18 Luglio 2018 / 16:50
Nessuna tensione su tassi

 
Banca

Nessuna tensione su tassi

di Rosangela Iannicelli - 1 Febbraio 2011
Il Centro Studi dell’ABI ha analizzato l'andamento dei tassi d’interesse nel corso della crisi. I dati confermano che sul fronte dei tassi per i finanziamenti non ci sono state tensioni dal lato dell'offerta negli ultimi due anni
Andamento dei tassi d’interesse e crisi. Due termini che messi insieme rivelano un mix di tendenze e comportamenti che potrebbero descrivere bene l’alternanza degli stati d’animo dei mercati negli ultimi 24 mesi. In uno dei focus contenuti nel Rapporto di previsione AFO per il triennio 2010-2012, il Centro Studi dell’ABI ha posto l’accento sul comportamento dei tassi bancari nel corso della crisi finanziaria mostrando come, nonostante la fase recessiva e la lenta e ancora fragile ripresa, l’adeguamento dei tassi d’interesse applicati ai finanziamenti non abbia registrato, nell’ultimo biennio, tensioni dal lato dell’offerta.
Nel dettaglio, secondo le stime del Centro Studi dell’ABI, nel corso del 2009 il tasso sui prestiti a famiglie e imprese si è collocato al di sotto di quanto prevedibile sulla base di cicli economici precedenti, considerando che in una fase di rischio di credito crescente si sarebbero giustificati livelli più elevati dei tassi di quanto ipotizzabile seguendo le dinamiche registrate sui mercati.
L’analisi condotta mostra inoltre come le banche non abbiano trasferito sulla clientela le tensioni sul mercato interbancario verificatesi negli ultimi due anni come conseguenza dell’incremento del rischio di controparte.
Dai dati emerge che se fino alla fine del 2008 il tasso sugli impieghi è risultato in linea con quanto atteso in base alle variazioni del mercato monetario, a partire dal gennaio del 2009 e
fino ad aprile di quest’anno (ultimi dati disponibili) il livello effettivo del tasso sugli impieghi è risultato significativamente inferiore al livello stimato. Anche nei prossimi anni il livello dei tassi sui prestiti dovrebbe rimanere contenuto: secondo le previsioni AFO al 2012 il tasso medio a famiglie e imprese dovrebbe collocarsi al 4,4%, lo stesso livello registrato nel 2009.
Il Rapporto AFO analizza empiricamente anche il rapporto tra credit default swap (CDS) su obbligazioni bancarie e CDS sovrani sui titoli di Stato. Proprio questi ultimi parametri, nell’ultimo triennio, hanno registrato un eccezionale aumento dei premi richiesti per la copertura del rischio di default dei titoli a reddito fisso. Ciò ha riguardato sia i CDS sulle obbligazioni bancarie che i CDS sovrani sui titoli di Stato. Da un’ di questo indicatore di rischio, misurato sia sui titoli di Stato che sulla solvibilità delle banche e osservato su un arco temporale che copre gli ultimi tre anni, emerge come in Italia, rispetto agli altri paesi, il rischio percepito dai mercati ha riguardato maggiormente il debito sovrano più che il debito del settore bancario.
CONTENUTI CORRELATI

Credito e garanzie: accordo ABI-Confindustria

Migliorare il credito alle imprese, liberando risorse per la crescita, con garanzie più flessibile e tempi di recupero più veloci: sono questi gli...

Prestito ipotecario vitalizio, un mercato pronto al decollo

Il Gruppo MutuiOnLine ha recentemente acquisito il 30% di 65Plus puntando sulle potenzialità di crescita di questa soluzione di finanziamento rivolta...

Il finanziamento è verde

Nell’indagine ABI Lab i dati sul green banking 2016: le banche hanno concesso finanziamenti a piccole e grandi imprese a sostegno delle fonti di...

La nuova CQS pronta al decollo

Entro il 2020 i premi complessivi supereranno quota 600 milioni, ma il mercato della Cessione del Quinto potrebbe crescere ulteriormente con la...
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...