20 Ottobre 2018 / 01:33
Le parole chiave del CRIF Finance Meeting 2016

 
Imprese

Le parole chiave del CRIF Finance Meeting 2016

di Flavio Padovan - 30 Settembre 2016
A Bologna il 13 ottobre si terrà la quinta edizione di uno degli eventi di riferimento dell’industria del credito italiana. Ad animare la giornata di studio e approfondimento numerosi protagonisti del settore che si confronteranno sul tema “tra crescita e controllo del rischio” analizzando tendenze e best practice
A poche settimane dal via cadono i veli sul programma del CRIF Finance Meeting. E sono molte le sorprese preparate per la quinta edizione di uno degli eventi di riferimento dell'industria del credito italiana. Quest'anno le parole chiave sono “crescita” e “controllo del rischio”, all'insegna del concept “Driving growth” scelto come fil rouge dell'appuntamento 2016.
Nell'agenda dei lavori della giornata di approfondimento organizzata a Bologna per il 13 ottobre hanno trovato spazio tutti gli argomenti più importanti da cui dipende lo sviluppo del settore. Si parlerà infatti di modelli di business e strategie future che contemperino crescita e sostenibilità; di risk management, svalutazione dei crediti e nuove metriche di rischio; dei cambiamenti alla customer experience che sta producendo la digital transformation. E ancora: di innovazione e massimizzazione dell’efficienza dei processi nell’evoluzione normativa; di information governance, big data, nuovi touch point e omnicanalità; di gestione end-to-end dei crediti deteriorati.

I protagonisti dell'evento

Entrando nel dettaglio dell’agenda, i lavori della sessione plenaria saranno aperti da Simone Capecchi, Predictive Information Solutions - Italy & European Headquarters Executive Director di CRIF. A lui il compito di presentare ai partecipanti lo scenario e l'andamento del mercato italiano, sfruttando anche viste e analisi esclusive del CRIF Market Outlook. Un intervento da non perdere, che servirà a fare il punto sul mercato del credito “in a nutshell”, con numeri e tendenze anche per i prossimi anni. Seguirà lo speech di Silvia Ghielmetti, Direttore Generale di CRIF, che approfondirà un altro aspetto importante, e cioè le prospettive e sfide del credito nel contesto italiano e internazionale alla luce degli scenari macroeconomici e regolamentari.
La mattinata proseguirà con un panel di relatori d'eccezione. Inizierà Umberto Filotto, Professor - Area Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni di SDA Bocconi, che presenterà i risultati più significativi della survey “Capacità di pagamento e referenziazione: prima analisi sui dati reali”, realizzata insieme a CRIF proprio per questo evento per approfondire il tema dell’indebitamento responsabile delle famiglie. Gianfranco Torriero, Vice Direttore Generale di ABI, focalizzerà il suo intervento su “Il Binomio banking e crescita”, mentre Vittorio D’Orazio, Research Director Gartner IAS Banking and Investment Services team, che analizzerà il tema della “Digital Innovation”.

Slow Banking

La sessione plenaria del Finance Meeting si concluderà con una interessante tavola rotonda dal titolo “Slow Banking: credito sostenibile in un mondo di bassa crescita”. Moderatore sarà Andrea Resti, Associate Professor dell’Università Bocconi e co-moderatore Giorgio Costantino, Management Consulting Senior Director di CRIF. Un panel di C-level ed esponenti di spicco dell’industria discuterà dell’innovazione dei modelli di business su cui costruire la strategia futura delle aziende di credito e vincere la sfida della redditività nell’ambito di un contesto di mercato e regolamentare fortemente dinamico. Parteciperanno al dibattito Roberto Di Salvo, Vice Direttore Generale di Federcasse, Carlo Palego, Chief Risk Officer di Banco Popolare, Marzio Pividori, Head of Deutsche Bank Easy, Giuseppe Sibilla, Credit management Gestione Sofferenze di BPER.

