21 Luglio 2018 / 19:36
Twitter, un canale per l’emergenza

 
Fintech

Twitter, un canale per l’emergenza

di Franco Volpi - 7 Novembre 2011
L'allarme in diretta e la gestione dei soccorsi. Nel disastro che ha travolto Genova i social network hanno giocato un ruolo chiave. E ora organizzano la ricostruzione
Quella cui stiamo assistendo in questi giorni, venerdì a Genova, poi sabato e domenica su tutto il Piemonte meridionale, quindi a Torino, è la prima grande disastrosa emergenza nazionale nella quale stanno giocando un ruolo fondamentale le reti di social network. Durante le recenti rivoluzioni dei paesi arabi del Nordafrica si è tanto parlato – molto spesso a sproposito – dell'importanza di Facebook e Twitter come strumenti di mobilitazione. Ora stiamo vedendo in azione nel nostro paese gli effetti di questa potenza, e forse chi fino a ieri considerava Twitter e Facebook solamente un passatempo per gente che ha tempo da perdere dovrà ricredersi.
Venerdì, mentre una massa d'acqua impressionante ha sommerso, cogliendola di sorpresa, la città di Genova, i primi a lanciare l'allarme e a gestire, in qualche modo, l'emergenza sono stati proprio centinaia di utenti Twitter . Che in pochi minuti hanno allestito in rete una “unità di crisi” a tutti gli effetti, e mentre le reti cellulari andavano ko e interi quartieri rimanevano isolati, hanno continuato a diffondere informazioni, numeri d'emergenza, aggiornamenti sulle condizioni delle strade e della sicurezza. Un fiume di notizie che è stato prontamente “agganciato” e diffuso dai siti di quasi tutti i quotidiani online, che hanno così trasmesso una particolare – e, nella sua drammaticità, interessantisima – diretta del disastro che stava avvenendo.
Alexa12 «Diffondere il più possibile: il numero verde per emergenza a Genova è 800177797». Simoncico «Aprite le wifi, salite nei piani alti nelle zone pericolose, usate solo il tag #allertameteoLG solo per servizio». RobbOnet : «Ricordate. Ogni informazione importante traducetela in più lingue. Gi stranieri potrebbero non capire le istruzioni». Buzzes : «Sono sul treno, si vedono fiumi e canali quasi a livello strada». Damianoide : «Via tutti da Brignole, Brigate Partigiane, Foce/Fiera, Piazza della Vittoria , onda di piena in arrivo».
GloriaKermit _XD: «Mia sorella era a Brignole. Le arrivava l'acqua alla vita!!! State in casa!! Stazioni nel caos!». FilippoXl: «Numero di emergenza alluvione Genova / Liguria: 800 177 797. Fate girare».
E così via, interminabili. La Protezione Civile subito ha capito la forza di questo strumento , e ha intelligentemente cominciato a rilanciare nel suo Twitter Feed l'aggiornamento continuo dei tweet degli utenti ( http://valdicecina.salaoperativaprociv.org/tweets-archive/ ). Immediatamente gli hastag #genova e soprattutto #allertameteoLG sono esplosi, e per ore hanno costituito la fonte di informazione e di scambio di comunicazioni più utilizzato dai genovesi stessi, e da chi da tutta Italia non aveva altri strumenti per entrare in contatto con la città.
Subito anche gli utenti di Facebook , strumento meno immediato ma con una rete di contatti molto più estesa, si sono messi sulla stessa lunghezza d'onda, e per intere giornate i due rivali, FB e Twitter, hanno collaborato dando un contributo fondamentale all'emergenza.
Mai in Italia, con questa estensione, i social network avevano dimostrato la loro forza ed efficacia, soprattutto la reattività di potere subito, nell'attimo stesso in cui un evento accade, darne notizia e c ostruire una “rete” condivisa di punti di vista e indicazioni utili . L'indicazione più rilanciata, ulteriore dimostrazione di come la tecnologia sia uno strumento sempre più fondamentale, è stata quella di “liberare” le frequenze wifi private : ovvero, visto il black out della rete telefonica fissa e cellulare, togliere le password dalle connessioni wifi private di case e uffici in modo da metterle liberamente a disposizione di tutti coloro che, con un pc o con uno smartphone, potevano appunto connettersi e comunicare.
Non solo. La forza aggregante dei social network non si è esaurita nella concitazione della tragedia, ma sta diventando un motore importante anche nella gara di solidarietà che subito è partita in tutta Italia tra i volontari che si sono messi a disposizione, badile in mano e stivali di gomma ai piedi, per correre in aiuto delle popolazioni colpite dall'ondata di maltempo, a Genova come alle Cinque Terre e nel basso Piemonte.
La risposta più straordinaria è quella che è stata generata, in meno di 24 ore, dalla pagina di Facebook “ fangosullemagliette ”, lanciata venerdì pomeriggio, ad allagamento ancora in corso, da Emanuela Risso, una giovane genovese laureata in lingue e appassionata di new media. 11 mila adesioni in due giorni per questa pagina amministrata da Emanuela e dai suoi amici, che è diventata uno dei punti di riferimento fondamentali per avere informazioni specifiche sulla situazione di Genova, e che, in collegamento con la Protezione Civile e con i municipi, ha contribuito a gestire il flusso e le richieste dei volontari arrivati in città per aiutare a spalare il fango e rimuovere i detriti: organizzando squadre d'intervento, segnalando i punti della città con più necessità di manodopera e indicando i canali attraverso i quali effettuare donazioni per la ricostruzione.
CONTENUTI CORRELATI

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...

L'intelligenza artificiale? Rende gli uomini … più umani

Secondo Paul Daugherty, Chief Technology & Innovation Officer di Accenture e uno dei guru mondiali dell'AI, la vera innovazione nasce dalla...

Un workshop su HR e Tech

Nella seconda giornata dell’evento Forum HR 2018, Bancaforte propone un workshop sulle tecnologie in ambito HR. Un settore che sta crescendo...

La user experience al centro del progetto

Una grafica minimale e un criterio di navigazione che consente all'utente/lettore di orientarsi costantemente all'interno della proposta di contenuti....
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...