Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Banca

Banca
Invia Stampa
Lotta alla crisi con la sostenibilità
CSR

Lotta alla crisi con la sostenibilità

Dal 30 maggio al 6 giugno tappa in varie città d’Italia per la “Sri week”. L’iniziativa, già consolidata in Europa, per promuovere la cultura della responsabilità sociale nella pratica degli investimenti finanziari
Sara Aguzzoni
Una settimana di eventi in tutta Italia, dedicata all’investimento sostenibile e responsabile. Dal 30 maggio, arriva per la prima volta nel nostro Paese la “Socially Responsible Investing Week” – in breve “ Sri week ” – promossa e coordinata dal Forum per la Finanza Sostenibile . Tappa nelle città di Venezia, Milano, Bologna, Napoli, Bari. Il tour si chiuderà il 6 giugno a Roma, con la sottoscrizione della “Carta dell’Investimento Responsabile” da parte di ABI, Ania, Assogestioni e Febaf.
L’iniziativa, già consolidata in Europa, prevede seminari , convegni e incontri in tutto il territorio nazionale per promuovere la cultura della responsabilità sociale nella pratica degli investimenti finanziari. Questo mercato, dominato per la maggior parte dagli investitori istituzionali, segnala in particolare in Italia il limitato coinvolgimento dei risparmiatori. In Italia la diffusione di strumenti finanziari per la sostenibilità, oltre che tardiva, è rallentata rispetto a paesi quali Inghilterra, Germania, Francia e Usa. Questo a causa – dicono gli addetti ai lavori - di motivi normativi, politici e culturali. Dopo gli anni pionieristici di metà ‘90, in Italia la più comunemente nota “finanza etica” ha oggi bisogno di riprendere slancio e di smarcarsi dall’utilizzo strumentale e d’immagine data dalle sue potenzialità.

L’approccio Esg

Anche per via della crisi economico-finanziaria che si riversa sulla vita delle persone, il mercato Sri è in evoluzione, così come la sua terminologia e le definizioni. Largamente diffuso e condiviso è oggi l ’approccio Esg , per intendere che gli investimenti devono essere orientati da tre criteri di sostenibilità : l’ambiente (Environment), il sociale (Social) e la gestione aziendale Governance).
Convinzione comune è che la futura crescita e il consolidamento del mercato degli investimenti sostenibili e responsabili tra i cittadini dipenderà in larga misura dalla capacità e dalla volontà degli operatori del settore di progettare e promuovere prodotti Sri competitivi nel profilo di rischio e rendimento, e credibili nell'approccio alle questioni sociali, ambientali, di governance ed etici, stimolando così la clientela potenzialmente interessata all'investimento responsabile.

Il mercato Sri in Europa

Secondo l’ultimo rapporto di Eurosif, l’Eurosif Sri Study 2010, in Europa il totale asset under management Sri ammonta complessivamente a 4.986 miliardi di euro, con un aumento dell’87% nel biennio 2007-2009. Il mercato europeo degli investimenti sostenibili e responsabili è trainato dagli investitori istituzionali. I fondi pensione pubblici e di riserva svolgono un ruolo di primo piano sul tema Sri, seguiti dalle università e dalle imprese assicuratrici. I fondi pensione aziendali hanno invece un ruolo secondario tra gli investitori Sri, ma comunque importante ed in evoluzione.

… e in Italia

Per quanto riguarda in specifico l’Italia, il totale asset under management Sri ammonta complessivamente a 312,4 miliardi di euro, a fine 2009. Nel 2007 era pari a 243,4 miliardi di euro. Nei due anni (2007-2009), si è evidenziato quindi un aumento del 28%, limitato se paragonato al dato europeo. Anche qui il mercato è dominato dagli investitori istituzionali, che rappresentano circa il 99%. Quelli retail l’1%. Lo studio Eurosif segnala però che in Italia sono ancora pochi i fondi pensione che utilizzano criteri d’investimento Esg. Il ruolo dei fondi pensione, con una progressiva integrazione degli Sri nelle strategie d’investimento, può quindi essere cruciale per lo sviluppo del mercato italiano Sri.

Risparmio etico contro la crisi?

Particolarmente interessante è la forte crescita registrata negli investimenti responsabili a livello retail, nel pieno della crisi economico-finanziaria. I dati di Vigeo (primaria agenzia di rating sociale e ambientale europea) aggiornati al giugno 2010, mostrano infatti una crescita annuale del 29% nellʼofferta di fondi Sri retail a livello europeo e del 41% dei relativi asset gestiti – passando da 53 a 75 miliardi di euro; la Francia, la Germania e il Belgio risultano le realtà di maggior rilievo per dimensioni, dinamicità e incidenza del mercato Sri retail. Se ci si sposta oltre Atlantico, la crescita appare ancora più vertiginosa, in particolare per quanto riguarda la sottoscrizione di fondi etici: i capitali investiti negli ultimi tre anni in Usa sono cresciuti, passando da 200 a 600 miliardi di dollari . La finanza etica viene percepita come una finanza che mette al riparo dalle spirali speculative. Senza per questo dovere rinunciare alla convenienza.
Il calendario della “Sri week”, opportunamente differenziato per tematiche, darà modo di delineare una panoramica trasversale al mercato finanziario italiano, tale da individuare i diversi approcci mediante i quali la pratica della Sri viene declinata dagli operatori nelle diverse politiche di investimento. Nella certezza che - come scrive il direttore di Vita, Giuseppe Frangi - la finanza sostenibile richiede una sorta di alleanza tra chi investe e chi gestisce gli investimenti. Una condivisione di scopo, per un nuovo rapporto comunitario.
29 Maggio 2012

Articoli correlati

 

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017