Esperienze concrete dalla voce dei protagonisti

Da sempre un tratto distintivo del CRIF Finance Meeting è quello di rappresentare un'occasione di confronto e di condivisione delle “lesson learnt” e dei risultati sperimentati sul campo, raccontati direttamente dai protagonisti del mercato. Nelle scorse edizioni i case study presentati e analizzati sono stati oltre 60. E anche al CRIF Meeting 2016 non mancheranno sessioni verticali dedicate alle esperienze di successo dell’industria su aree chiave nell’ambito del ‘Credit Framework’ che copre l’intero ciclo di vita del credito.
Nella sessione pomeridiana dedicata a “Marketing & Credit Process”, si parlerà non solo del ruolo di informazioni, sistemi di supporto alle decisioni, servizi e consulenza, ma anche delle esigenze di banche e società finanziarie di un approccio strutturato alla pianificazione strategica, attraverso la valutazione della qualità del mercato del credito, del proprio posizionamento e delle potenzialità di sviluppo presenti sul territorio. Oltre allo sviluppo del business, si approfondiranno i temi della prevenzione frodi e dell’efficienza e del contenimento dei costi in origination, perseguibili attraverso una migliore gestione delle politiche creditizie, valutazioni immobiliari compliant alle linee guida ABI e l’ottimizzazione dei processi decisionali. Racconteranno la loro esperienza speaker di FCA Bank, Deutsche Bank Easy, Intesa Sanpaolo, CSD - Centro Servizi Direzionali.
In “Risk & Business” il leitmotiv sarà come gestire le leve della trasformazione verso la credit revolution. Anche in quest’ambito consulenza e metodologia di risk management evolute, sistemi, attività operative, patrimonio informativo rappresentano gli “ingredienti” per una gestione integrale del credito. A essere coinvolte sono tutte le fasi, dall’istruttoria e corretta erogazione, al monitoraggio del portafoglio, intercettando tempestivamente e gestendo l’eventuale deterioramento del credito. Il tutto assicurando la coerenza tra strategia e processi operativi e con la garanzia della compliance delle soluzioni e dei servizi adottati. A fare da guida su questi temi saranno le storie di successo di BPER, Monte dei Paschi di Siena e UniCredit.
La sessione “Governance” è focalizzata sui temi legati ai processi e all’outsourcing nella filiera del credito bonis e non performing, con l’obiettivo della massimizzazione dell’efficienza nel pieno rispetto delle normative. Oltre che di efficienza si parlerà anche di controllo della reputazione, di antiriciclaggio e del valore di una gestione end-to-end del credito anomalo. Al centro ci saranno le testimonianze di Carige, Cariparma, Soisy.

Un'occasione di aggiornamento e studio

Grazie a questo intenso programma, il CRIF Finance Meeting si propone ancora una volta come un'occasione unica per conoscere dati e tendenze di mercato. Grazie ad anticipazioni esclusive di dati raccolti ed elaborati da CRIF e alle testimonianze dirette dei protagonisti dell'industria del credito, è possibile avere un quadro aggiornato dell’industria con una visione internazionale e da oggi al 2020. Lo scorso anno hanno partecipato oltre 300 professionisti, in rappresentanza di più di 100 aziende di credito e di tutti i segmenti.
Bancaforte, media partner del CRIF Finance Meeting, seguirà i lavori del convegno con i suoi giornalisti e pubblicherà uno Speciale con approfondimenti e videointerviste esclusive ai rappresentanti istituzionali e ai protagonisti del mondo bancario e dell'industria del credito. Per essere informati in tempo reale seguiteci anche su Twitter, LinkedIn, Facebook e YouTube.
Per richiedere l’agenda completa, per maggiori informazioni e iscrizioni:
Ufficio Eventi CRIF: +39 051 4176111; Annalisa Fidelbo: +39 348 3865388; Maria Chiara Carpaneda: +39 346 3041526 – e-mail: financemeeting@crif.com
Vai al sito dell'evento www.financemeeting.crif.com
CONTENUTI CORRELATI

L'energia del credito al CRIF Finance Meeting 2018

Prime anticipazioni su temi e novità dell'evento che si terrà l'11 ottobre a Bologna. “Inside credit energy. Protagonisti nella trasformazione del...

Credito e garanzie: accordo ABI-Confindustria

Migliorare il credito alle imprese, liberando risorse per la crescita, con garanzie più flessibile e tempi di recupero più veloci: sono questi gli...

Prestito ipotecario vitalizio, un mercato pronto al decollo

Il Gruppo MutuiOnLine ha recentemente acquisito il 30% di 65Plus puntando sulle potenzialità di crescita di questa soluzione di finanziamento rivolta...

La nuova CQS pronta al decollo

Entro il 2020 i premi complessivi supereranno quota 600 milioni, ma il mercato della Cessione del Quinto potrebbe crescere ulteriormente con la...
ALTRI ARTICOLI

 
Pagamenti

Senza il contante, il retail cambia pelle

Al Salone, il punto di vista di grande e piccola distribuzione sugli orizzonti che i digital payment possono aprire: nuova esperienza di acquisto e il...

 
Fintech

Così portiamo il territorio nel digitale

Ventis, il marketplace di Iccrea, è uno strumento di relazione e un modello evoluto di fare banca. Mettendo a disposizione delle imprese clienti...

 
Pagamenti

PA e fintech driver dei pagamenti digitali

Il rapporto del Comitato Pagamenti della Banca d'Italia fotografa per il 2017 una crescita del 6% dei pagamenti alternativi al contante, soprattutto...
Melissa Peretti di Amex spiega le strategie di sviluppo della società: servizi d'eccellenza in ogni fase del...
Maggiore protezione dei clienti e un miglioramento della relazione con banche e assicurazioni. Sono questi,...