Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Banca

Banca
Invia Stampa
La conciliazione sarà obbligatoria

La conciliazione sarà obbligatoria

Non più dal giudice. Per risolvere controversie con la banca, o anche con l’assicurazione, il condominio, l’affittuario o il medico, prima di andare in Tribunale bisognerà rivolgersi al Conciliatore, che in 120 giorni cercherà di trovare una soluzione concordata
Sara Aguzzoni
Per risolvere controversie che riguardano contratti bancari e finanziari, e altre controversie di carattere civile o commerciale (contratti assicurativi, liti condominiali, successioni ereditarie, locazioni, risarcimenti danni per responsabilità medica, diffamazione mezzo stampa) prima di andare in Tribunale bisognerà rivolgersi al conciliatore, che in un lasso di tempo di 4 mesi aiuterà le parti a trovare una soluzione.
La riforma, che entrerà in vigore nel 2011, si prospetta vantaggiosa per il cittadino in termini di tempo e spese legali, e andrà a ridurre l’eccessivo ricorso al giudice.

Alleggerire la giustizia

«La soluzione delle controversie in via stragiudiziale è un argomento di assoluta importanza in un Paese nel quale la crisi della giustizia è fondamentalmente dovuta all’eccesso di ricorso all’intervento del giudice togato, per liti molto spesso componibili con l’intervento di un terzo indipendente, il conciliatore», ha commentato Corrado Conti, Presidente del Conciliatore BancarioFinanziario. «Le innovazioni introdotte sono intese a operare una profonda trasformazione del modo stesso nel quale i cittadini si pongono di fronte al “sistema giustizia”. Si propone di passare da un atteggiamento nel quale è affermata la quasi ineluttabilità di rivolgersi al magistrato a una modalità diversa: ora saranno essi stessi a valutare se non esistano margini per cui una controversia possa essere affrontata, e possibilmente risolta, in via conciliativa con la controparte».
Il cittadino potrà far valere le proprie ragioni dinanzi a un mediatore professionista esterno al mondo finanziario, vale a dire un avvocato, commercialista, notaio, o qualsiasi altra figura iscritta in un organismo specifico controllato dal ministero della Giustizia. L’intervento del conciliatore, servizio messo a disposizione dal Conciliatore BancarioFinanziario già dal 2007, che non emette una sentenza, consiste nel tentativo di agevolare il raggiungimento di un accordo tra le parti. Se non si arriva a conciliare col mediatore, allora la lite va davanti al giudice.  BF

Chi sono i conciliatori

In Italia sono circa 100 i professionisti presenti in tutte le regioni coinvolti nel network del Conciliatore Bancario Finanziario, associazione alla quale partecipano non solo le banche, ma anche Poste Italiane e società finanziarie per un totale di 1.300 soggetti coinvolti. Finora, sono statecirca 800 le istanze di conciliazione presentate, nel 94% dei casi l’esito è stato positivo perché le parti hanno trovato un accordo.

Un convegno ad hoc

Sull’obbligatorietà del ricorso al Conciliatore e sul tema della giustizia alternativa si è tenuto a Roma il 26 aprile scorso un importante momento di incontro tra i rappresentanti del sistema finanziario, degli ordini professionali e dei consumatori, organizzato dal Conciliatore BancarioFinanziario: “La mediazione delle controversie in materia di servizi bancari e finanziari tra legge e autonomia privata, con particolare riferimento alle clausole contrattuali”.
1 Agosto 2010

Articoli correlati

 

  • Vi presento i Consum-Autori

    "I clienti di oggi non sono più consumatori passivi, ma 'progettisti' dei loro consumi, dai più maturi ai millennial. Dove questi ultimi supportano...

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017