20 Luglio 2018 / 03:18
Tutti i crediti anticipati alle aziende

 
Banca

Tutti i crediti anticipati alle aziende

di Ildegarda Ferraro - 8 Ottobre 2013
A quota 6 miliardi i crediti PA ceduti a banche e intermediari. Le imprese sentono i morsi della crisi e le banche vedono aumentare la rischiosità. Patuelli: “Occorre una legislazione che agevoli i nuovi prestiti”
Ammontano a 6,2 miliardi i crediti PA, scaduti entro la fine del 2012 e quindi pagabili, che le imprese hanno ceduto a banche e intermediari finanziari. Per circa 3,5 miliardi di crediti la banca ha avuto un trasferimento pieno, mentre per 2,7 miliardi l’impresa resta a garanzia. Le imprese hanno effettuato circa 1 milione e 200 mila operazioni a 161 banche e intermediari. È quanto emerge dalla rilevazione che l’ABI ha appena concluso sui crediti della Pubblica Amministrazione ceduti dalle imprese. I risultati sono stati trasmessi al Ministero dell’Economia e delle Finanze. La normativa in tema di pagamento di debiti scaduti della PA prevede infatti che le banche e gli intermediari finanziari, attraverso l’ABI, comunichino al Ministero l'elenco completo dei crediti certi, liquidi ed esigibili maturati dalle imprese nei confronti della PA al 31 dicembre 2012.

I numeri

Ecco i risultati dell’indagine in estrema sintesi:
  • sono stati sentiti 1.813 banche e intermediari finanziari, potenzialmente autorizzati ad effettuare operazioni di acquisizione di crediti commerciali vantati da imprese nei confronti della PA;
  • 161 banche e società di factoring e leasing hanno dichiarato di avere crediti certi, liquidi ed esigibili nei confronti della PA al 31 dicembre 2012, ceduti in proprio favore;
  • sono state segnalate circa 1.276.100 operazioni di cessione, di cui 1.137.800 (l’89,2% del totale) nella forma pro-soluto, che realizza per la banca il pieno trasferimento dei rischi e dei benefici connessi con le attività oggetto della transazione, e 138.300 (il 10,8%) nella forma del pro-solvendo, che non comporta per la banca il completo trasferimento;
  • l’importo dei crediti maturati dalle imprese nei confronti della PA al 31 dicembre 2012 e non estinti è pari 6.166.000.000 di euro di cui:
  • le cessioni pro-soluto in termini di ammontare sono pari al 56,4% del totale, per complessivi 3.476.628.000 di euro;
  • le cessioni pro-solvendo sono pari al 43,5% del totale, per 2.683.245.000 di euro;
  • l’importo medio del totale dei crediti ceduti è pari a 4.830 euro, 3.056 euro per le cessioni pro soluto e 19.399 euro per le cessioni pro solvendo.
Le imprese sentono i morsi della crisi e le banche vedono aumentare la rischiosità. Il Presidente dell’ABI, Antonio Patuelli, facendo il punto a Palermo sul quadro d’insieme ha ricordato che “La Pubblica Amministrazione ha già liquidato alle imprese crediti per circa 11 miliardi di euro. In più ci sono i 6 miliardi che le banche hanno anticipato alle aziende per i crediti certificati”. “La rischiosità dell’operatività bancaria – ha aggiunto Patuelli – è enormemente cresciuta in tutta Europa. Il governatore della Bce, Draghi, ha comunicato al Parlamento europeo che in tutta Europa è in crisi la domanda di credito e noi in Italia abbiamo una legislazione che complica l’erogazione di nuovi prestiti. Se in uno sportello viene acceso un mutuo e la famiglia o l’azienda fra due anni non paga più, la banca deve caricare la perdita nel conto economico del medesimo esercizio, ma la parallela compensazione fiscale invece che essere nello stesso anno è spalmata in diciotto anni. In un momento di crisi così è come dire di fare il salto in lungo con una palla di ferro attaccata ai piedi. Attendiamo e sollecitiamo una correzione in questo senso, almeno per i futuri prestiti, per renderci più omogenei all’Europa e per rendere più omogeneo il meccanismo a quello degli altri settori merceologici. Ci auguriamo che questo correttivo sia nella legge di stabilità. Abbiamo avuto garanzie pubbliche dal ministro Saccomanni”.
CONTENUTI CORRELATI

NPL a livello pre-crisi

Accelerazione del calo delle sofferenze delle imprese nel 2017-2018, con un restringimento dei divari attuali tra dimensioni, settori e aree...

Il Piano di Piacentini per digitalizzare la PA

Approvato il Piano triennale per l'informatica nella pubblica amministrazione 2017-2019 realizzato dall'Agenzia per l'Italia Digitale. Una piattaforma...

Così l'artigiano diventa start-up

Al via la seconda edizione di Botteghe Digitali, il percorso di coaching promosso da Banca Ifis per portare il valore dell’industria 4.0 alle...

Pagamenti con Sms alla PA. Il nuovo Codice dà la svolta

Con la pubblicazione del Codice dell'Amministrazione Digitale la road map dell’innovazione è segnata. E i pagamenti sono uno snodo fondamentale del...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...
Bancaforte TV
Le relazioni industriali non devono gestire solo le emergenze – dice Alfio Filosomi, Responsabile Direzione...