Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Tecnologie

Tecnologie
Invia Stampa
Offerte finanziarie online: mi piace! E la privacy …

Offerte finanziarie online: mi piace! E la privacy …

Nell'ultimo Cisco Customer Experience Report sulle attese della clientela retail emerge una tendenza interessante. Una gestione più aperta della privacy in cambio di servizi più personalizzati: consulenza finanziaria su misura, ma anche mutui e prestiti online …
Mattia Schieppati
Il 61% degli utenti è disposto a fornire alla propria banca le impronte digitali o altri dati biometrici per effettuare verifiche sulle transazioni finanziarie e per collaborare all'elaborazione di sistemi di sicurezza contro il furto dell’identità. I più disponibili, in questo senso, sono i cinesi (dice sì ben il 94%), mentre i più restii restano i giapponesi (è disposto a condividere i propri dati solo il 33%). E ancora: anche al di là di discorsi di sicurezza, ma per semplice comodità, il 56% degli utenti è disposto a fornire ulteriori dati personali - oltre a quelli biometrici - al fine di semplificare la gestione delle proprie finanze. Uniche resistenze? Il 60% degli intervistati, in cambio di questa "apertura", chiede però che i propri dati personali non vengano in nessun modo condivisi al di fuori della banca, anche se ciò migliorerebbe la qualità del servizio in altre aree (molto rigidi in questo russi e tedeschi, che dicono nein e niet nel 72% dei casi).
Quello che emerge dal Cisco Customer Experience Report, una ricerca effettuata nel primo trimestre del 2013 dalla Cisco a livello globale sulle dinamiche del mercato bancario retail e appena pubblicata, è una sorta di "mentalità social" che sta pian piano modificando le abitudini bancarie della clientela, che probabilmente si sta abituando a ri-ragionare e ricalibrare il concetto di privacy e il valore dei dati personali anche in seguito al diverso peso che questa "gestione dei dati" sta assumendo via via che si affermano nuove regole e modalità di condivisione sotto l'influenza ormai inevitabile della logica web.
In sintesi, il concetto che sembra diffondersi a livello globale è: sono disposto a rinunciare a una porzione ragionevole della mia privacy se questo può favorire l'efficienza e la praticità di gestione della mia situazione bancaria e finanziaria. Una mentalità che dimostra, tra le altre cose, un'accresciuta fiducia nelle banche.
Il Report scatta una fotografia a livello globale del settore retail: ha infatti analizzato le risposte date da 1.514 utenti e 405 professionisti del settore bancario di 10 paesi (Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Giappone, Russia, Inghilterra e Stati Uniti - manca purtroppo l'Italia, ma le linee di tendenza che emergono sono chiare e valide anche per il nostro Paese). Obiettivo della ricerca, analizzare le preferenze degli utenti in relazione a come e quando desiderano essere coinvolti dalla loro banca tramite diversi canali per attività che vanno dal controllo del proprio conto corrente all’acquisizione di consulenza finanziaria. Una massa di informazioni utilissima per le banche, che offre diversi spunti per ritarare le modalità di approccio al cliente, e i canali di comunicazione. Perché, in sintesi, se il cliente - a livello mondiale - è disposto a cedere una porzione sempre maggiore dei propri dati alla banca, è perché quello che desidera dal proprio istituto è un servizio sempre più customizzato, quasi su misura (lo richiede, globalmente, il 78% degli intervistati). Un rapporto che sfrutti tutte le possibilità tecnologiche più avanzate - mobile in testa - per snellire e rendere più pratico il rapporto con i servizi bancari e finanziari. A oggi, infatti, solo il 45% degli utenti ritiene che la propria banca abbia informazioni sufficienti per offrire loro servizi personalizzati, mentre il 63% del personale di banca ritiene di avere sufficienti informazioni personali sui propri clienti. Una forbice che indica uno strabismo di impostazione che va subito sanato.
Sul bilanciamento tra rapporto personale e gestione online dei servizi, le percentuali si prestano a diverse interpretazioni, ma la spinta verso la comunicazione by device è evidente. Il 54% dei rispondenti ha espresso il desiderio di avere sistemi automatizzati che forniscano consulenza finanziaria o suggerimenti, il 59% ha indicato che vorrebbe ricevere tali suggerimenti direttamente sul proprio dispositivo mobile. Complessivamente, il 71% degli utenti si è detto propenso a comunicare con il proprio operatore finanziario utilizzando texting, posta elettronica o sistemi di video-streaming piuttosto che incontrarsi di persona. In generale, 7 intervistati su 10 e il 92% del personale di banca sono a proprio agio nell’utilizzo della tecnologia virtuale. Anche per tipologie di servizio più "delicate", come la sottoscrizione di mutui e prestiti, che potrebbero essere gestiti virtualmente secondo più della metà degli utenti (57%).
9 Maggio 2013

Articoli correlati

 

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017