppo e agli oltre 7.500 Atm”.
Complessivamente, dunque, Intesa Sanpaolo con Banca 5 potrà contare su 30 mila punti di contatto con i clienti, con possibilità di crescere ulteriormente nel vasto bacino delle tabaccherie ancora non convenzionate. Rilevanti le potenzialità di relazione e di sviluppo che può garantire una rete così capillare, anche rispetto ad altre reti: gli uffici postali sono infatti circa 13 mila, i supermercati 27 mila, i benzinai 25 mila, le farmacie 18 mila.

In banca senza andare in banca

L'offerta Banca 5 prevede 5 aree di prodotto: conto, carte, assicurazioni, prestiti e servizi. “La nostra offerta sarà semplice ma completa e disponibile a tutti i cittadini a prezzi più accessibile del mercato”, ha detto Barrese nel corso della convention di presentazione, specificando come l'offerta sia modulata per rispondere sia alle esigenze dei tabaccai sia a quelle dei loro clienti. Per questo sono state create strutture a supporto delle nuove attività con gestori dedicati e un contact center Banca 5.
Punto di forza per trasformare tutte le 22 mila convenzioni già in essere con Banca ITB a Banca 5 e per accrescerle ancora è l'idea di rendere la tabaccheria un punto di riferimento per i cittadini, con un'ampia gamma di servizi integrati e di prossimità che prevengano il rischio della
disintermediazione da parte dei sempre più aggressivi operatori online, come ha ricordato Salvatore Borgese (nella foto accanto), neo Direttore Generale di Banca ITB. Inoltre, Banca 5 rappresenta una fonte di reddito aggiuntiva per i tabaccai che seconda Intesa Sanpaolo potrà raggiungere anche i 1.700 euro al mese. Il meccanismo di remunerazione, hanno spiegato Barrese e Borgese, è legato a più fattori: allo spazio che ogni tabaccheria dedica alle attività di Banca 5, al riordino dell'espositore (vedi foto) dove sono alloggiate le “smartbox” con le offerte bancarie, dal numero di inserimenti nel terminale dei dati dei clienti e dall'erogazione dei nuovi servizi.

La banca a portata di mano

I primi prodotti dell'offerta bancaria di base che dall'inizio di giugno si potranno richiedere in tabaccheria sono l'apertura di un conto corrente associato a una carta di pagamento e il prelievo di contanti (con importi limitati ancora non determinati, ma non superiori ai 200 euro). Non solo: insieme alle sigarette o alla giocata al lotto si potrà richiedere una carta virtualizzata prepagata “usa e getta” per fare acquisti online, una carta ricaricabile standard o virtualizzata su mobile. Interessante la possibilità di richiedere anche prestiti personali di modesta entità, da mille a 5 mila euro, anche con la cessione del quinto dello stipendio e della pensione. Saranno infine disponibili prodotti assicurativi semplici, dalla copertura RC del capofamiglia alle polizze per i viaggi.
Ma come è possibile aprire un conto corrente o richiedere un prestito in tabaccheria? Attraverso una smartbox. Per i servizi dell'offerta bancaria, infatti, è previsto un doppio passaggio. Il cliente preleva dall'espositore Banca 5 il contenitore con il nome del prodotto desiderato, il tabaccaio attiva al terminale la smartbox e raccoglie i dati base del cliente. Sarà poi la filiale online di backoffice di Banca 5 a richiamarlo per eventuali altre informazioni necessarie e per svolgere i controlli e le verifiche obbligatorie per l'apertura di un conto corrente, la concessione di un prestito o una cessione del quinto dello stipendio.
Banca 5 avrà anche una app per i clienti, che però non è stata pensata per disintermediare il tabaccaio – il cui ruolo rimane centrale - ma per offrire servizi ulteriori al cittadino, da quelli tradizionali come la localizzazione dei punti vendita più vicini e la visualizzazione delle offerte in corso, a quelli più innovativi quali la consultazione dello storico degli acquisti e degli scontrini virtuali. Inoltre, sarà utilizzata anche per programmi di loyalty e per ricevere offerte personalizzate.

