19 Luglio 2018 / 11:35
Le faccine però funzionano

 
Fintech

Le faccine però funzionano

di Ildegarda Ferraro - 1 Febbraio 2011
Amate od odiate, le emoticon comunque servono per comunicare le emozioni in maniera istantanea su Internet e negli sms. Quante ne conoscete?
Non mi piacciono le faccine. E meno male che non sono sola :-)). Avevo letto il bel pezzo di Mary Elizabeth Williams su www.salon.com e mi ero trovata abbastanza d’accordo. Questa storia delle emoticon, ossia del modo sintetico per riprodurre le espressioni delle emozioni, proprio non mi convince. Non mi piacciono questi per chiarire lo stato delle cose.
E mi piacciono ancora meno le faccine costruite con punto, virgola, due punti, parentesi e poco altro. La più antipatica è quella con l’occhiolino ;-) perché vuol proprio dire che o non si ha uno straccio di ironia o non si scommette un centesimo che la abbia il proprio interlocutore. Insomma le emoticon, anche dette smile o faccine, sono davvero antipatiche. Servono per far passare l’emozione in maniera sintetica ed istantanea.
Come chiarisce Wikipedia : “Vengono utilizzate prevalentemente su Internet nei programmi di messaggistica chat e negli SMS per sopperire alla mancanza del linguaggio non verbale nella comunicazione scritta. Il nome nasce dall'accostamento delle parole "emotional" e "icon" e sta ad indicare proprio un'icona che esprime emozioni”. In rete si trovano veri e propri dizionari dei segni e dei disegni.
Però, però, l’altra sera ho scritto un sms ad una collega che mi aveva inviato la notizia di come si era chiusa una vicenda importante. Poche parole: “Grazie per avermelo fatto sapere. Mi hai tolto un peso”. E lei laconica “:-))”. E debbo ammettere che mi ha colpito. Forse di più di una parola.
CONTENUTI CORRELATI

Banche, social e web: il dialogo è interattivo

Informazioni sui prodotti e servizi, assistenza ai clienti, promozione di eventi e iniziative locali, tecnologia, arte, cultura e spettacoli, i temi...

Le 50 password più usate nel mondo

Con l'Internet of Things crescono esponenzialmente i device connessi, ma resta bassa la consapevolezza degli utenti sui criteri minimi di sicurezza...

L'era digitale? Un mare di opportunità

"Oggi Internet ti permette di lavorare su un'idea, di creare un'iniziativa imprenditoriale che ti appassiona, anche se sei ‘diversamente’ giovane....

Imprese italiane ancora lontane dal web. Ma il trend ...

Per l'87% delle imprese l'indagine Istat mostra un livello “basso” o “molto basso” di adozione dell'Ict. Mancano le professionalità...
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...