22 Luglio 2018 / 16:18
Proposte concrete per rilanciare il mattone

 
Banca

Proposte concrete per rilanciare il mattone

di Ildegarda Ferraro - 24 Maggio 2013
In un documento ABI-ANCE tutte le iniziative per rivitalizzare l’immobiliare, per rilanciare la domanda e riattivare il circuito del credito
Correggere l’Imu in modo da ampliare e incentivare fiscalmente il mercato delle locazioni; perseguire l’efficacia energetica e riqualificare le città; favorire la mobilità della popolazione sono alcune delle misure raccomandate dall’ABI e dall’ANCE per rilanciare la domanda di immobili. A queste si affiancano precise iniziative per rilanciare l’offerta di credito, come la creazione di un circuito di obbligazioni bancarie garantite, i cosiddetti covered bond, e l’introduzione nel nostro Paese del “risparmio casa”, ossia di piani di accumulo di risparmio diretti all’acquisto della prima casa. Senza dimenticare l’importanza che può avere la creazione di un Fondo dello Stato per le fasce più deboli. Sono queste le principali proposte delineate dall’Associazione bancaria italiana e dall’Associazione nazionale costruttori edili.
In un lungo incontro il Presidente e il Vice Direttore generale dell’ANCE, Paolo Buzzetti e Antonio Gennari, e il Presidente e il Direttore generale dell’ABI, Antonio Patuelli e Giovanni Sabatini, hanno indicato in un documento comune (vai al pdf) le iniziative che possono rilanciare il mercato degli immobili in Italia.
Tra gli strumenti per riattivare il credito a medio e lungo termine viene indicata la creazione di un circuito di emissioni di obbligazioni bancarie garantite, i covered bond. Il documento evidenzia che “le banche potrebbero impegnarsi ad effettuare nel 2013 un flusso di credito per l’acquisto di abitazioni per 10 miliardi di euro, utilizzando raccolta attraverso la forma dell’emissione di obbligazioni bancarie garantite che possono essere sottoscritte con il supporto importante di investitori istituzionali italiani”. Tra le ipotesi direte a rendere più ampio il ricorso a queste obbligazioni viene anche indicato che “si potrebbe richiedere a Banca d’Italia di ridurre il livello di capitale minimo necessario per poter emettere questo strumento (ad esempio dagli attuali 500 milioni a 350 milioni di euro)”.
Le proposte si inseriscono nei lavori che ABI e ANCE da tempo portano avanti, nell’ambito di un tavolo diretto a dare risposte concrete alle questioni sul tappeto.
(sull'argomento, leggi anche: Case, un mercato in difficoltà)
CONTENUTI CORRELATI

Prestito ipotecario vitalizio, un mercato pronto al decollo

Il Gruppo MutuiOnLine ha recentemente acquisito il 30% di 65Plus puntando sulle potenzialità di crescita di questa soluzione di finanziamento rivolta...

Mercato case, continua la ripresa

Nel 2016 crescono del 19% le abitazioni acquistate ed aumenta la capacità delle famiglie italiane per l’acquisto delle abitazioni. La fotografia...

Airbnb fa boom ma scatena mille problemi

I numeri della piattaforma di affitti brevi fanno discutere. L’Italia, al terzo posto al mondo per offerta di abitazioni, è chiamata a dare una...

Quale sostegno a imprese e famiglie

Ammontano a 139 miliardi le rate sospese a Pmi e famiglie dal 2009. A Credito al Credito 2016, l'analisi e i dati sull’andamento dei finanziamenti...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...