17 Luglio 2018 / 18:58
Pizzetti a capo del Gruppo europeo di cooperazione giudiziaria e di polizia (WPPJ)

 
Carriere

Pizzetti a capo del Gruppo europeo di cooperazione giudiziaria e di polizia (WPPJ)

11 Aprile 2011
La definizione di un “quadro giuridico uniforme di protezione dati” continentale tra gli obiettivi del mandato
Sarà ancora il Garante italiano per la Privacy a guidare il Gruppo europeo in materia di cooperazione giudiziaria e di polizia (Working Party on Police and Justice, WPPJ). E’ il quinto anno consecutivo che l’incarico è affidato al vertice dell’Authority italiana. La conferma di Francesco Pizzetti, presidente del Garante per la protezione dei dati personali, è maturata nel corso della Conferenza di primavera che ha visto riuniti a Bruxelles le Autorità per la privacy europee. La cooperazione in materia di giustizia e polizia tra gli Stati europei ha avuto negli ultimi anni uno sviluppo crescente e la protezione dei dati ha assunto di conseguenza sempre più rilevanza. Le dimensioni crescenti della raccolta, utilizzazione e conservazione dei dati, lo scambio a livello globale delle informazioni, lo sviluppo delle nuove tecnologie, specialmente sulla Rete, rappresentano una sfida enorme e rendono sempre più necessaria la definizione di un ''quadro giuridico uniforme di protezione dati''. E questo anche in considerazione del nuovo contesto derivante dal Trattato di Lisbona che ha sostanzialmente trasferito il law enforcement nella sfera di diretta competenza dell'Unione. In linea con questo scenario, il nuovo mandato attribuito al WPPJ e alla presidenza di Pizzetti punta, in particolare, allo sviluppo di sinergie tra il WPPJ e il Gruppo che riunisce i Garanti dell'Ue (Gruppo ''Articolo 29'') con l'obiettivo di rafforzare l'efficacia dell'azione a protezione dei dati dei cittadini europei e il ruolo di supporto alle decisioni della Commissione europea. Nel corso di quest'anno, inoltre, il WPPJ è chiamato a portare a termine una serie di attività legate alla verifica dell'implementazione della Decisione quadro sulla protezione dei dati nel ''Terzo Pilastro'', alla definizione di una politica di supervisione tra gli Stati europei nel settore giudiziario e di polizia, all'uso dei dati Dna per finalità di giustizia e sicurezza.
CONTENUTI CORRELATI

Gdpr, la rivoluzione della privacy

Quali sono i nostri nuovi diritti con l’arrivo del Regolamento europeo sui dati personali? E soprattutto quali i doveri per aziende, piccole e...

La smart home italiana? Parte dal maggiordomo digitale

La domotica in Italia è un mercato da 250 milioni di euro, che cresce ma è ancora legato a un utilizzo basico dell'intelligenza artificiale...

Se il prodotto siamo noi e i nostri dati

Si chiama Data Economy, è l’economia dei dati. Mentre Infonomics è la metodologia che si occupa del valore e del significato di queste...

Web, con Trump privacy più leggera. Ma in Europa sta per cambiare tutto

La Fcc americana sospende l’entrata in vigore della direttiva di Obama che poneva regole più stringenti a telecom e Internet provider nella...
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...