Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Post-Trading & T2S Forum

L’appuntamento dedicato due temi centrali per il mondo finance: post-trading e T2S. Esperti di istituzioni, banche, società finanziarie...

Il Salone dei Pagamenti

I contenuti dela II edizione del grande evento che riunisce a Milano tutte le innovazioni e le tendenze legate al mondo dei pagamenti ...

Credito al Credito

L’evento sul credito alle famiglie e alle imprese. Tra i temi chiave: mutui, NPL, cessione del quinto, assicurazione e distribuzione,...

Forum Bancassicurazione

In primo piano il ruolo delle banche per una rinnovata cultura assicurativa. Ma anche le ampie potenzialità del mercato italiano,...

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Banca

Banca
Invia Stampa
NextGen Retail Banking

NextGen Retail Banking

Nel cambio di paradigma che sta affrontando il settore bancario, i sistemi cognitivi e di analitica avanzata sono un fattore centrale per comprendere i comportamenti dei clienti ed offrire servizi innovativi. Ne parla Alessandra Brasca di IBM Italia, analizzando anche i progetti lanciati da Orange Bank e Creval
di Alessandra Brasca - Industry Solutions e Business Development Leader IBM Italia
In un contesto che vede una diffusa digitalizzazione, margini in diminuzione e l’affermarsi di nuovi player, stiamo assistendo ad un cambio di paradigma nell’industria bancaria. Cresce rapidamente l’aspettativa di servizi sicuri, facilmente fruibili attraverso tutti i canali in “real time”. Le banche, mantenendo una costante attenzione all’efficienza operativa per fornire prodotti e servizi di base sempre più “cheap”, sono focalizzate su obiettivi di crescita sostenibile, arricchendo l’offerta con servizi a valore che le differenzino su segmenti quali mass market, affluent e small business.
Emerge la necessità di estendere la conoscenza dei clienti, anticipandone bisogni e progetti, di integrare servizi finanziari innovativi e proprietari e dei partner in un’unica piattaforma fruibile attraverso tutti i canali, semplificando e migliorando così l’esperienza cliente.
In questo scenario i sistemi di analitica avanzata e cognitivi svolgono un ruolo centrale sia nella comprensione profonda dei comportamenti, sia nell’abilitare nuove modalità intelligenti di interazione, offrendo servizi innovativi “cognitive based” di tipo consulenziale.
Nuove modalità di interazione sono ad esempio alla base della strategia di differenziazione di Orange Bank, che ha lanciato a novembre 2017 una nuova “mobile cognitive bank” completamente digitale, focalizzata principalmente sul segmento giovani. La banca fornisce un servizio 24/7 tramite un assistente virtuale per apertura conto, supporto prodotti e servizi di “advisory”. Obiettivo: raggiungere 2 milioni di clienti in 6 anni.
Per migliorare il servizio ai clienti, Creval ha realizzato “Ambrogio”, l’assistente virtuale della Banca powered by Watson, primo punto di contatto per gli operatori di filiale per supportarne operatività e interazione con i clienti. “Ambrogio”, completamente integrato nella catena della conoscenza di Creval, gestisce i quattordici domini di conoscenza della banca, con circa un migliaio di risposte autonomamente indirizzate in collaborazione con il “Service Desk”. Il servizio, attivo da gennaio 2018 e oggi esteso a tutte le 460 filiali del Gruppo, è stato appena insignito del “Premio ABI 2018 per l’innovazione operativa, digitalizzazione e innovazione dei processi interni” e rappresenta un cambio significativo nel modello di servizi ai clienti.
Diverse banche italiane hanno sperimentato con successo le piattaforme digitali di marketing di IBM che permettono di orchestrare le iniziative commerciali ottenendo esperienze omogenee sui diversi canali e, utilizzando profilazione dinamica e contatti in real time, sono in grado di realizzare interazioni particolarmente efficaci.
Ma è soprattutto con le piattaforme aperte che le banche possono ampliare offerta e relazioni, posizionandosi al centro di un ecosistema di partner come, Fintech e Startup, indirizzando bisogni quotidiani in linea con le fasi e lo stile di vita dei clienti, integrando i propri servizi con servizi innovativi finanziari e non.
Nel segmento retail alcune banche spagnole stanno creando piattaforme aperte insieme a partner che operano in altri settori industriali come assicurazioni, telecomunicazioni, operatori del turismo ponendosi molteplici obiettivi: vendere congiuntamente pacchetti che rispondano a bisogni contigui, sviluppare operazioni di cross selling e acquisition (clienti del partner), condividere i rischi inerenti alla gestione della piattaforma.
Nel segmento small business le piattaforme rappresentano un luogo di scambio di informazioni, prodotti e servizi con intere filiere produttive: servizi di supply chain finance, di trade finance, di consulenza finanziaria o anche di servizi di partner come cybersecurity e welfare per i dipendenti. Una delle maggiori banche europee ha iniziato ad utilizzare Watson per i servizi consulenziali alle PMI supportando gli “Advisor” nella preparazione degli incontri con le proprie aziende clienti e nella definizione mirata dei servizi da proporre.
E ancora nell’ambito del Wealth Management, l’utilizzo di logiche di analitica avanzata, modelli quantitativi finanziari e, in prospettiva, l’integrazione di paradigmi “Goal Based Investing” e “Gamification” basati su sistemi cognitivi, sono alla base del percorso di trasformazione dei servizi a valore per i clienti “affluent” di un primario istituto finanziario italiano.
29 Marzo 2018

Articoli correlati

 

  • Una relazione di valore

    È ascoltando le persone e capendo i loro bisogni che le banche sono riuscite ad offrire non solo un servizio efficiente, trasparente, veloce e...

Guida Tassazione 2018

Sullo scaffale

Gestire gli investimenti

Gestire gli investimenti

L’investitore, il consulente, il gestore di fronte alle decisioni di investimento: nella nuova edizione del libro curato da Gino Gandolfi oltre 600 pagine dedicate alla valutazione e alla scelta...

Convegni ABI