Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Banca

Banca
Invia Stampa
Recupero crediti, con il full outsourcing la mediazione diventa semplice

Recupero crediti, con il full outsourcing la mediazione diventa semplice

Gextra gestisce tutte le fasi del processo per conto del cliente su tutto il territorio nazionale, aumentando ulteriormente i vantaggi del nuovo strumento stragiudiziale. Ne parla l'amministratore delegato e presidente Francesca Carafa
Flavio Padovan
Veloce, conveniente, efficace. La mediazione è uno strumento di recupero crediti stragiudiziale che consente un accordo informale e rapido tra le parti con valore di sentenza. Ancora poco diffuso – anche perché introdotto solo nel 2010 – si sta affermando grazie ai vantaggi concreti che assicura a creditore e debitore. Per capire le prospettive della mediazione in ambito bancario abbiamo incontrato Francesca Carafa , Presidente e Amministratore Delegato di Gextra, Gruppo Italfondiario.

Perché Gextra punta sulla mediazione?

Noi crediamo fermamente nella negoziazione come strada per la risoluzione delle controversie in materia di recupero crediti. Le procedure giudiziarie sono lente, costose, piene di ostacoli burocratici. La mediazione, al contrario, è rapida, efficace e conveniente.

Quanto è più veloce la mediazione rispetto alla procedura giudiziale?

La mediazione ha un limite temporale massimo di 4 mesi e l'accordo raggiunto non è impugnabile se non in caso di gravi vizi di forma, illeceità o contrarietà a norme imperative. Inoltre, il verbale redatto dal mediatore ha valore di titolo immediatamente esecutivo per il recupero del credito. Con la procedura del decreto ingiuntivo, invece, nel caso abituale di opposizione da parte di una delle parti in causa, la durata oscilla tra i 2 e i 4 anni. E poi la sentenza può ovviamente essere impugnata e allora i tempi diventano difficili da ipotizzare.

E' anche più economica?

Nella mediazione i costi sono molto contenuti e proporzionali al valore della controversia. Tenga conto che c'è un costo fisso unico di spese di segreteria di 40 euro, che le tariffe si applicano solo se il procedimento viene instaurato e che non vi è obbligo dell'assistenza di un avvocato, con un immediato risparmio relativo alle spese legali. Inoltre ci sono i vantaggi fiscali: un credito di imposta fino a 500 euro in caso di accordo raggiunto tra le parti e nessuna imposta di registro fino 50 mila euro. Ma i vantaggi vanno molto oltre quelli temporali e di costi.

Quali altri vantaggi permette?

Quelli che derivano dalla sua natura di accordo amichevole e informale che mira a trovare un accordo di reciproca soddisfazione in un clima collaborativo. Si viene a creare uno spazio per un dialogo partecipativo fra due parti che sono in conflitto, favorendo la ripresa e il rafforzamento di una relazione positiva tra creditore e debitore. E questo, soprattutto alle banche, garantisce un positivo ritorno di immagine soprattutto in un periodo di crisi come quello attuale. Inoltre, ci sono tutte le ricadute positive che derivano dall'essere un procedimento “informale”, dalla possibilità di udienze telematiche, all'autenticazione di firme in momenti e luoghi differenti, all'inserimento nei verbali di conciliazione di clausole vincolanti il buon esito.

Considerati i vantaggi concreti rispetto all'iter giudiziale, come mai questo strumento non è ancora decollato?

Innanzitutto diciamo che è giovane, essendo stato introdotto solo con il D.Lgs 28 del 2010. E poi perché è una procedura che coinvolge più soggetti e la sede del giudizio è quella prossima alla residenza del debitore. E' per superare queste difficoltà che, per primi, offriamo una soluzione in full outsourcing, in modo che il cliente abbia un solo interlocutore, Gextra, per tutte le fasi del processo di mediazione.

Le banche possono utilizzare questa soluzione in full outsourcing?

L'abbiamo realizzata proprio pensando alle esigenze di banche, società finanziarie, confidi, e agli altri nostri clienti aziendali. Grazie agli accordi che Gextra ha su tutto il territorio nazionale con un organismo di conciliazione terzo accreditato dal Ministero di Giustizia, la banca può esercitare la mediazione ovunque in Italia senza inviare risorse proprie, ma utilizzando i nostri rappresentanti esperti. Garantiamo l'espletamento delle pratiche burocratiche per la convocazione delle parti, offriamo assistenza e informazioni sui vantaggi della mediazione anche al debitore convocato in modo da favorire l'esito positivo dell'accordo, definiamo ipotesi di transazione e gestiamo le trattative sulla base dei livelli di autonomia concordati con il cliente. Abbiamo lanciato la soluzione in full outsourcing a inizio 2013, e abbiamo già ottenuto un importante riscontro dai nostri clienti.

E' un mercato in crescita? Quali sono i vostri obiettivi?

L'attuale momento di difficoltà dell'economia aumenta le situazioni di sofferenza che possono essere gestite con la mediazione. Come Gextra, pensiamo di attivare entro l'anno tra le 2 mila e le 3 mila mediazione, un obiettivo importante essendo la nostra società, in questo campo, una start up. Il mercato è molto più ampio: secondo il Ministero di Giustizia si potrebbero risolvere in via extragiudiziale il 50% delle controversie. Gextra ha sviluppato il servizio in full outsourcing proprio per supportare i clienti e metterli nelle condizioni di potersi avvantaggiare dei benefici che garantisce questo strumento per il recupero dei crediti.
20 Maggio 2013

Articoli correlati

 

  • Rainer Masera, Preside della Facoltà di Economia, Università degli Studi Guglielmo Marconi (intervista a cura di Flavio Padovan e Maddalena...

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017