18 Luglio 2018 / 16:51
Moneta elettronica, il 30% degli italiani la preferisce al cash

 
Pagamenti

Moneta elettronica, il 30% degli italiani la preferisce al cash

di Flavio Padovan - 9 Ottobre 2012
Presentati al SIA Expo 2012 i risultati dell'indagine realizzata dall'ISPO sui pagamenti in Italia
Un terzo degli italiani è pronto ad abbandonare il contante per la moneta elettronica, anche per i pagamenti sotto i 50 euro. E se i terminali fossero più diffusi tra gli esercenti, la percentuale aumenterebbe al 57%. Sono i primi risultati dell'indagine "Gli italiani e la voglia di cash" realizzata da ISPO per SIA in corso di presentazione a Milano al SIA Expo 2012 .
Chi ama il contante
Secondo la ricerca di SIA, realizzata su un campione rappresentativo a livello nazionale, il 21% degli italiani usa esclusivamente il contante, il 62% paga regolarmente con carte e il 19% si dichiara disposto a sperimentare i mobile payments.
Analizzando le caratteristiche socio-anagrafiche degli utilizzatori dei diversi sistemi di pagamento, emerge che le persone più legate al cash sono principalmente pensionati (30%) e casalinghe (29%), over 64 (35%), con licenza elementare (44%).
Pronti per i mobile payments
Tra i maggiori sostenitori delle carte di pagamento figurano imprenditori e dirigenti (89%), laureati (84%),maschi (69%), di età compresa tra 25 e 34 anni (75%) e tra 45 e 54 anni (73%).
Tra chi è più ben disposto a passare ai pagamenti con il cellulare troviamo i giovani tra i 18 e i 24 anni (39%), studenti (38%), disoccupati (30%) e laureati (37%), abitanti sia del nord-ovest (21%) sia del Sud e delle isole (19%).
Il 74% degli intervistati ritiene che l'uso delle carte di pagamento aiuta a ridurre l'evasione fiscale. Inoltre, secondo il 36% degli italiani, una spinta decisiva per disincentivare il cash potrebbe essere la diffusione dei pagamenti via cellulare.
"La nostra ricerca conferma che i pagamenti di nuova generazione costituiscono una leva importante per il sistema Paese e possono contribuire a recuperare il ritardo dell'Italia a livello europeo - ha commentato Massimo Arrighetti , AD di SIA - Quando si parla di pagamenti emerge un'Italia a tre velocità, quella del contante, delle carte e del mobile payments, che necessita di interventi mirati. I giovani, con la loro voglio di innovazione, rappresentano il futuro dove lo strumento dominante sarà sempre più il cellulare che si somma e integra le carte di pagamento. Occorre quindi individuare delle azioni per incentivare l'uso dei pagamenti e accelerare il processo in atto".

Il 7, 8 e 9 novembre 2018 al MiCo torna Il Salone dei Pagamenti – Payvolution, il più importante evento italiano sull'innovazione e i pagamenti promosso dall'Associazione Bancaria Italiana per favorire lo sviluppo, diffondere la conoscenza e dare spazio alle persone che lavorano per rendere il futuro alla portata di tutti.
Tre giorni di presentazioni, incontri e opportunità per presentare a professionsiti e cittadini le tendenze, gli strumenti e le nuove tecnologie dei pagamenti grazie al contributo di esperti del mondo delle Istituzioni, della Pubblica Amminitrazione, dell'Accedemia e di imprese bancarie e non.
Il futuro passa ancora una volta da qui ed è sempre più sicuro, semplice e trasparente. Ti aspettiamo, la partecipazione è gratuitia. Per registrarti clicca qui

#salonepagamenti2018 #payvolution

CONTENUTI CORRELATI

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

Pagamenti online strategici per i merchant

La scelta della soluzione di pagamento può favorire il successo commerciale. Il 12 luglio un webinar spiegherà, anche attraverso testimonianze e...

Pagamenti digitali, tutta questione di "esperienza"

Sotto la spinta normativa e dei Millennials, inizia a farsi strada anche in Italia il modello di open banking, l'ecosistema digitale che vede al...

L'Internet of Things entra in banca

Pagare con il proprio smartwatch o con altri indossabili, o addirittura pagare senza accorgersi di farlo, non è più fantascienza. È la realtà che...
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...