Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Poltrone&Carriere

Poltrone&Carriere
Invia Stampa
Pizzetti a capo del Gruppo europeo di cooperazione giudiziaria e di polizia (WPPJ)

Pizzetti a capo del Gruppo europeo di cooperazione giudiziaria e di polizia (WPPJ)

La definizione di un “quadro giuridico uniforme di protezione dati” continentale tra gli obiettivi del mandato
Sarà ancora il Garante italiano per la Privacy a guidare il Gruppo europeo in materia di cooperazione giudiziaria e di polizia (Working Party on Police and Justice, WPPJ). E’ il quinto anno consecutivo che l’incarico è affidato al vertice dell’Authority italiana. La conferma di Francesco Pizzetti, presidente del Garante per la protezione dei dati personali, è maturata nel corso della Conferenza di primavera che ha visto riuniti a Bruxelles le Autorità per la privacy europee. La cooperazione in materia di giustizia e polizia tra gli Stati europei ha avuto negli ultimi anni uno sviluppo crescente e la protezione dei dati ha assunto di conseguenza sempre più rilevanza. Le dimensioni crescenti della raccolta, utilizzazione e conservazione dei dati, lo scambio a livello globale delle informazioni, lo sviluppo delle nuove tecnologie, specialmente sulla Rete, rappresentano una sfida enorme e rendono sempre più necessaria la definizione di un ''quadro giuridico uniforme di protezione dati''. E questo anche in considerazione del nuovo contesto derivante dal Trattato di Lisbona che ha sostanzialmente trasferito il law enforcement nella sfera di diretta competenza dell'Unione. In linea con questo scenario, il nuovo mandato attribuito al WPPJ e alla presidenza di Pizzetti punta, in particolare, allo sviluppo di sinergie tra il WPPJ e il Gruppo che riunisce i Garanti dell'Ue (Gruppo ''Articolo 29'') con l'obiettivo di rafforzare l'efficacia dell'azione a protezione dei dati dei cittadini europei e il ruolo di supporto alle decisioni della Commissione europea. Nel corso di quest'anno, inoltre, il WPPJ è chiamato a portare a termine una serie di attività legate alla verifica dell'implementazione della Decisione quadro sulla protezione dei dati nel ''Terzo Pilastro'', alla definizione di una politica di supervisione tra gli Stati europei nel settore giudiziario e di polizia, all'uso dei dati Dna per finalità di giustizia e sicurezza.
11 Aprile 2011

Articoli correlati

 

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017