20 Luglio 2018 / 14:26
M-payment, American Express pronta per nuove acquisizioni

 
Pagamenti

M-payment, American Express pronta per nuove acquisizioni

22 Settembre 2011
Nel mirino aziende in grado di sviluppare sistemi di pagamento virtuale via cellulare nei mercati emergenti. Cina e India in cima alla lista dei desideri. L'obiettivo è contrastare il competitor Visa, ma anche Google
American Express pensa allo shopping, per rispondere alla crescente domanda di soluzioni di m-payment e e-commerce nei mercati emergenti. Lo rende noto Bloomberg, citando l' Executive Vice President dell'azienda, David Messenger , assunto l’anno scorso e messo a capo della nuova unit dedicata al business online e al mobile.
L’azienda di New York, primo gestore di carte di credito per numero di acquisti, sta valutando accordi per entrare in Cina e acquisizioni di start up specializzate in software di m-payment nella Silicon Valley. In quest’ottica, già l’anno scorso American Express ha rilevato per 660 milioni di dollari Loyalty Partner , un’azienda di marketing che conta clienti soprattutto in Germania, Polonia e India, specializzata in programmi di card fidelity online, direct mailing e newsletter dedicate.
L’obiettivo di American Express è aumentare la sua presenza nei mercati emergenti nel settore dei pagamenti wireless e Internet, per contrastare l’attivismo di Visa e Google , che hanno già annunciato servizi di pagamento virtuale.
Secondo stime di Juniper Research, il mercato dei pagamenti mobili raggiungerà 670 miliardi di dollari nel 2015 , a fronte dei 240 miliardi di quest’anno. In paesi emergenti come India e Cina, una massa crescente di consumatori sta acquistando carte di credito e smartphones. Tanto che nel 2020 la Cina supererà gli Usa, diventando il primo mercato globale di carte di credito , secondo stime di MasterCard.
Secondo Daniel Schulman, group president of enterpirse growth di American Express , l’m-payment in paesi emergenti come la Cina supererà di gran lunga i pagamenti via carta di credito. Per questo motivo acquisizioni analoghe a quella di Loyalty Partner saranno all’ordine del giorno: aziende locali che finiranno nel mirino di Amercian Express per sviluppare il business grazie anche a offerte speciali e campagne marketing.
L’anno scorso American Express ha acquisito per 19 milioni di dollari Accertify, azienda specializzata nella lotta alle transazioni fraudolente , in particolare online.
In aprile nel carrello di American Express è finita Payfone, provider di mobile payment , per ulteriori 19 milioni di dollari. Infine, a marzo l’azienda ha annunciato il programma Serve , un borsellino elettronico che consente di effettuare pagamenti elettronici a chi aderisce, privati e retailer, via cellulare e pc. In agosto Verizon Wirelss ha fatto sapere che integrerà Serve in diversi modelli di cellulari e tablet.
CONTENUTI CORRELATI

Mobile payments, nel 2017 il vero salto di qualità

Da tecnologia esordiente a parte di un ecosistema digitale intelligente: per i pagamenti da smartphone inizia l'anno della grande svolta. Con quattro ...

PA e pagamenti innovativi, lavoriamo per conciliare al meglio questo binomio

Il Salone dei Pagamenti dedica uno dei 5 percorsi tematici al mondo pubblico. A pochi giorni dall’inizio del grande evento sulla Payvolution, ...

I 5 macro-trend che stanno guidando i mobile payments nel mondo

Un mercato che triplicherà entro il 2020, vedrà acquisti di beni e servizi sempre più "leggeri”, avrà come protagonisti gli under 21. Ma...

Se parliamo di cashless, parliamo del futuro. E le start-up ...

La start-up in Italia è sempre esistita, ma oggi nasce da idee di marketing e di servizio, parte da un bisogno e dalle nuove tecnologie per...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...