20 Luglio 2018 / 06:50
Recupero crediti, mediazione in crescita nel 2013

 
Banca

Recupero crediti, mediazione in crescita nel 2013

di Flavio Padovan - 21 Novembre 2013
Secondo i dati dell’Osservatorio Gextra, nel primo semestre 2013 l’86% delle procedure avviate hanno dato esito positivo. Ancora basso il tasso di adesione: meno di 1 debitore su 3 accetta la mediazione
La mediazione civile è uno strumento efficace che permette alle banche di affrontare con un alto tasso di successo il recupero crediti anche per posizioni di sofferenza con anzianità superiore a 18 mesi. E’ quanto emerge dal primo Report dell’Osservatorio Gextra sulla mediazione civile relativa a portafogli di prestiti personali e credito al consumo gestiti dalla società del Gruppo Italfondiario per conto dei suoi clienti. “Nel primo semestre di quest’anno l’86% dei debitori che ha aderito al procedimento ha raggiunto un accordo positivo, confermando che quando si riesce a far dialogare le parti si trova una soluzione, anche nei casi di posizioni molto deteriorate”, spiega Francesca Carafa , presidente e amministratore delegato Gextra. L’esito della mediazione civile risulta particolarmente positivo soprattutto se paragonato all’attività stragiudiziale che, su questa tipologia di portafogli, ha una performance media pari al 5%. Per quanto riguarda i crediti in sofferenza con un’anzianità superiore ai 5 anni, la mediazione ha successo in circa il 20% dei casi.

L’importanza di incontrarsi

Il problema resta però l’adesione: solamente il 30% dei debitori accetta questo strumento di risoluzione delle controversie. “La reintroduzione dell’obbligatorietà della mediazione contenuta nel Decreto del Fare è sicuramente un passo positivo – sottolinea Carafa – e aiuterà a sfoltire l’enorme numero di procedimenti che ora passano per i Tribunali. Ma, in attesa di capire se, come riteniamo, l’obbligatorierà sia applicabile anche all’attività di recupero crediti, dobbiamo continuare a fare cultura e a spiegare ad aziende e debitori i numerosi vantaggi che rendono questa procedura comunque preferibile, come i costi ridotti e i tempi certi non superiori ai 3 mesi per il giudizio”. A questo proposito, l’Italia risulta essere oltre il 150° posto al mondo nell’indice di efficienza di recupero crediti e la durata ordinaria di una procedura di questo tipo nei tribunali ordinari supera abbondantemente i 1000 giorni.

I dati del Ministero della Giustizia

Sono state recentemente diffuse anche le statistiche ufficiali sulla mediazione civile da parte del Ministero della Giustizia da cui risulta che l’utilizzo di questo strumento è in crescita. Nel primo trimestre 2013 sono state registrate 1600 iscrizioni al mese (con un incremento dovuto alla prevalenza di mediazione volontarie), il tasso di adesione dei debitori è stato del 28% e la procedura ha avuto esito positivo nel 45% dei casi. Da un punto di vista geografico, la Lombardia è decisamente la regione più avanzata con il 27,3% del totale nazionale, ma tutto il Nord utilizza la mediazione con maggior frequenza rispetto al Centro e al Sud. Il valore medio delle liti è di 12.648 euro, mentre quello relativo solo a contratti finanziari e bancari è, rispettivamente, pari a circa 33 mila euro e 37.500 euro. A fronte di una durata media di 1066 giorni in tribunale (dato 2010), le procedure di mediazione si sono chiuse in media in 104 giorni, se l’esito è stato positivo, e in 79 giorni nei casi in cui l’accordo non è stato raggiunto.
“Le statistiche del Ministero - commenta Carafa - confermano i trend di crescita della mediazione registrati dal nostro Osservatorio e i vantaggi che assicura, anche se le due rilevazioni non sono però perfettamente confrontabili perché i dati Gextra si riferiscono esclusivamente all’attività di recupero crediti. Inoltre, la significativa differenza sul tasso di successo delle mediazioni avviate (86% Gextra contro il 45% dei dati del Ministero), è anche il risultato dalle attività specifiche che svolgiamo capillarmente su tutto il territorio nazionale e dell’esperienza che abbiamo accumulato in questo settore”.
CONTENUTI CORRELATI

Credito e garanzie: accordo ABI-Confindustria

Migliorare il credito alle imprese, liberando risorse per la crescita, con garanzie più flessibile e tempi di recupero più veloci: sono questi gli...

Prestito ipotecario vitalizio, un mercato pronto al decollo

Il Gruppo MutuiOnLine ha recentemente acquisito il 30% di 65Plus puntando sulle potenzialità di crescita di questa soluzione di finanziamento rivolta...

La nuova CQS pronta al decollo

Entro il 2020 i premi complessivi supereranno quota 600 milioni, ma il mercato della Cessione del Quinto potrebbe crescere ulteriormente con la...

Sviluppo sostenibile come opportunità di crescita

Le banche hanno un ruolo fondamentale nel processo epocale di riconversione sintetizzato negli obiettivi dell'Agenda 2030. Una trasformazione...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...