Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Imprese

Imprese
Invia Stampa
Lo startupper italiano? Ha 30 anni e odia la burocrazia

Lo startupper italiano? Ha 30 anni e odia la burocrazia

Una ricerca dell'Università Bocconi traccia il profilo dei neo-imprenditori in campo tecnologico. Mentre sono già oltre 600 le start-up previste dal decreto Crescita 2.0 registrate nelle Camere di Commercio di tutta Italia. Ecco la mappa completa
Mattia Schieppati
Dopo tanto parlarne, eccole, finalmente. Sono le start-up "ad alto contenuto tecnologico" previste - era lo scorso mese di ottobre - dal Decreto Crescita 2.0 voluto dall'allora ministro Passera (guarda l'articolo di Bancaforte) e che avrebbero dovuto rappresentare la punta di diamante dell'innovazione imprenditoriale italiana. Ora questo gruppetto scelto è finalmente nero su bianco, ha un nome, un ambito di attività e si può cominciare a vederlo all'opera. Ma soprattutto a definire i confini del "fenomeno".
Sono 618 le start-up conformi al decreto registrate ad oggi presso le Camere di Commercio di tutto lo stivale (per l'elenco completo clicca qui), si concentrano soprattutto al centro-nord (la regione che ne conta il maggior numero è la Lombardia, con 107, seguita dal Piemonte, con 80 imprese registrate) e spaziano nei più svariati campi di attività, dallo sviluppo di software, alla ricerca applicata in campo scientifico, fino alla realizzazione di sistemi destinati ad ambiti produttivi più tradizionali come le movimentazioni di merci in magazzino e la gestione della supply chain.
L'averle messe nero su bianco e averne mappati ambiti e distribuzione territoriale è un traguardo importante, che consente di porre le basi per lo sviluppo successivo di questo nuovo tessuto imprenditoriale.
Che, oltre alla ragione sociale, sta facendo emergere anche un nuovo profilo di imprenditore. Profilo che è stato al centro di una recente indagine scientifica svolta da un ricercatore dell'Università Bocconi, Niccolò Meroni, che ha provato a tracciare l'identikit dello startupper italiano mettendo a sistema e analizzando il database messo a disposizione da Startupbusiness, la realtà che sta lavorando all'organizzazione della prima Fiera delle startup, prevista per giugno (info: http://it.startupbusiness.it). I risultati? Lo startupper "medio" italiano è un maschio (87%), trentenne (41%), del nord (60%), che ha già maturato precedenti esperienze imprenditoriali/lavorative (è così per il 40% dei casi) prima di intraprendere la carriera imprenditoriale nel campo dell'innovazione tecnologica. Gli startupper laureati in management o ingegneria rappresentano più del 70% dell’intero corpus, e quasi tutti hanno trascorso almeno tre mesi all’estero.
L'indagine è interessante anche perché spiega quali sono gli stimoli che stanno all'origine della nascita dell'impresa. La maggior parte dei progetti delle startup (il 42%) è nata grazie al brainstorming sviluppato con amici o colleghi. L’innovazione è più frequente dell'invenzione (42% contro 12%). Ad avviare i neomeccanismi imprenditoriali sono staff ridotti ai minimi termini, composti da 2-4 persone, mentre sono più rari gli staff numerosi, anche perché il principale team-building in genere è l’amicizia nata nell’ambito universitario.
I principali problemi che incontrano gli startupper nello sviluppo della loro idea in impresa? Manco a dirlo, gli eccessivi vincoli burocratici, al secondo posto la difficoltà nel trovare partner economici che apportino capitali, mentre per il 35% dei casi il primo sbocco - e battesimo di fuoco nella ricerca di investitori - è costituito dalla partecipazione a competition, pitch, barcamp e altre occasioni di visibilità pubblica. Solo il 30% degli startupper sfruttano gli incubatori.
30 Aprile 2013

Articoli correlati

 

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017