23 Luglio 2018 / 02:21
Scuola digitale? All'Italia un 6 meno meno

 
Fintech

Scuola digitale? All'Italia un 6 meno meno

di Mattia Schieppati - 14 Marzo 2013
Il Rapporto Ocse sull'avanzamento tecnologico della scuola pubblica segnala molti gravi ritardi: il gap digitale è molto ampio, investiti solo 5 euro all’anno per studente. Ma con molti consigli utili ...
Mentre si discute di Agenda e di Agenzia Digitale (il 10 marzo è stato approvato lo Statuto), c'è un rapporto che viene dall'Ocse che propone una fotografia molto importante - e non del tutto positiva - del futuro digitale italiano. Perché ha messo sotto analisi in maniera dettagliata quello che è l'ambito chiave in cui si costruisce il futuro: la scuola.
È stato infatti pubblicato e presentato dal Ministro dell'Istruzione Francesco Profumo il Rapporto The Italian strategy for digital schools, realizzato dall'Ocse – l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che tira le conclusioni - oggettive - del primo quadriennio 2008-2012 del Piano nazionale scuola digitale, il programma di alfabetizzazione informatica e digitalizzazione della scuola italiana promosso dal Miur. Piano che si era posto tre obiettivi molto vasti:
  • far sì che nell'attività scolastica quotidiana delle scuole pubbliche siano disponibili strumenti e tecnologie digitali;
  • sperimentare nuovi modelli di didattica e di organizzazione scolastica basati sull'Ict;
  • supportare lo sviluppo e l'introduzione nelle classi di nuovi device tecnologici.
Tre fronti d'intervento che in questi quattro anni si sono concretizzati in quattro programmi specifici:
  • l'introduzione delle Lim, le lavagne interattive multimediali, nelle classi;
  • il progetto cl@asse 2.0;
  • il progetto scuol@ 2.0;
  • l'utilizzo di editoria digitale per la scolastica.
Arrivati, alla fine del quadriennio, al momento della pagella, l'Ocse promuove l'Italia, riconoscendo la bontà del programma quadriennale e i passi in avanti fatti sul fronte della digitalizzazione, ma con una fortissima riserva. "Le scuole italiane hanno una bassa penetrazione di Ict", è il giudizio, lapidario, che apre la prima sezione del Rapporto. I motivi sono evidenti: l'Italia è terz'ultima, nell'Europa a 27, per disponibilità e utilizzo di strumenti e tecnologie digitali nelle classi (peggio fanno solo Romania e Grecia). "Nel 2011 solo il 30% degli studenti italiani di terza media utilizzava le Ict come strumento di apprendimento durante le lezioni di scienze, rispetto a una media del 48% in altri Paesi dell'Ocse", evidenzia il Rapporto, sottolineando anche, al di là delle buone intenzioni del Piano, che il motivo principale di questa scarsa efficacia è il solito: la mancanza di risorse economiche per sostenerlo.
Il budget messo a disposizione è stato di soli 30 milioni di euro all'anno, lo 0,1% delle risorse che il Miur dedica alla scuola pubblica, che si traduce in una media di 5 euro investiti ogni anno per ciascuno studente. In totale, sono solo 416 le scuole in cui è stato messo in atto il progetto pilota cl@sse 2.0, mentre solo 14 scuole primarie e 15 secondarie sono state inserite nella sperimentazione scuol@ 2.0. Una diffusione ancora troppo bassa, che evidenzia anche numericamente il gap digitale che è proprio una delle mancanze su cui l'Agenda digitale ha la priorità d'intervenire ("Al ritmo attuale ci vorranno più di 15 anni per dotare l`80% delle classi italiane di strumenti tecnologici nelle classi, in particolare delle Lim, ovvero per raggiungere l`attuale livello di dotazioni del Regno Unito", viene detto). Altra carenza evidenziata dal Rapporto Ocse, l'insufficiente preparazione dei docenti preposti all'introduzione e all'utilizzo delle nuove tecnologie.
Complessivamente, al 31 agosto 2012 i numeri della digitalizzazione scolastica sono i seguenti: i computer presenti nelle scuole sono: 169.130 nella scuola primaria (1 Pc ogni 15 studenti); 150.385 nella secondaria di I grado (1 Pc per ogni 11 studenti); 334.079 nella secondaria di II grado (1 Pc per ogni 8 studenti). I dispositivi portatili (notebook o tablet) in uso individuale agli studenti sono 13.650. Le Lim attualmente installate sono 69.813, per una copertura del 21,6% delle aule scolastiche. Le aule connesse in rete sono circa il 54%, mentre l’82% circa delle scuole possiede una connessione internet. Ancora non basta secondo l'Ocse.
Esaurita la parte destruens, l'Ocse propone anche delle "raccomandazioni", alcuni compiti a casa, insomma, per arrivare un po' più preparati al prossimo esame. Prima di tutto, si invita il Ministero ad attivare sinergie e collaborazioni per poter mettere a disposizione più risorse in questo ambito di sviluppo, "si ricorra a finanziamenti integrativi, da parte di privati, regioni, Ffndazioni", ma anche a scegliere tecnologie più economiche e accessibili, come kit composti da computer di classe, visualizzatore e proiettore.
Infine 4 consigli importanti:
  • lo sviluppo di una piattaforma virtuale di scambio delle risorse digitali per insegnanti;
  • la possibilità per le scuole di organizzare la formazione dei docenti in modo flessibile;
  • l'istituzione di premi per gli insegnanti e fiere dedicate all'innovazione;
  • la definizione di obiettivi e criteri di valutazione dei risultati.
CONTENUTI CORRELATI

People-First Strategy, i 5 passi da compiere

Nei prossimi anni anche nelle banche cambieranno skill e professionalità, con attività destinate a sparire o a essere automatizzate e altre, nuove,...

Le sei nuove professioni della Banca Intelligente

Per implementare le nuove opportunità dell’Artificial Intelligence servono nuovi professionisti capaci di far interagire mondo fisico e mondo...

Banche, social e web: il dialogo è interattivo

Informazioni sui prodotti e servizi, assistenza ai clienti, promozione di eventi e iniziative locali, tecnologia, arte, cultura e spettacoli, i temi...

Le 50 password più usate nel mondo

Con l'Internet of Things crescono esponenzialmente i device connessi, ma resta bassa la consapevolezza degli utenti sui criteri minimi di sicurezza...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...