15 Ottobre 2018 / 13:40
 Se la PA diventa motore di crescita per il Paese

 
Banca

Se la PA diventa motore di crescita per il Paese

20 Novembre 2015
Apre con questo tema il Forum Banche e PA, l'appuntamento dell'ABI dedicato alla sfida digitale nel mondo pubblico e al ruolo chiave delle banche, a Roma il 23 e 24 novembre. Introdurre innovazione ed efficienza in questo tessuto innesca un processo virtuoso anche in periferia, con grandi benefici per cittadini e imprese. Tra gli argomenti affrontati: pagamenti elettronici, identità digitale, smart city, fatturazione elettronica, Agenzia delle Entrate digitale, tesoreria, appalti ...
Parte lunedì 23 novembre la due giorni dedicata al rapporto banche-PA e ai servizi bancari e finanziari per le amministrazioni centrali e locali, per gli investimenti pubblici e per sviluppo del territorio. Con 9 sessioni d’analisi e oltre 50 relatori, il Forum Banche e PA (a Roma, Palazzo Altieri il 23 e 24 novembre – vai al programma dell'evento) costituisce un momento importante di analisi e dibattito sulle tante iniziative avviate e da avviare che ruotano attorno al grande tema dell’innovazione e dell’efficienza nel mondo pubblico. Iniziative fondamentali per il rilancio del Sistema-Paese.

Il primo giorno del Forum

Nelle sessioni di apertura, dopo il saluto di Giovanni Sabatini, Direttore Generale ABI, e il Keynote Speech di Raffaella Giordano, della Banca Mondiale, vengono affrontati i temi più innovativi della riforma della PA nella sessione “PA digitale e altre sfide aperte” coordinata da Carlo Mochi Sismondi, Presidente di FPA. A lui è affidato il compito di farci comprendere come le novità previste impatteranno sul cittadino e sulle imprese. Negli ultimi anni in Italia sono stai aperti tanti cantieri per innovare profondamente il Sistema-Paese. Alcuni hanno dato frutti visibili mentre altri procedono lentamente. Il dibattito cerca di fare il punto su questi cantieri e soprattutto di sottolineare quali sono le innovazioni tecnologiche più urgenti e quali sono i passi concreti da fare per introdurle e generare un valore economico tangibile e misurabile.
Il pomeriggio è organizzato in tre sessioni parallele. La prima “Green e PA: le potenzialità di un business virtuoso”, moderata da Antonella Galdi, Vicesegretario Generale ANCI, affronta i temi attuali delle città rinnovabili e dell’uso efficiente delle risorse. E’ ormai ampiamente dimostrato che la Green Economy può contribuire a portare l’intero sistema fuori dalla crisi, ma per sostenere tale cambio di direzione è necessario che comuni e regioni siano messi in grado di operare affinché gli investimenti tecnologici e la riqualificazione in chiave green dei centri urbani siano effettivamente realizzabili, anche attraverso una collaborazione sinergica con il sistema bancario. I Tra i principali fronti di intervento: il Fondo nazionale efficienza energetica, l’Energy performance contract e altri temi chiave, anche con il contributo di case study italiani e internazionali.
Nella seconda sessione parallela si affronta il tema della fatturazione elettronica e dell’e-procurement Il chair Liliana Fratini Passi, DG Consorzio CBI, stimolerà i relatori su come gestire i processi nelle PA con risorse decrescenti ricorrendo alle tecnologie digitali. La relazione PA-fornitori, per esempio, può essere rivoluzionata adottando, in modo sistemico, e-procurement e fatturazione elettronica, specie se queste stesse soluzioni sono tra loro integrate.
La terza sessione “L’Agenzia delle Entrate Digitale” affronta il tema dell’accelerazione digitale nel mondo della fiscalità e i passi da compiere per snellire e velocizzare definitivamente la macchina burocratica delle Entrate. Tali passi non possono essere fatti se non in stretta collaborazione con le banche. La sessione focalizzerà i nodi ancora da sciogliere evidenziando tra l’altro la centralità di quegli attori, fornitori di servizi e soluzioni innovative, che possono svolgere un ruolo chiave. Chair Laura Zaccaria, responsabile della Direzione Norme e Tributi dell’ABI.

