Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Sicurezza

Sicurezza
Invia Stampa
Sicurezza online, accordo Min. Interno-CartaSi

Sicurezza online, accordo Min. Interno-CartaSi

L'accordo triennale prevede lo scambio di dati in tempo reale e la partecipazione a progetti comuni per innalzare la tutela dei pagamenti sul web
Il Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno e CartaSi hanno siglato un accordo triennale di collaborazione e scambio di dati in tempo reale per la prevenzione e la lotta ai crimini informatici sui sistemi di home banking e nella monetica.
“Il protocollo di intesa con il Ministero dell’Interno, che sancisce un lungo e consolidato rapporto di collaborazione con la Polizia Postale, testimonia l’impegno di CartaSi nella diffusione della sicurezza dei sistemi e servizi di pagamento elettronici”, ha dichiarato il Presidente di CartaSi Michele Stacca, firmando l'accordo insieme al Direttore centrale delle Specialità della Polizia di Stato Santi Giuffré, alla presenza del Direttore del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni Antonio Apruzzese e il Responsabile Rischi Operativi e di Credito di CartaSi Marco Cortellari.
“Crediamo molto nella cooperazione tra pubblico e privato per affrontare temi e questioni di interesse per la collettività – ha continuato Stacca - così come sentiamo la responsabilità, nel nostro ruolo di leader di mercato, di contribuire allo sviluppo culturale e alla crescita del benessere di tutto il sistema”.
“I fenomeni di criminalità informatica sono caratterizzati dalla extraterritorialità della loro origine, dalla transnazionalità e dalla intersettorialità dei loro effetti dannosi. Sempre più spesso viene inoltre accertata la loro riconducibilità a vere e proprie organizzazioni criminali, ramificate a livello internazionale e che si avvalgono di metodi e tecnologie di attacco sempre più sofisticate”, ha commentato Giuffré, sottolineando anche che “l’efficacia delle attività di prevenzione e contrasto al cyber crime presuppone, da un lato, il consolidamento di concrete ed efficaci relazioni sinergiche tra tutti gli attori, pubblici e privati del settore e, dall’altro, la sensibilizzazione degli utenti finali al tema della sicurezza informatica”.
L’accordo definisce le linee programmatiche della collaborazione tra la Polizia delle Comunicazioni e CartaSi S.p.A. e fa riferimento ad una iniziativa di innalzamento dei livelli di sicurezza e di compartecipazione che il Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha lanciato rivolgendo particolare attenzione al settore bancario. La collaborazione prevede lo scambio, in tempo reale, di dati e informazioni relativi ad allarmi e situazioni di rischio per la sicurezza sia dei sistemi informatici attraverso i quali CartaSi eroga i propri servizi, sia dei servizi fruiti dalla sua clientela; la partecipazione congiunta a progetti di ricerca; la condivisione di studi e analisi aggregate sui temi della sicurezza informatica; attività di formazione e promozione di iniziative di comunicazione.
Gli obiettivi sono da una parte tutelare la cittadinanza nei confronti delle frodi informatiche e dall’altra sensibilizzarla a un corretto utilizzo dei sistemi di pagamento online. CartaSi metterà a disposizione del Ministero dell’Interno il suo patrimonio di sistemi informatici e di reti telematiche per la gestione dei servizi di home banking e monetica per contrastare un fenomeno in costante crescita, ad opera di gruppi criminali organizzati, anche a livello internazionale, che si avvalgono di metodologie e tecniche sempre più evolute.
6 Maggio 2011

Articoli correlati

 

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017