16 Luglio 2018 / 06:51
La sicurezza non ha confini

 
Sicurezza

La sicurezza non ha confini

di Giuseppe Goglio - 22 Aprile 2013
La mobility di dipendenti e clienti è una risorsa da sfruttare senza timori, anche per le banche. Intesi Group fornisce gli strumenti per farlo in totale sicurezza affidandosi al cloud computing. Presentata nell'area dimostrativa del Forum ABI Lab 2013 la piattaforma Time4Mind
Per quanto grandi, e motivati, possano essere i timori da parte di un’organizzazione bancaria nel lasciare ai propri dipendenti maggiore libertà d’azione nell’accesso ai dati dai dispositivi non aziendali e all’esterno del perimetro sicuro della rete aziendale, appare sempre più difficile arginare fenomeni quali il BYOD (Bring your own device) e la mobility. Oltre alle richieste provenienti direttamente dagli utenti, la tendenza si appresta a diventare una vera e propria necessità, nell’ottica di mantenere la competitività e garantire i livelli di flessibilità e tempestività richiesti dal mercato. Di fronte all’aspetto più delicato di questa situazione, la sicurezza, una risposta arriva dal cloud computing.
“Abbiamo messo a frutto la nostra esperienza maturata in ambito di firma digitale, crittografia e sistemi di autenticazione per un’offerta in modalità SaaS – spiega Stefano Scagni - Account Executive Banche e Telco di Intesi Group -. Time4Mind (vedi la scheda ) è un sistema attraverso il quale l’utente può accedere a diverse fonti documentali, privati o pubbliche, gestire file anche in mobilità con gli adeguati livelli di sicurezza”. In pratica, oltre a una verifica sulla sicurezza intrinseca del dispositivo utilizzato, i controlli nell’accesso vengono spostati al livello superiore della Rete, in modo da garantire da una parte l’accessibilità dall’utente a prescindere dal dispositivo, e dall’altra tutelare il patrimonio informativo da ogni forma di accesso non autorizzato. Tra l’utente e i dati si inserisce un controllo per l’opportuna verifica delle credenziali, l’individuazione del profilo e le adeguate garanzie della connessione utilizzata. “Il circolo approvativo non viene toccato – sottolinea Scagni -. Resta possibile apporre la firma digitale, distruggere documenti in sicurezza e poter contare sulla strong authentication”. Il prodotto è organizzato in forma modulare. Spetta cioè al cliente scegliere quali e quanti elementi installare nel proprio flusso di lavoro. In particolare, oltre all’integrazione con i sistemi interni, viene garantita la possibilità di fornire accesso in sicurezza anche ai servizi di condivisione pubblici, come per esempio Google+ o Dropbox.
La soluzione è già sperimentata con successo. “Non andiamo a modificare in alcun modo il processo di approvazione, ma aggiungiamo semmai accessibilità e usabilità – riprende Scagni -. Abbiamo già vinto una gara con una banca per il modulo di firma elettronica avanzata e più di recente con un secondo istituto per il servizio di Certification Authority”. Pensata e costruita con i requisiti di sicurezza tipici di ambienti finanziari, Time4Mind trova infine naturale estensione nel mercato aziendale. “Nelle grandi imprese ci immaginiamo un largo utilizzo di questo genere di servizi – conclude Scagni -, per la presenza di diverse fonti documentali e svariati processi che diventa possibile gestire in sicurezza con un’unica soluzione”.
CONTENUTI CORRELATI

Tutte le novità di Banche e Sicurezza 2018

Per affrontare il nuovo scenario caratterizzato da confini sempre più labili tra sicurezza fisica e digitale, le aziende propongono nuove soluzioni...

Branch Transformation e sicurezza fisica

L’evoluzione della sicurezza fisica nelle banche italiane sotto la spinta del digitale e le nuove misure per il contenimento dei rischi, come il...

Lo zen e l’arte della sicurezza

Nell’ambito del progetto Events in Art di ABIServizi, finalizzato a unire il mondo finanziario con quello artistico, i temi di Banche e Sicurezza...

La sicurezza in 7 passi

Gli account privilegiati sono un obiettivo prioritario della criminalità cyber. Andrea Argentin di CyberArk spiega cosa devono fare le banche per...
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...