17 Gennaio 2019 / 17:40
Umbria, i finanziamenti bancari superano i 21 miliardi

 
Banca

Umbria, i finanziamenti bancari superano i 21 miliardi

di Gianluca Smiriglia - 29 Maggio 2014
Il quadro economico difficile si riflette sulle dinamiche del credito. Ma le banche continuano a sostenere famiglie e imprese
In Umbria, come nel resto del Paese, perdura ormai da un biennio la fase di indebolimento delle attività produttive: la spesa per investimenti si è ulteriormente contratta, risentendo negativamente della ridotta redditività aziendale e dell'incertezza nelle prospettive economiche. L'attività industriale è stata influenzata dalla debolezza della domanda interna, mentre la domanda estera - al netto del settore dei metalli – ha invece fornito un contributo positivo.
Le conseguenze si riflettono sulle dinamiche del credito . Sulla base dei dati disponibili a febbraio 2014 emerge che la recessione frena l’opportunità di investimenti e quindi di erogazione di risorse: i finanziamenti bancari destinati principalmente alle famiglie e alle imprese della Regione hanno superato i 21,3 miliardi di euro con una contrazione annua intorno all’1,3% rispetto al 2013 (trend comunque migliore rispetto alla media dell’Italia centrale a -1,8%) e sono comunque superiori di gran lunga al dato sui depositi (circa 15 miliardi, sempre a febbraio 2014): segno è che le banche in Umbria, come nel resto d’Italia, impiegano più di quanto raccolgono. In particolare, alle imprese sono andati 13,6 miliardi e alle famiglie oltre 6,7 miliardi.
Il settore bancario continua, quindi, a sostenere le esigenze finanziarie di famiglie e imprese, pur scontando esso stesso la difficile congiuntura economica sul territorio, con il risultato che a febbraio 2014 il rapporto sofferenze/impieghi ha raggiunto il 13,5%, con sofferenze a circa 2,9 miliardi di euro.