Il secondo giorno del Forum

Anche la mattinata del 24 novembre vede 3 sessioni parallele dedicate rispettivamente a tesoreria, identità digitale e contratti d’appalto. La prima “L’armonizzazione e i servizi di tesoreria”, moderata da Carla Ottanelli, Ufficio Sistemi e Servizi di Pagamento ABI, parte dall’armonizzazione dei bilanci e dei principi contabili della finanza pubblica, introdotte l'anno scorso anno, per capire cosa è stato fatto e cosa resta da fare. I relatori si confrontano sulle criticità ancora irrisolte delle gare di tesoreria “deserte”, anche alla luce delle modifiche al regime delle giacenze degli enti con la sospensione della tesoreria unica “mista”, sempre nella cornice dei rapporti tra banche e PA locale e dei cambiamenti, che in modo diretto o indiretto, incidono sui rapporti di tesoreria e di cassa.
Identità digitale” è la sessione moderata da Romano Stasi, Segretario Generale Consorzio ABI Lab. Con il Sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale di cittadini e imprese (Spid), le PA possono consentire l'accesso in rete ai propri servizi, oltre che con lo stesso Spid, solo mediante la carta d'identità elettronica e la carta nazionale dei servizi. In attesa del decreto attuativo la sessione illustra gli impatti e i futuri scenari che si potrebbero aprire.
La terza sessione è dedicata ai contratti e garanzie per la realizzazione di opere pubbliche. La moderatrice Ines Scacchi, Ufficio Affari Legali ABI, prende spunto dal prossimo recepimento delle tre nuove Direttive in materia di appalti e concessioni e della conseguente riscrittura del Codice dei contratti pubblici, per lasciare la parola a qualificati esponenti del mondo bancario e assicurativo. I relatori si confrontano sulla garanzia globale di esecuzione, il cui rilascio ha sempre sollevato nel nostro ordinamento profili di criticità e per la cui ridefinizione, dunque, il recepimento delle direttive può costituire l’opportunità di un’organica semplificazione.
Il Forum chiude con uno dei settori più interessati alla rivoluzione digitale: i pagamenti elettronici. Rita Camporeale, Responsabile Ufficio Sistemi e Servizi di Pagamento ABI, modera la sessione che si interroga su quali sono i più recenti strumenti di pagamento elettronici verso la PA e verso i gestori di servizi di pubblica utilità, a che punto è e come ne viene supportata la diffusione, quali impatti possiamo aspettarci dalle innovazioni in questo campo.
CONTENUTI CORRELATI

Il Piano di Piacentini per digitalizzare la PA

Approvato il Piano triennale per l'informatica nella pubblica amministrazione 2017-2019 realizzato dall'Agenzia per l'Italia Digitale. Una piattaforma...

Pagamenti con Sms alla PA. Il nuovo Codice dà la svolta

Con la pubblicazione del Codice dell'Amministrazione Digitale la road map dell’innovazione è segnata. E i pagamenti sono uno snodo fondamentale del...

CBI, banche e PA: alleanza per digitalizzare l’Italia

Liliana Fratini Passi del Consorzio CBI anticipa a Bancaforte alcuni dei temi chiave del convegno CBI 2014 (vai al programma) che si tiene a Roma l'1...

L'Agenda Digitale si è insabbiata?

Il monitoraggio della Camera dei deputati fa la radiografia dei provvedimenti dell'Agenda Digitale italiana. Risultato? Su 55 adempimenti previsti,...
ALTRI ARTICOLI

 
Pagamenti

È online il programma del Salone dei Pagamenti

La terza edizione dell’evento dedicato all’innovazione nei sistemi di pagamento polarizza l’attenzione dei principali attori della disruption...

 

Il futuro? Tutti col microchip sottopelle

Intervista a David Orban, esperto di tecnologia, che ha deciso di impiantarsi un microchip sotto la superficie della mano destra, che utilizza per...

 
Sicurezza

Cybersecurity vs user experience?

Pagamenti cashless, accesso a servizi bancari e finanziari ovunque e da qualsiasi dispositivo, apertura e integrazione di sistemi e servizi con...
Maggiore protezione dei clienti e un miglioramento della relazione con banche e assicurazioni. Sono questi,...
Liliana Fratini Passi del Consorzio Cbi parla di Cbi Globe - Global Open Banking Ecosystem, la piattaforma che...