Dall'identità digitale al Telepass: i nuovi servizi non finanziari

Accanto all'offerta bancaria di base, sono numerosi i servizi che le tabaccherie aderenti a Banca 5 potranno offrire. Oltre ai prodotti “core” come, ad esempio il pagamento di bollettini, ricariche, Mav, F24, voucher, PagoPA ed Equitalia, i tabaccai potranno rilasciare le identità digitali Spid e le firme digitali dopo aver svolto un breve corso di formazione online che li qualifica come incaricati Rao (Registration Authority Office). Inoltre, consegneranno in esclusiva i dispositivi Telepass e le Sim Telecom e offriranno altri servizi di prossimità quali, ad esempio, la vendita di biglietti e il ritiro di prodotti. Sui display degli espositori, infine, passeranno anche annunci immobiliari, rafforzando quest'area di business su cui Intesa Sanpaolo sta puntando molto e che ha portato anche al lancio di IntesaSanpaolo Casa.
Per Giovanni Risso (nella foto accanto), presidente della Federazione Italiana Tabaccai, il progetto Banca 5 è l'operazione più importante negli ultimi decenni per il grande ritorno economico concreto ed immediato che garantisce agli associati aderenti. Un passaggio storico come fu in passato l'offerta dei servizi legati al gioco del lotto.

La strategia di Intesa Sanpaolo

Per Intesa Sanpaolo l'integrazione di Banca ITB, con la sua collocazione nell’ambito della Divisione Banca dei Territori, risponde agli obiettivi strategici di crescita indicati nel Piano di Impresa 2014-2017.
L'operazione permette di fare leva sull’attuale rete di oltre 22 mila tabaccherie convenzionate con Banca ITB (il 40% della circa 50 mila tabaccherie italiane) per l’acquisizione e lo sviluppo di fasce di clientela oggi non servite dal modello di Banca 5. Inoltre, consente a Intesa Sanpaolo di creare una banca rete di prossimità, focalizzata sull’instant banking, complementare - e con minori costi - rispetto all’attuale rete di filiali, che sarà sempre più focalizzata su consulenza e servizi a valore aggiunto.
Le principali aree di sinergie derivanti dall’integrazione di Banca ITB sono riconducibili al cross selling di prodotti su clientela già di Intesa Sanpaolo servita nelle tabaccherie, dall’acquisizione di nuovi clienti che si rivolgono al canale delle tabaccherie (con un bacino potenziale di circa 25 milioni di clienti, di cui circa 12 milioni già clienti della rete di punti operativi partner di Banca ITB), dallo sviluppo di nuovi prodotti e servizi dedicati al canale tabaccherie e dalle sinergie di costo generate dalle tabaccherie come punti operativi più leggeri rispetto alle filiali bancarie.
Tutta l’attività verrà assistita dalle nuove filiali online predisposte dalla Banca dei Territori, con personale specializzato nella consulenza a servizio della clientela attraverso canali telefonici e digitali. Modello ibrido e multicanale che è uno dei fattori chiave su cui punta Intesa Sanpaolo per il successo della nuova banca di prossimità.
Nel corso della convention di lancio di Banca 5 è stato anche annunciato che Francesco Marrara, fondatore di Banca ITB, tornerà presto a ricoprire il ruolo di amministratore delegato.
CONTENUTI CORRELATI

Personalizzazione e fiducia, due fattori chiave per la banca retail

Secondo una ricerca di Boston Consulting Group, digitalizzare non basta: il futuro della banca retail passa dall'uso delle tecnologie per migliorare...

Google Trends: così si capisce dove vanno le banche

Un'analisi mirata delle parole che miliardi di utenti cercano ogni giorno sul motore di ricerca, realizzata da The Financial Brand, consente di fare...

Non solo lo sportello, il rapporto col cliente alla sfida del digitale

Assistiti su Facebook, guidati dai chatbot, accolti coi robot, compresi con il biomarketing, svagati dalle web serie, uniti nelle community. C’era...

Retail Banking, una trasformazione in 6 punti

Alberto Antonietti, Financial Services Lead di Accenture Strategy analizza i principali trend che stanno cambiando lo scenario del retail banking in...
ALTRI ARTICOLI

 
Pagamenti

Gli assegni diventano digitali

Nuovo lay-out, procedura interbancaria Check Image Truncation per la lavorazione degli assegni in forma elettronica, gestione telematica dei protesti:...

 

Meno web e più app, così pagano i Millennial

Acquisti in rete che creano un senso di appartenenza tra coetanei, prestiti e altre forme di sharing economy che si oppongono al possesso di beni come...

 
Pagamenti

Pagamenti, Google sfida Apple anche in Italia

Si arricchisce l’offerta di pagamenti digitali: dal 19 settembre Big G è entrato nel mercato italiano lanciando Google Pay, in partnership con...
La regolamentazione delle attività fintech è oggi frammentata e, con riferimento ai fenomeni più nuovi, anche...
Romano Stasi di ABI Lab parla della nuova iniziativa per favorire il dialogo tra banche e start-up...