19 Giugno 2019 / 01:40
La digital transformation nella sicurezza fisica
Notizie dalle aziende – Banche e Sicurezza 2019

 
Sicurezza

La digital transformation nella sicurezza fisica

17 Maggio 2019
La tecnologia è tra i principali fattori che contribuiscono alla diminuzione delle rapine in banca. Dal sensore di allarme al sensore di situazione, secondo Citel elemento chiave nell'evoluzione del settore è l'integrazione dei processi gestionali, dei vari apparati, dei sistemi periferici ...
Nel campo della sicurezza fisica il mondo bancario ha dato origine a innovazioni che mettono l'Italia al primo posto nella dinamica dell’evoluzione settoriale; non solo e non tanto per il salto tecnologico in sé, quanto per il contributo decisivo dato all’abbattimento del numero degli eventi e del livello dei danni. Basti pensare all’ azzeramento dell’attacco ai caveaux e al minimo storico toccato dalle rapine nelle filiali , due fenomeni per le quali l'Italia, a differenza del passato, oggi si posiziona nella fascia dei valori minimi/fisiologici del settore.
I passaggi della sistemistica di Citel, generati all’interno del settore bancario e postale, sono stati poi estesi ad altri settori: alle infrastrutture critiche dell’Oil&Gas, alla manifattura e alla Pubblica Amministrazione locale, consolidandosi nel modello del sistema aperto multifornitore per la telegestione di eventi e situazioni . Un open-PSim come Sistema Informatico Dipartimentale multifunzionale, multifornitore e multimediale. Ma anche a prova di futuro (Future-Proof) perché un sistema informatico - anche se dipartimentale - non può che essere progettato, affinato ed espanso nella prospettiva di evolvere e adeguarsi a qualsiasi futura esigenza in un arco di tempo indefinito senza dover richiedere lo smantellamento di infrastrutture e di quanto fino a quel punto realizzato e consolidato.

Sicurezza fisica a prova di futuro

Future-Proof è infatti il requisito chiesto negli anni a Citel dai security manager italiani che si occupano di sistemistica per la gestione della sicurezza fisica aziendale. A conferma, una recente indagine di Gartner presso i vertici della grande utenza internazionale ha certificato l’orientamento generale verso una visione complessiva dei rischi e della sicurezza (overall security and risk landscape) a fini del governo e la conseguente esigenza di ricorrere a Soc (Security Operation Center) di nuova generazione con funzioni intelligenti di rilevazione precoce delle minacce e di interazione con il campo, in grado di gestire gli eventi e gli interventi, anche utilizzando funzioni di intelligenza predittiva. Tutto questo per il governo di un ambito che non riguarda più soltanto la sicurezza fisica, ma quello ben più ampio e liquido dei vari rischi che possono coinvolgere la resilienza stessa dell’azienda.
Anche in questo caso la sicurezza fisica italiana si è trovata all’avanguardia. I risultati dell’indagine di Gartner in termini di esigenze e prospettive collimano infatti con ciò che buona parte del settore bancario in Italia non si limita a evocare ma che in realtà ha già conseguito in una progressione ventennale; soprattutto in chiave di progetto permanente di quelle soluzioni informatiche che hanno portato progressivamente alla quasi scomparsa del grave problema della rapina e che hanno poi avuto una ricaduta determinante sull’evoluzione tecnologica e di processo dell’intero comparto della sicurezza fisica, anche non bancaria.

