22 Luglio 2018 / 10:57
Un aiuto alle Pmi

 
Imprese

Un aiuto alle Pmi

di Ildegarda Ferraro - 6 Settembre 2013
Moratoria su oltre 100mila finanziamenti per le imprese, per un controvalore di più di 30 miliardi di euro. Pari a 4,2 miliardi la maggiore liquidità a disposizione ...
Una boccata d’ossigeno che aiuta tanti. La moratoria imprese continua a sostenere le aziende in questa difficile fase congiunturale. Ad oggi, secondo i dati più aggiornati, con l’iniziativa Nuove misure per il credito alle Pmi a giugno 2013 le banche hanno sospeso 101.247 finanziamenti a livello nazionale, per un controvalore di 31,3 miliardi. Di qui una maggiore liquidità a disposizione delle imprese pari a 4,2 miliardi di euro. In precedenza, con l’Avviso comune scaduto il 31 luglio 2011 erano stati rinviati 260.00 prestiti, pari a 70 miliardi di debito residuo e ad una maggiore liquidità di 15 miliardi di euro a disposizione per le imprese.
È questo il quadro complessivo che emerge dall’ultimo monitoraggio delle “Nuove misure per il credito alle Pmi”, l’intesa firmata il 28 febbraio 2012 dall’ABI e da Alleanza Cooperative Italiane (che riunisce Legacoop, Confcooperative, Agci), Assoconfidi, Cia, Claai, Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Confedilizia, Confetra, Confindustria, Rete Imprese Italia (che riunisce Cna, Confartigianato, Confesercenti, Confcommercio, Casartigiani). L’accordo è stato siglato anche dal Ministro dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti, e dal Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze.
L’obiettivo delle misure è quello di “assicurare la disponibilità di adeguate risorse finanziarie per le imprese che pur registrando tensioni presentano comunque prospettive economiche positive”. Di qui l’azione per “creare le condizioni per il superamento delle attuali situazioni di criticità ed una maggiore facilità nel traghettare le imprese verso un’auspicata inversione del ciclo economico”.
A livello nazionale, se si guarda all’attività economica dell’impresa le sospensioni sono collegate per
  • il 26,8% al settore commercio e alberghiero;
  • il 16,3% all’industria;
  • il 17,9% all’edilizia e opere pubbliche;
  • il 9,0% all’artigianato;
  • il 5,0% all’agricoltura;
  • il restante 25,0% agli “altri servizi”.
A livello territoriale, la distribuzione per macro aree geografiche, in termini di quota percentuale sul totale, evidenzia che le sospensioni hanno riguardato per:
  • il 58,6% imprese residenti nel Nord Italia;
  • il 21,2% imprese residenti nel Centro Italia;
  • il 20,2% imprese residenti nel Sud Italia.
Il 1° luglio scorso banche e imprese hanno firmato un nuovo “Accordo per il credito 2013”, con interventi finanziari di 3 tipi: operazioni di sospensione dei finanziamenti; operazioni di allungamento; operazioni per promuovere la ripresa e lo sviluppo delle attività. Questa nuova intesa, per permettere di adeguare le procedure, ha prorogato al 30 settembre 2013 le “Nuove misure per il credito alle Pmi”.
CONTENUTI CORRELATI

Credito e garanzie: accordo ABI-Confindustria

Migliorare il credito alle imprese, liberando risorse per la crescita, con garanzie più flessibile e tempi di recupero più veloci: sono questi gli...

Prestito ipotecario vitalizio, un mercato pronto al decollo

Il Gruppo MutuiOnLine ha recentemente acquisito il 30% di 65Plus puntando sulle potenzialità di crescita di questa soluzione di finanziamento rivolta...

Il finanziamento è verde

Nell’indagine ABI Lab i dati sul green banking 2016: le banche hanno concesso finanziamenti a piccole e grandi imprese a sostegno delle fonti di...

La nuova CQS pronta al decollo

Entro il 2020 i premi complessivi supereranno quota 600 milioni, ma il mercato della Cessione del Quinto potrebbe crescere ulteriormente con la...
ALTRI ARTICOLI

 

Il lato oscuro delle intelligenze artificiali

Gli algoritmi ci stanno regalando conquiste positive in tanti campi, compreso quello della finanza e dei pagamenti. Ma bisogna stare attenti ai...

 
Pagamenti

Nuovo record: oltre il 95% dei clienti usa web e Atm

E' un vero boom per il mobile banking, salito in pochi anni dal 6 al 31%, e per l'Internet banking (dal 42 al 59%). Anche in Italia la user experience...

 

Luciano Floridi: «I pagamenti daranno all’Italia un digital shock»

Il filosofo italiano, docente dell’Oxford Internet Institute e direttore del Digital Ethics Lab, il 7 novembre sarà tra i protagonisti della...
Bancaforte TV
Gli effetti dirompenti della direttiva sul settore saranno al centro dell'edizione 2018, insieme ai nuovi...
Bancaforte TV
Secondo Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM, il welfare delle banche continua ad evolversi e...