16 Luglio 2018 / 05:10
Restart, Italia! Il ministro Passera scommette sulle start up

 
Fintech

Restart, Italia! Il ministro Passera scommette sulle start up

di Mattia Schieppati - 14 Settembre 2012
Presentato il documento della task force di esperti del mondo 2.0 che punta sulle giovani aziende dell'ICT come motore di sviluppo
Non è un documento fatto solo di buone intenzioni. E non è nemmeno il solito elaborato ministeriale in macchinoso linguaggio burocratico, anzi. Il tanto atteso Rapporto sulle start up italiane, elaborato da una task force di esperti avviata dal Ministro per lo Sviluppo Economico Corrado Passera e presentato ieri, è un documento intelligente e di respiro che - finalmente - porta l'attenzione su uno spaccato fondamentale del tessuto economico, le neo imprese che lavorano nei campi di frontiera dell'information technology e nei nuovi mestieri del digitale. Ovvero quei soggetti che, secondo il Ministero, rappresentano il motore che potrà traghettare l'Italia fuori dal tunnel della crisi. Il titolo è pieno di energia: Restart, Italia! Perché dobbiamo ripartire dai giovani, dall'innovazione, dalla nuova impresa.
Così il Rapporto definisce le start up che mette al centro dell'analisi:
"Consideriamo start up le società che sono detenute direttamente e almeno al 51% da persone fisiche, anche in termini di diritti di voto, che svolgono attività di impresa da non più di 48 mesi, non hanno fatturato – ovvero hanno un fatturato, così come risultante dall’ultimo bilancio approvato, non superiore ai 5 milioni di euro – e non distribuiscono utili, hanno quale oggetto sociale lo sviluppo di prodotti o servizi innovativi, ad alto valore tecnologico, e si avvalgono di una contabilità trasparente che non prevede l’uso di una cassa contanti, fatte salve le spese legate ai rimborsi".
La presentazione del Rapporto, con l’intervento del Ministro Corrado Passera, si è tenuta ieri a Roncade vicino a Treviso presso la sede dell'incubatore di start up HFarm ed è stata trasmessa in streaming sul sito del Ministero.
I 12 esperti della task force, coordinati da Alessandro Fusacchia del Ministero dello Sviluppo Economico, sono tutti nomi di spicco del panorama digitale italiano: Andrea Di Camillo, Annibale D’Elia, Donatella Solda-Kutzmann, Enrico Pozzi, Giorgio Carcano, Giuseppe Ragusa, Luca De Biase, Massimiliano Magrini, Mario Mariani, Paolo Barberis, Riccardo Donadon, Selene Biffi.
CONTENUTI CORRELATI

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...

Un workshop su HR e Tech

Nella seconda giornata dell’evento Forum HR 2018, Bancaforte propone un workshop sulle tecnologie in ambito HR. Un settore che sta crescendo...

La user experience al centro del progetto

Una grafica minimale e un criterio di navigazione che consente all'utente/lettore di orientarsi costantemente all'interno della proposta di contenuti....
ALTRI ARTICOLI

 

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

 
Pagamenti

Pagamenti, la sfida della blockchain

Costruire un sistema dei pagamenti unico e universale, con transazioni più rapide, riduzione dei costi operativi e più sicurezza nella gestione...

 

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...
Bancaforte TV
Il centro direzionale Green Life di Crédit Agricole a Parma punta su sostenibilità, green e socialità per...