Le banche in Umbria

La struttura del settore bancario regionale, secondo i dati più recenti, vede attive sul territorio 41 banche per un totale di 530 sportelli . Gli Atm sparsi sul territorio sono 762 unità; i Pos (apparecchiature necessarie per pagare con il Bancomat direttamente nei negozi) 30.632 . Nella regione i lavoratori bancari sono l’ 1,3% del totale nazionale di settore che ha toccato le 320.000 unità.
Questi i dati diffusi sulla situazione creditizia del territorio dalla Commissione regionale ABI Umbria nel corso di un’audizione alla Provincia di Perugia. Il Vice Presidente di ABI Umbria , Luciano Bacoccoli , ha ricordato che “pur in un contesto di difficoltà dell’economia reale, le banche sono vicine alle imprese, convinte delle loro capacità di tenuta e delle potenzialità di crescita. In questo scenario, fondamentale è un adeguato rapporto banca-impresa. Il mondo bancario, negli ultimi anni, ha modificato il proprio modello organizzativo e di offerta nei confronti del mondo imprenditoriale, adeguandolo alle mutevoli esigenze delle imprese, specie di piccole e medie dimensioni. Allo stesso tempo le banche hanno sostenuto le famiglie, supportandole sia con la messa a disposizione di risorse finanziarie sia nei loro piani di investimento e nella gestione del risparmio”.
In questa fase di crisi, il consolidamento del rapporto tra banche e imprese ha prodotto risultati importanti: l’Avviso comune per la sospensione dei mutui ha rappresentato la prova più tangibile di quanto le banche siano vicine alle imprese. Con le Nuove misure per il credito alle Pmi , avviate a febbraio 2012, le banche a livello nazionale hanno sospeso 115.000 finanziamenti a livello nazionale (che si aggiungono ai 260.000 dell’Avviso comune scaduto il 31 luglio 2011), pari a 34,9 miliardi di debito residuo (in aggiunta ai 70 miliardi dell’Avviso comune) con una liquidità liberata di 6,3 miliardi (oltre ai 16 miliardi di euro con l’Avviso comune). All’Umbria è riconducibile il 4,2% del totale delle operazioni sospese e il 2,3% dell’ammontare complessivo delle quote capitali sospese. Con la moratoria in corso, invece, a fine marzo 2014, le banche hanno sospeso circa 20.000 finanziamenti a livello nazionale, pari a 7,4 miliardi di debito residuo con una liquidità liberata di 892 milioni. All’Umbria è riconducibile il 3% del totale delle operazioni sospese e il 2,6% dell’ammontare complessivo delle quote capitali sospese.
Sempre nell’ambito dell’Accordo “Nuove misure per il credito alle Pmi”, da gennaio 2013 è pienamente operativa l’iniziativa Progetti investimenti Italia avviata da ABI e tutte le Associazioni rappresentative del mondo imprenditoriale (alla presenza del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero dello Sviluppo Economico) al fine, tra l’altro, di favorire la crescita degli investimenti delle imprese. Si tratta di un plafond complessivo di 10 miliardi di euro rivolto alle Pmi, in bonis, che vogliano effettuare investimenti in beni materiali e immateriali strumentali all’attività di impresa. A fine marzo 2014 sono ammontati a 4 miliardi di euro, per un totale di 12.206 domande accolte. il 79,2% delle domande presentate riguarda investimenti in beni materiali. In Umbria sono stati erogati 190 finanziamenti per 84,7 milioni di euro pari al 2,2% del totale nazionale.
Infine, nel corso dell’audizione è stato ricordato il rinnovo da parte delle banche delle misure di anticipazione degli emolumenti di cassa integrazione straordinaria , anche in deroga, a favore dei lavoratori (come nel caso relativo ad una nota azienda in Regione) nonché il Protocollo tra ABI Umbria, banche e Regione che individua una serie di misure idonee a completare la ricostruzione degli edifici tuttora danneggiati dal sisma a Marsciano del 2009.
CONTENUTI CORRELATI

La valutazione di un immobile retail in un mercato in profonda trasformazione

La specificità e il valore di un centro commerciale sono insiti nella sua capacità di produrre e sostenere reddito. L'analisi di Duff & Phelps

L'evoluzione del mercato immobiliare

Quali cambiamenti nell'industria immobiliare? L'analisi di Duff & Phelps, tra dinamicità normativa e valore della consulenza

Funding & Capital Markets, la nuova finanza delle Pmi

Le piccole e medie imprese italiane stanno cambiando, come dimostrano i recenti progressi in materia di funding. Con numeri record registrati nel 2018...

Italia dei capitali, tre strumenti chiave

Covered bond, finanza strutturata, project financing. Tre aspetti del mercato dei capitali, europeo ed italiano, analizzati con gli esperti di Scope...
ALTRI ARTICOLI

 
Fintech

Al Ces di Las Vegas le start-up italiane hanno fatto squadra

Risultati positivi per la missione “Made in Italy, The Art of Technology” promossa da Tilt al Consumer Electronic Show che si è appena concluso...

 
Banca

Ancora in crescita la spesa IT delle banche

Aumentano gli investimenti in tecnologie da parte delle banche italiane. Negli ultimi due anni la spesa IT è cresciuta del 5,7% nel 2017 e dello 0,3%...

 
Pagamenti

Pagamenti internazionali, strategici per e-commerce e Made in Italy

Tra i protagonisti del Salone 2018 Riccardo Costantino di Yoox Net-A-Porter, il colosso dell'e-commerce specializzato nel luxury fashion, con 4.700...
Secondo Riccardo Illy piccolo non è più bello. È necessario crescere, adottando nuove forme di...
Marco Iaconis di Ossif analizza i dati positivi del primo semestre 2018, che ha registrato una diminuzione del...