Una visione interdisciplinare

L’abbattimento del numero e del danno delle rapine in Italia è un dato di fatto, chiaro ed anche eclatante, anche ai fini dell’immagine del Paese. Meno evidente ma sintomatico è invece il fatto che il progresso sia il risultato di un progetto interdisciplinare che ha richiesto il superamento di barriere per ottenere una sistemistica integrata e interattiva tra applicazioni e prodotti diversi , non più sulla base di semplici contatti ma tra processi informatizzati.
La soluzione antirapina secondo il modello che Citel ha consolidato negli ultimi anni è basata sul PSim della banca, che governa da Control Room i processi gestionali di eventi e situazioni generati dalle integrazioni tra i vari apparati e sistemi periferici , attivando funzioni multimediali di monitoraggio, prevenzione e dissuasione basate sull’interoperabilità tra apparati e sistemi multifunzione e multimarca presenti nella filiale. L’intelligenza delle funzionalità è generata da un’applicazione che Citel ha sviluppato in collaborazione con università italiane, che ha portato di recente al sensore di situazione , termine coniato da Citel come superamento definitivo del sensore di allarme, del concetto stesso di allarme e come completamento del concetto di evento combinato con le sue dinamiche.
La gestione per situazioni, a superamento dell’evento di allarme quando ciò è necessario come nel caso della rapina, è una delle principali innovazioni di Citel nell’onda lunga della Digital Transformation, con funzioni che agiscono combinando le rilevazioni e le dinamiche in campo con quelle che operano a livello del PSim di governo.

La sicurezza prima di tutto

Da anni Citel è tra i protagonisti di Banche e Sicurezza 2019, una partecipazione costante negli anni scandita dal cambio di passo dell’evoluzione informatica nella gestione della sicurezza fisica in Italia.
Come interpretare e gestire la sicurezza in maniera strategica nell’epoca dell’open banking, su piattaforme interconnesse e proponendo al cliente servizi sempre più multi-accesso?
Banche e Sicurezza (qui il sito dedicato) è l’evento promosso dall’ABI il 21 e 22 maggio, a Milano(Centro Bezzi, per conoscere ed esplorare le frontiere della sicurezza fisica e digitale nel settore finanziario, bancario e assicurativo.
L’innovazione digitale ha aperto al settore finanziario straordinarie opportunità di crescita, annullando le barriere tra mondo fisico e digitale. Ma ha anche moltiplicato le fonti di rischio. Banche e Sicurezza traccia la rotta di una nuova alleanza tra competenze umane e potenzialità tecnologiche, per ripensare la sicurezza come valore. Al servizio del business, della clientela, della società.
(la partecipazione è gratuita e rivolta a banche e altri intermediari finanziari, assicurazioni, pubblica amministrazione, università. Clicca qui per iscriverti)
CONTENUTI CORRELATI

Cyber security, ogni secondo conta

Per affrontare i nuovi scenari di rischio le banche devono adottare una strategia di difesa che sia integrata, collaborativa, veloce da implementare e...

Uniti contro il cyber crime

Nel 2018 il numero di attacchi informatici alle banche andati a buon fine è diminuito del 3%, ma è salito l'impatto economico, con una perdita del...

Le sfide per i Ciso

Dalla cyber security alla cyber resilienza nell’analisi di Paolo Carcano di Pwc. Al centro il ruolo strategico del responsabile della sicurezza: nel...

I dipendenti prima linea di difesa

Nelle aziende molte violazioni informatiche dipendono da comportamenti che hanno funzionato da apri porta agli attacchi. Per questo, per Daman è...
ALTRI ARTICOLI

 
Pagamenti

L’innovazione non si ferma

L'interesse pubblico della funzione dei pagamenti, l'avvio concreto delle novità tracciate dalla direttiva Psd2. E ancora, tecniche che arricchiscono...

 
Banca

Banche e digitale, i 4 trend

Blockchain, Customer Experience, Cognitive e Core Banking: per le banche si chiude la stagione delle sperimentazioni per passare a quella della...

 
Sicurezza

Cyber security, ogni secondo conta

Per affrontare i nuovi scenari di rischio le banche devono adottare una strategia di difesa che sia integrata, collaborativa, veloce da implementare e...
Dal 21 al 26 giugno Milano sarà la capitale europea della tecnologia grazie all'IBM Think Summit. Sei giornate...
Il direttore generale dell’ABI anticipa i temi al centro del dibattito del 25 e 26 giugno a Roma a...