Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Tecnologie

Tecnologie
Invia Stampa
Le faccine però funzionano

Le faccine però funzionano

Amate od odiate, le emoticon comunque servono per comunicare le emozioni in maniera istantanea su Internet e negli sms. Quante ne conoscete?
Ildegarda Ferraro
Non mi piacciono le faccine. E meno male che non sono sola :-)). Avevo letto il bel pezzo di Mary Elizabeth Williams su www.salon.com e mi ero trovata abbastanza d’accordo. Questa storia delle emoticon, ossia del modo sintetico per riprodurre le espressioni delle emozioni, proprio non mi convince. Non mi piacciono questi per chiarire lo stato delle cose.
E mi piacciono ancora meno le faccine costruite con punto, virgola, due punti, parentesi e poco altro. La più antipatica è quella con l’occhiolino ;-) perché vuol proprio dire che o non si ha uno straccio di ironia o non si scommette un centesimo che la abbia il proprio interlocutore. Insomma le emoticon, anche dette smile o faccine, sono davvero antipatiche. Servono per far passare l’emozione in maniera sintetica ed istantanea.
Come chiarisce Wikipedia : “Vengono utilizzate prevalentemente su Internet nei programmi di messaggistica chat e negli SMS per sopperire alla mancanza del linguaggio non verbale nella comunicazione scritta. Il nome nasce dall'accostamento delle parole "emotional" e "icon" e sta ad indicare proprio un'icona che esprime emozioni”. In rete si trovano veri e propri dizionari dei segni e dei disegni.
Però, però, l’altra sera ho scritto un sms ad una collega che mi aveva inviato la notizia di come si era chiusa una vicenda importante. Poche parole: “Grazie per avermelo fatto sapere. Mi hai tolto un peso”. E lei laconica “:-))”. E debbo ammettere che mi ha colpito. Forse di più di una parola.
1 Febbraio 2011

Articoli correlati

 

  • Le strategie per il canale mobile

    I servizi mobile stanno evolvendo rapidamente sotto la spinta della preferenze di utenti sempre più always on e abituati ad App evolute. Federico...

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017