21 Luglio 2018 / 17:34
La sicurezza ai tempi del "mobile"

 
Sicurezza

La sicurezza ai tempi del mobile

di Marco Riboli - 11 Maggio 2011
La diffusione di smartphone,virtualizzazioni e cloud pone nuove sfide alla gestione e alla difesa dei dati. Marco Riboli di Symantec spiega come si proteggono oggi le informazioni personali e aziendali
Gli ultimi anni sono stati caratterizzati dallo sviluppo di trend ormai riconosciuti; la “consumerizzazione” dell’IT, così come il diffondersi di nuove tecnologie quali il cloud e la virtualizzazione stanno assumendo un ruolo sempre più importante nello scenario globale. Ci siamo abituati ad utilizzare i nostri dispositivi personali anche per lavoro e con gli stessi dispositivi portatili possiamo collegarci alla mail lavorativa, accedere alla rete, al data center e al database aziendali. Questa tendenza è stata alimentata dalla proliferazione dei dispositivi mobili che sono abilitati all’accesso alla rete aziendale. L’Italia è leader nell’utilizzo di cellulari, e smartphone utilizzati anche come archivio di dati e di informazioni personali e sensibili e di conseguenza esposti ai rischi. E il proliferare delle informazioni non riguarda solo i dispositivi mobili; di anno in anno, cresce il volume dell’informazione da salvare: lo storage e il backup dei dati aumenta del 52% all’anno e questo ci porta rapidamente verso il cloud e verso la virtualizzazione dei server aziendali.
Tuttavia lo sviluppo del mobile, del cloud e della virtualizzazione che caratterizzano la nostra era pone nuove sfide per quanto riguarda la gestione e la sicurezza dei dati. Recentemente la cronaca ci ha raccontato alcuni casi come quello di Weakileaks, del malware Stuxnet - solo per citare quelli più famosi – che hanno messo a dura prova la sicurezza di dati sensibili e il disaster recovery di alcune importanti aziende che operano a livello mondiale e locale. Questi recenti avvenimenti ci confermano che, come mai prima d’ora, diventa sempre più importante, mettere in sicurezza e gestire le nostre informazioni - indipendentemente dal luogo o dai dispositivi utilizzati - sia che si trovino su dispositivi mobili, nella nuvola o in ambienti virtuali. Nonostante tra le aziende si stia diffondendo una maggiore consapevolezza dei rischi, c’è ancora molto da fare: è sempre più rilevante la sfida di gestire risorse disparate virtuali, fisiche e cloud, e le aziende devono quindi affrontare una maggiore complessità nel proteggere e recuperare i dati e le applicazioni mission critical.
Dal Symantec Disaster Recovery Study 2010 emerge che quasi la metà (il 44%) dei dati presenti sui sistemi virtuali delle aziende intervistate non viene sottoposto a regolare backup e per due terzi dei rispondenti (il 66%), la sicurezza è la maggiore causa di preoccupazione quando si collocano le applicazioni nella nuvola. La tecnologia supporta le aziende nell’affrontare queste sfide e Symantec si avvale per questo della propria Global Intelligence Network, una rete di Intelligence che intercetta le minacce informatiche con 240mila sonde presenti su 133milioni di client/server inoltre 200 paesi e dell’innovazione che caratterizza la tecnologia delle proprie soluzioni e dell’esperienza derivata da una presenza quasi trentennale sul mercato.
Alle nuove complessità si risponde con sistemi di crittografia e autenticazione on line che garantiscono alle aziende e al consumatore finale soluzioni per proteggere le comunicazioni e le transazioni online. Ma non basta, servono specifiche policy aziendali per implementare soluzioni che individuino in anticipo le problematiche e utilizzino tecnologie e processi in grado di assicurare una protezione adeguata. In particolare, la necessità di proteggere ulteriormente le identità online ha spinto Symantec a fornire un ulteriore livello di protezione da furti di identità e frodi grazie ad un servizio di autenticazione cloud-based che permette di mettere in sicurezza gli accessi e le transazioni online, garantendo la compliance e riducendo il rischio di frodi come soluzione di autenticazione Security as a Service. Un approccio che permette di supportare aziende e utenti nell’assumere il controllo dei propri dati e della propria identità.
Marco Riboli
Vice President e General Manager Symantec EMEA
CONTENUTI CORRELATI

L'Internet of Things è una bomba a orologeria?

Secondo Mr. Kaspersky, fondatore del noto antivirus, il rischio esiste. Una ricerca presentata in Italia su web, privacy e sicurezza spiega che...

Identità da proteggere

È operativo il sistema pubblico di prevenzione delle frodi nel settore del credito, istituito dal MEF. Quali sono le modalità di funzionamento e di...

Banche, funziona la strategia antirapina

Marco Iaconis anticipa a Bancaforte alcuni risultati dell'analisi annuale di OSSIF sulla sicurezza nel settore finanziario che sarà presentata a...

La sicurezza informatica diventa questione di Stato

Un decreto del Governo Monti istituisce un'architettura istituzionale per la difesa dello spazio cibernetico. Una prima risposta alla richiesta Ue di...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...