Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Pagamenti

Pagamenti
Invia Stampa
M-payment, banche provider preferiti in Uk

M-payment, banche provider preferiti in Uk

Secondo un'indagine di Lexis i wallet di fornitori alternativi attirano il 31% dei consumatori
La maggior parte dei consumatori inglesi pensa che la banca sia il provider migliore di servizi di pagamento mobile, ma un terzo dei consumer sarebbe pronto a cambiare provider se esistessero fornitori alternativi, in primis Apple, PayPal e Google. Lo rende noto uno studio condotto da Lexis, una società di ricerca che intervistato un campione di mille possessori di smartphone, secondo cui il 48% del campione sceglierebbe la sua banca per la gestione del borsellino mobile. La banca è considerata il soggetto più affidabile per la gestione dell’m-payment e il canale più influente per effettuare acquisti in mobilità.
La ricerca mostra però che il 31% dei consumatori prenderebbe seriamente in considerazione l’uso di un provider alternativo di servizi di m-payment rispetto alla banca, se solo ci fosse la possibilità di cambiare. Quasi la metà degli intervistati usa già lo smartphone per fare acquisti e il 61% lo utilizza anche per comparare prezzi e cercare beni da acquistare. La possibilità di trovare offerte e occasioni di acquisto in mobilità è uno dei fattori chiave per l’utilizzo dello smartphone per shopping e attività bancarie.
Come al solito, le maggiori preoccupazioni sono legate alla sicurezza: hacker e furto di dati dallo smartphone sono le preoccupazioni più sentite per il 61% degli intervistati. Secondo James Thellusson, responsabile corporate di Lexis, dice che: "Gli attori tradizionali del mondo finanziario saranno le forze dominanti nell’arena dell’m-payment, ma nuovi player avranno ampie possibilità di affermarsi all’interno dell’ecosistema mobile”.
Il report completo è disponibile al seguente link:
21 Dicembre 2011

Articoli correlati

 

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017