20 Luglio 2018 / 14:42
Target2-Securities: al via il countdown

 
Banca

Target2-Securities: al via il countdown

di Flavio Padovan - 3 Novembre 2014
Il prossimo 22 giugno diventerà operativa la nuova piattaforma paneuropea per il regolamento delle transazioni in titoli e l’Italia farà parte della prima wave di migrazione dei depositari centrali con Monte Titoli. Quali sono i vantaggi attesi dalla realizzazione di Target2-Securities? Che impatto avrà sul settore bancario? Lo abbiamo chiesto a David Sabatini, Responsabile Ufficio Finanza dell’ABI, che domani aprirà il primo Forum T2S a Milano
C'è anche l'italiana Monte Titoli, terzo Depositario centrale in Europa, nel primo gruppo che migrerà a Target2-Securities (T2S), la nuova piattaforma ideata dall'Eurosistema per il regolamento centralizzato delle transazioni in titoli. Insieme a lei, il prossimo 22 giugno, inizieranno ad utilizzare la nuova infrastruttura anche i Depositari Centrali di Svizzera, Grecia, Malta e Romania, in quella che è stata prevista dalla BCE come la prima di 4 “wave” di adozione che proietteranno il settore del post-trade in un'ottica realmente paneuropea. Ma che cosa cambierà concretamente? Quali impatti avranno le banche? Ne abbiamo parlato con David Sabatini , Responsabile Ufficio Finanza dell'ABI, che ha anticipato a Bancaforte, alcuni dei temi che verranno affrontati nel primo Forum T2S in programma a Milano il 4 novembre ( leggi qui il programma dell'evento ).
David Sabatini, Resp. Ufficio Finanza ABI
“Con Target2-Securities – spiega Sabatini – la BCE vuole creare un unico ed efficiente mercato dei capitali a livello europeo attraverso l'integrazione delle piattaforme esistenti, con servizi di regolamento per titoli e liquidità senza vincoli di nazionalità. Una sfida iniziata nel 2006 e che, sotto la guida delle banche centrali di Francia, Germania, Italia e Spagna, sta ora per tagliare il traguardo”. Per l'utente finale, cioè per il risparmiatore che acquista i titoli, non ci saranno grandi cambiamenti visibili, continua Sabatini, perché si tratta di una migrazione infrastrutturale che ha rilevanza soprattutto sul livello centrale della catena degli intermediari, oltre che, ovviamente, sul Depositario centrale di ogni Paese. Mentre oggi in Italia la Monte Titoli gestisce il sistema di regolamento titoli a livello nazionale tramite la piattaforma Express II, da giugno utilizzerà T2S che sarà centralizzato a Francoforte e sarà utilizzato anche da tutti gli altri depositari centrali.
T2S, i benefici
La possibilità di sfruttare le economie di scala permette di ottenere vantaggi immediati. “Il business del regolamento titoli è basato sui grandi volumi, quindi centralizzando l'infrastruttura si riescono a ridurre i costi di infrastruttura, back office e, di conseguenza, quelli del servizio”, afferma Sabatini che, però, sottolinea come i risparmi, se pur significativi, siano solo uno dei benefici che porterà la migrazione a T2S. Infatti, la nuova piattaforma unica impone l'abbandono delle procedure nazionali e l'adozione, da parte di tutti, delle procedure proprie di T2S, favorendo così il superamento di quelle che erano barriere di fatto al mercato finanziario unico europeo. Quindi, da questo punto di vista, Target2-Securities favorirà un aumento della competitività in ambito di post-trade europeo e la promozione di un mercato unico dei servizi finanziari attraverso l'armonizzazione dei processi di clearing e settlement.
Lato utenti, invece, le ricadute attese riguardano la riduzione dei costi di settlement per transazioni domestiche e cross border, la possibilità di accedere a tutti gli strumenti finanziari da un unico conto presso un unico CSD, la possibilità di ottimizzare la gestione del collaterale e della liquidità e, per emittenti ed investitori, di diversificare portafoglio ed investimenti.
Grazie ai lavori di T2S, infine, è in corso anche l'armonizzazione a livello europeo della gestione degli eventi societari, come ad esempio le Assemblee e la distribuzione di dividendi.
Le prossime fasi del progetto
L'Eurosistema ha fissato un calendario dettagliato della migrazione a Target2-Securities. Dopo il primo gruppo del 22 giugno, sarà la volta – Wave 2 , prevista per il 28 marzo 2016 – di Euroclear Belgium, Euroclear France, Euroclear Nederland, National Bank of Belgium Securities Settlement System e Interbolsa – Sociedade Gestora de Sistemas de Liquidação e de Sistemas Centralizados de Valores Mobiliários (Portogallo). Il 12 settembre 2016 aderiranno a T2S con la Wave 3 : Oesterreichische Kontrollbank Aktiengesellschaft (Austria), VP Securities A/S (Danimarca), Clearstream Banking (Germania), Központi Elszámolóház és Értéktár Zrt. – KELER (Ungheria), VP LUX (Lussemburgo) e LuxCSD (Lussemburgo). Infine la Wave 4 del 6 febbraio 2017, a cui partecipano AS Eesti Väärtpaberikeskus (Estonia), Euroclear Oy (Finlandia), Lietuvos centrinis vertybinių popierių depozitoriumas (Lithuania), KDD - Centralna klirinško depotna družba (Slovenia), Centrálny depozitár cenných papierov (Slovacchia), Iberclear - BME Group (Spagna).
CONTENUTI CORRELATI

Mifid 2 e reporting, tre questioni chiave

Ridefinizione delle trading venues; introduzione dei dispositivi di pubblicazione autorizzati; revisione degli obblighi di Pre e Post-trade reporting:...

Mifid 2, cosa cambia per consulenti e gestori

Per la protezione dell’investitore, le nuove regole che partiranno il 3 gennaio pongono attenzione al tipo di consulenza e alla trasparenza dei...

Come gestire i collaterali

Bnp Paribas Securities Services lancia una piattaforma di Triparty Collateral per gestire in maniera integrata le garanzie sulle transazioni. Con il...

Il back office sarà digitale

Da funzione operativa a centro di competenza. Anche nel post-trading l’intelligenza artificiale può aiutare a delegare alle macchine alcuni...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...