Newsletter

Clicking moves left

Gli Speciali 2017

 

Forum HR

Cultura e regole nella gestione delle risorse umane, evoluzione sociale e digitale, organzizazione, leve motivazionali, contratti, lavoro...

Unione Bancaria e Basilea 3

L’evento dell'ABI su risk management, capitale e vigilanza europea. 120 relatori, 12 sessioni e una tavola rotonda per fare il punto sulla...

Banche e Sicurezza

Le banche tra sicurezza fisica e digitale, sotto il ritmo incessante della trasformazione tecnologica. Come difendersi dalle nuove minacce?

Funding & Capital Markets

I contenuti della IV edizione dell'evento ABI sugli strumenti di funding a disposizione di banche e imprese, sul mercato dei capitali e...

Dimensione Cliente

Il cliente non cerca più prodotti o servizi ma una Customer Journey. Si muove da questo imperativo la nuova edizione del convegno dedicato...

Forum ABI Lab

Bank to the future - Il viaggio nell'ecosistema digitale di ABI Lab nelle 2 giornate di Milano del 21 e 22 marzo - Le videointerviste e i...

Clicking moves right

Home > Banca

Banca
Invia Stampa
Stabilità e crescita: obiettivi comuni

Stabilità e crescita: obiettivi comuni

Tempi, criticità e opportunità. Queste le parole chiave del Convegno dell'ABI “Basilea 3 – Dopo Seul”. Un'occasione di confronto sullo stato della riforma e sull'impatto della nuova regolamentazione sulla ripresa economica
Rosangela Iannicelli
L’evoluzione del quadro normativo e i nuovi requisiti patrimoniali richiesti alle banche dagli standard di Basilea sono stati al centro dell’incontro “Basilea3 – Dopo Seul” organizzato dall’ABI. Una giornata di studio e confronto voluta per analizzare le modifiche dello scenario regolamentare, i criteri di applicazione a livello mondiale delle misure e le ricadute sull’economia.

A che punto siamo?

“L’industria bancaria italiana è pronta a rispettare e ad adeguarsi alla nuova regolamentazione – ha dichiarato il Direttore generale dell’ABI, Giovanni Sabatini in apertura dei lavori – Condividiamo l’obiettivo della stabilità, ma è necessario cercare di limitare l’impatto delle misure previste da Basilea3 sulla crescita restando al fianco di famiglie e imprese a sostegno dell’economia nazionale”. Il Direttore generale dell’ABI ha così concluso: “La diversità delle banche italiane da quelle europee è un fattore di solidità che manteniamo saldo grazie alla tradizionale qualità del capitale, relativamente migliore rispetto a quella di altri mercati, al più basso utilizzo della leva finanziaria, a una maggiore incisività delle norme prudenziali a livello nazionale e ad un continuo e fruttuoso confronto con l’Autorità di vigilanza”. Tra gli aspetti principali legati all’analisi delle misure di Basilea3 su cui si è concentrato il dibattito: il diverso grado di leva finanziaria; le differenti modalità nella generazione dei ricavi e nella composizione dell’attivo e del passivo; l’esposizione verso l’estero. Nel dettaglio, la leva finanziaria, indicata dal rapporto tra totale attivo e patrimonio, è in media pari a 28 volte nei Paesi dell’Unione europea, mentre in Italia è ben al di sotto, fermandosi a 14 volte (in Germania si registrano punte superiori a 40). In merito alla modalità di generazione dei ricavi, rappresentata dalla quota di attività finanziarie sul totale degli attivi e da quella sulla raccolta retail (in Italia pari al 63%), le attività finanziarie sul totale dell’attivo sono ferme al 23%, mentre in Germania Francia e Gran Bretagna il dato raddoppia e in Olanda e Irlanda supera il 30%. Inoltre, l’Italia registra un’esposizione ridotta verso l’estero e, in particolare, verso quei Paesi oggi più colpiti dall’instabilità. Nei confronti del settore privato irlandese le banche italiane, come certificato dai dati della Bank for International Settlements (BRI), sono esposte per circa 12 miliardi di euro, un decimo delle esposizioni tedesche e inglesi.

Regole uniforrmi

L’incontro è stato occasione per ribadire l’impegno dell’ABI a collaborare e contribuire, con le Istituzioni italiane ed europee, alla definizione di un quadro di regole uniforme e adeguato che assicuri la stabilità, l’integrità e la correttezza delle norme che regolano i mercati e al contempo sia coerente con il ruolo che le imprese bancarie devono continuare a svolgere nel contesto economico.
1 Febbraio 2011

Articoli correlati

 

  • Un sistema sul crinale

    Il sistema normativo e di business è ancora sul crinale: molte le notizie positive, ma molte anche le incertezze. Ne parla Giacomo De Laurentis,...

Guida Tassazione 2017

Sullo scaffale

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

Elenco degli Sportelli Bancari 2017

In 640 pagine, il panorama più esauriente delle 28.000 filiali e dei 1.400 negozi finanziari operanti in Italia, contenente le principali informazioni ...

Convegni ABI

CREDITO AL CREDITO 2017

CREDITO AL CREDITO 2017

Roma, Palazzo Altieri - 26 e 27 ottobre 2017